“Quest’anno – ha dichiarato ieri, Antonella Ferrara, presidente di Taobuk, durante la presentazione della IV edizione del festival letterario – è stato particolarmente emozionante impaginare un programma in cui, più che mai, la letteratura si incrocia con tutte le arti, com’è sempre stato nei miei desideri”.

“Un’intensa “sette giorni” – prosegue – in si susseguiranno mostre, installazioni d’arte ed eventi lungo i percorsi cittadini, per creare un unico grande “Villaggio delle Belle Lettere”, per celebrare l’agorà e il senso stesso di comunità. Un progetto reso possibile anche dal supporto del sindaco e dell’intera cittadinanza, che mi hanno permesso di realizzare il mio sogno di dare all’iniziativa la forma che avevo sempre immaginato”.

Il Taormina International Book Festival, nasce da un’idea di Antonella Ferrara, con la collaborazione di Franco Di Mare che ne presiede il comitato scientifico. Sono intervenuti all’hotel Timeo durante la conferenza stampa, il sindaco di Taormina Eligio Giardina, la direttrice del Parco Archeologico di Naxos Maria Costanza Lentini, il segretario generale di Taormina Arte Ninni Panzera, il presidente dell’Associazione Albergatori Taormina Italo Mennella.

Taobuk è una kermesse culturale che nonostante i tempi di crisi, ha mantenuto e migliorato di anno in anno la sua proposta. Tutto ciò è possibile grazie alle partnership pubbliche e private e al lavoro dei suoi organizzatori, che hanno tutti il coraggio di fare e comunicare buona cultura. Gli albergatori partecipano al festival omaggiando agli ospiti il pernottamento. Tutto ciò è comunicazione positiva per la cittadina, che si ritrova ad avere ambasciatori delle sue bellezze e della sua generosità in tutto il mondo.

Tantissime sono le novità di quest’anno, in primis la prestigiosa adesione del Presidente della Repubblica.

Il 20 settembre, serata dell’inaugurazione, sarà presente lo scrittore cileno Luis Sepulveda, che per la prima volta sarà in Sicilia. Durante la serata inaugurale, che si svolgerà all’interno dell’ineguagliabile Teatro Antico, lo scrittore riceverà il Taobuk Award, premio all’eccellenza letteraria.

Insieme a lui premiati anche il presidente del Senato Pietro Grasso e il compositore premio Oscar, Nicola Piovani. Il primo terrà una lectio magistralis sulla legalità e la lotta alla mafia, il secondo attraverso il suo libro “La musica è pericolosa” racconterà la genesi di alcuni dei suoi più celebri brani con forse qualche sorpresa per il pubblico.

Tra gli ospiti della serata, l’attore Pippo Pattavina e il regista Giuseppe Dipasquale, direttore del Teatro Stabile di Catania con il quale Taobuk ha stretto un protocollo d’intesa; e ancora I Violinisti in Jeans, duo formato da Angelo Di Guardo e Antonio Macrì, il pianista William Grosso e il soprano Carmen Salamone.

Ma Taobuk si prospetta non solo ricco di letteratura ma di cultura in genere, grazie anche a Taormina Cult, curato da Alfio Bonaccorso e Chiara Carmeni. Attraverso delle passeggiate in calessino a motore, tipo Ape, i visitatori faranno varie tappe e conosceranno gli artisti che da sempre hanno contribuito a far grande la cittadina conosciuta in tutto il mondo come la Perla dello Jonio.

In questo itinerario di letteratura, arte e cinema, emergeranno le radici stesse di Taobuk, sulle tracce di celebri figure che hanno prediletto la Città del Centauro, scrittori e non solo, da David Herbert Lawrence a Oscar Wilde, da Greta Garbo a Tennesse Williams a Truman Capote, da Von Gloeden a Otto Geleng e Roger Peyrefitte, fino a Renzino Barbera, Giovanni Panarello e molti altri. Le visite guidate, saranno attive dal 17 settembre e toccheranno 21 tappe, fra cui Casa Cuseni, Villa Mon Repos, il bar Mocambo, e molti altri luoghi storici del territorio urbano.

Elio Giardina, il sindaco di Taormina ha affermato che «Il Comune di Taormina non solo sostiene Taobuk, ma addirittura lo produce. In una fase in cui tutti i tagli sono all’ordine del giorno, siamo fieri di fare una scelta in controtendenza scommettendo su questo evento, nella consapevolezza che la cultura produce turismo, il turismo poi produce lavoro. Il plauso inoltre va ad Antonella Ferrara, presidente dell’iniziativa, per essersi spesa al massimo affinché l’intera iniziativa potesse svolgersi e svilupparsi al meglio, coinvolgendo scrittori e artisti di paesi e culture diverse».

La manifestazione proseguirà fino al 26 settembre con nomi di spicco quali Alan Friedman, Giancarlo De Cataldo, Francesco Piccolo, Andrea Vitali, Ferdinando Scianna, Piero Pelù e con i siciliani, Santo Piazzese, Alessia Gazzola, Giuseppe Catozzella.

Presente anche l’enogastronomia, con Gigi e Clara Padovani alla ricerca dello “Street Food all’italiana”. Saranno presenti all’incontro il Gambero Rosso e gli chef Peppe Barone e Pietro Parisi, uno siciliano e l’altro campano. Un modo per omaggiare, nella giornata dedicata allo street food, la presidente del festival, Antonella Ferrara e il presidente del comitato scientifico, Franco di Mare, attraverso il gusto e i sapori delle loro terre.

Roberta Corradin, autrice de “La Repubblica del maiale”, interverrà con lo chef siciliano Carmelo Chiaramonte, che preparerà gustose pietanze dedicate alla regina di Sicilia: l’arancia.

Taobuk 2014 è anche connubio tra le arti: dal 19 settembre si inaugurerà la mostra “Ferdinando Scianna: Emilio e altri siciliani”, dal 21 prenderà il via la mostra “Tramanti”, in cui si utilizzeranno materiali poveri e artigianato di alto livello, e i negozi della cittadina parteciperanno a “Taormina Design Promenade – Icone in vetrina”.

Non mancheranno incontri sul cambiamento sociale che affronteranno vari temi: “Il futuro dell’editoria in Europa”, dove interverranno, moderati da Di Mare, i rappresentanti di importanti case editrici nazionali ed internazionali, e “Tolleranza Silenziosa & Infinita Violenza” realizzato in collaborazione con Club Unesco Taormina, che vedrà protagonista Valentina Pitzalis, la giovane arsa viva dall’ex marito. Un atto doveroso di impegno civile per Taobuk, a sottolineare la tragedia di una società nella quale la violenza di genere contro le donne, e i conseguenti delitti, non accennano a diminuire.

Importante il progetto Taobuk Family, laboratorio per i più piccoli, tenuto dall’illustratrice Nadia Ruju, che consentirà ai più piccoli di apprendere e ai grandi di poter seguire con serenità gli incontri del festival, lasciando in buone mani i figli.

La conclusione di venerdì 26 settembre al Teatro Antico avrà gli attori Vincenzo Pirrotta e Galatea Ranzi che leggeranno brani del carteggio tra Federico De Roberto ed Ernesta Valle, dal titolo “Si dubita sempre delle cose più belle”, a cura di Sarah Zappulla Muscarà ed Enzo Zappulla.

Quindi l’incontro con Francesco Piccolo, vincitore dell’ultimo Premio Strega. Infine il cantautore Piero Pelù presenterà la sua autobiogafia e regalerà dal vivo al pubblico di Taobuk alcuni brani in versione acustica.