La Regione Siciliana ha ritirato il decreto che aveva autorizzato la pesca del novellame. L’assessore all’Agricoltura, Dario Cartabellotta, ieri sera ha firmato il decreto di revoca del precedente provvedimento, recependo così le indicazioni emerse nell’ultima riunione di giunta.

Tuttavia il governo regionale, tanto l’assessore Cartabellotta quanto il presidente Crocetta, contestano sempre al governo nazionale di non avere mai varato il piano di gestione della pesca del novellame, così come previsto dalle regole europee. Il governatore ha poi chiesto e ottenuto dal ministro delle Politiche agricole, Mario Catania, la riapertura del “tavolo tecnico sulla pesca speciale del novellame”.

Proprio in assenza di indicazioni specifiche da Roma a Palermo si era in un primo momento deciso di autorizzare la pesca di sardine e rossetto (per un periodo limitato di 40 giorni) anche tenendo conto della forte crisi che ha investito il comparto della pesca. Poi però c’erano state le polemiche da parte degli ambientalisti e ancora l’intervento del ministero delle Politiche agricole che aveva ordinato alla Capitaneria di porto di bloccare i pescherecci. Ieri sera infine la revoca dell’autorizzazione da parte dell’assessorato.