Sei lavoratori in nero scoperti e sanzioni elevate per oltre centoventimila euro. In un negozio di telefonia di Palermo sono stati scoperti 14 lavoratori con contratti irregolari. E’ il bilancio dei controlli effettuati negli ultimi dieci giorni dai carabinieri del nucleo ispettorato del lavoro e del comando provinciale di Palermo, con gli ispettori del lavoro civili.

Complessivamente sono state controllate 8 ditte e verificate 21 posizioni lavorative. I militari hanno scoperto sei lavoratori completamente in nero e per tre aziende è scattata la sospensione dell’attività con conseguente multa da 2000 euro oltre alla maxi sanzione (da 1.500 a 36.000 euro) per singolo lavoratore. Un amministratore e socio di un negozio di telefonia sono stati denunciati perchè ritenuti “responsabili di appalto illecito mediante somministrazione fraudolenta di manodopera in assenza dei prescritti requisiti”.

I 14 lavoratori avevano una posizione irregolare, non in linea con il contratto nazionale di categoria di settore. I lavoratori, sottopagati, venivano illecitamente impiegati per oltre 2000 giornate complessive. In un bar a Lascari i due impiegati presenti erano totalmente in nero ed è scattata la chiusura. Sempre la Lascari, in una ditta edile, è stata contestata la presenza di 2 lavoratori in nero su 2.