Grazie al progetto “NaVheTec”, un gruppo di giovani ricercatori è riuscito ad isolare dal succo di limone delle nanovescicole con evidenti proprietà antitumorali. Il team guidato da Riccardo Alessandro si è aggiudicato il primo premio “Start Cup Palermo 2015”, giunto all’undicesima edizione. La cerimonia di premiazione si è svolta al Consorzio Arca, alla presenza del rettore dell’Università di Palermo Roberto Lagalla. Ai vincitori è stato assegnato un premio in denaro di 8.000 euro e anche il premio speciale “UK Trade & Investment”, l’agenzia del Governo Britannico che supporta le imprese, consistente in sei mesi di incubazione presso la loro sede di Southampton.

Al secondo posto, “RIS–TEM”, il team di Claudio di Grigoli, che offre soluzioni analitiche a tour operator e destination managers, grazie allo sviluppo di Tourism Analyzer, una piattaforma informativa integrata con soluzioni di business analytics ed applicazioni verticali sviluppate ad hoc. In questo caso il premio ammonta a 4.000 euro. Al terzo posto, il team di Marco Spinelli che ha presentato un’idea imprenditoriale denominata “RinnoVA”, che intende elaborare una strategia ecosostenibile di gestione dei residui di Posidonia oceanica, coniugandola alla loro attitudine come materia prima per la realizzazione di teli da pacciamatura.

“Desidero sottolineare il buon numero di idee che sono state inviate, oltre 40 – spiega il coordinatore di Start Cup Palermo Giovanni Perrone – la maggior parte di ottimo livello. Un dato che evidenzia come anche in Sicilia lo spirito imprenditoriale sia sempre più vivo e maturo”. Queste tre idee si sono guadagnate l’accesso alla “Start Cup Sicilia”, la competizione a carattere regionale che riunisce le migliori classificate uscite dalle Start Cup delle università siciliane. La premiazione, in questo caso, si svolgerà il prossimo 15 ottobre, presso la sede di Unicredit in via Generale Magliocco a Palermo.

Altre due idee sono state presentate nel corso della giornata: “Wavefield”, di Claudia Cocorullo, che si occupa di monitoraggi microsismici e geodetici dei campi di coltivazione di idrocarburi, geotermici e di stoccaggio, e “Wim”, di Carlo Perrone, che si propone di favorire l’incontro tra domanda e offerta nel settore delle assicurazioni.