I carabinieri di Ragusa, nell’ambito di servizi finalizzati al contrasto del fenomeno del lavoro nero nel settore commercio e pubblici esercizi, hanno in pochi giorni sottoposto a controllo ventisei esercizi pubblici, ventitrè bar-pasticceria e tre panifici, e hanno rilevato complessivamente la presenza di sei lavoratori privi di alcuna tutela assicurativa e previdenziale, ovvero completamente in nero.

Avendo riscontrato una percentuale di lavoratori in nero pari o superiore al 20% della forza lavoro presente, i militari hanno intimato la sospensione dell’attività imprenditoriale di tre delle ditte ispezionate. A conclusione dell’attività sono state contestate sanzioni amministrative per complessivi 29.500 euro per la presenza di lavoratori “in nero”.

Ora i datori di lavoro per ottenere la riapertura delle attività dovranno mettere in regola i dipendenti irregolari, versare parte delle sanzioni e dovranno versare i contributi previdenziali e assistenziali obbligatori non corrisposti.