Dopo quarantotto ore di black-out informatico della Regione e la lunga trattativa di ieri con Sicilia e-servizi, tornano gradualmente i servizi informatici, in particolare quelli relativi alla sanità. Ripristinata anche la pagina web della Regione dopo il caos causato  dal blocco del collegamento con i server di Sicilia e-servizi,  la partecipata regionale responsabile della piattaforma digitale della pubblica amministrazione.

Restano comunque i disagi. Il collegamento con il Corecom Sicilia, infatti, funziona in modo irregolare e non consente il protocollo degli atti  e  l’accesso alla webmail istituzionale, come spiega il presidente dell’ente Ciro Di Vuolo: “Le convocazioni da inoltrare ai soggetti coinvolti nelle conciliazioni vengono solitamente inviate per mezzo della posta elettronica ma, vista l’attuale situazione, si e’ stati costretti a convocare a mezzo raccomandata, con un notevole aggravio di costi per l’amministrazione e con tempi di attesa evidentemente dilatati”. “Un problema imbarazzante – secondo Vullo – che si trascina ormai da troppi anni, è necessario che si trovi subito una soluzione. Il Corecom Sicilia, a maggior ragione, dovra’ rendere indipendenti i propri sistemi informatici, cosi’ da essere autonomo e autosufficiente per garantire sempre un adeguato servizio ai cittadini”.