Anche i ricchi piangono” recitava una famosa telenovela messicana. Niente di più vero, se anche il bravo e bel ragazzo per antonomasia Raoul Bova ha dovuto dichiarare la fine del proprio matrimonio con Chiara Giordano, durato 13 anni e dal quale sono nati due figli.

Abbiamo provato in tutti i modi a risolverli, quei problemi, ma purtroppo non è bastato… E alla fine abbiamo deciso di comune accordo, con grandissimo dolore e con grandissima civiltà, di prendere strade diverse”.

L’attore lo confessa a Vanity Fair, affidando alla rivista l’inevitabile uscita pubblica per chiarire i motivi delle sue scelte private. Ma la frase che sembra aver scatenato maggiori critiche, a partire da Gay Center, giungono in relazioni alle voci di corridoio sulla presunta omosessualità dell’attore.

Lo dico apertamente, mi piacciono le donne. Se fossi omosessuale, credo che non avrei nessun problema a riconoscerlo. O forse non lo direi: perché questo obbligo di dichiararsi, di giustificarsi? Nessuno va in giro a dire: piacere, sono etero”. Una non dichiarazione, si potrebbe pensare, che riporta tutto al punto zero.

Intanto, il Coming Out Day dell’11 ottobre si avvicina. Chi vuole, parli ora oppure taccia. Perché il prossimo gossip è dietro l’angolo.

GUARDA LA FOTOGALLERY