Guadagna 13.800 euro lordi al mese (9.748 netti), di questi ben 4.500 sono frutto di un rimborso forfettario esentasse. E’ questa la ‘busta paga’ del presidente della Regione Siciliana, Rosario Crocetta, secondo i dati sui compensi dei governatori diffusi dal Corriere della Sera.

Al governatore siciliano, di norma, la Regione paga anche i biglietti aerei, gli alberghi in cui soggiorna e tutte le spese di trasporto (taxi quando non sono disponibili le auto istituzionali con autista).

Crocetta non è il governatore più ricco d’Italia ma fino al 2012 i presidenti sicliani percepivano uno stipendio mensile netto 14.192 euro. Un compenso secondo solo al presidente ella Regione Sarda che percepiva circa 500 euro in più.

Lo stipendio del governatore è quindi quasi il doppio di quello percepito dai deputati regionali che, dopo il recepimento del decreto Monti, guadagnano 5.200 euro netti. In realtà il compenso di un parlamentare siciliano è di 7.100 euro ma 1.900 di questi devono obbligatoriamente essere utilizzati per pagare i collaboratori e non vengono erogati se non viene fornita la documentazione.

Crocetta dispone inoltre di fondi riservati dei quali non deve giustificare (esibire una valida motivazione di legge o contrattuale) la spesa ma soltanto rendicontarla (elenco delle spese con le relative ricevute).