“Valuto positivamente che l’azienda Sostare stamani abbia cancellato dal proprio sito il bando per conferire all’esterno l’incarico di direttore generale  dando finalmente seguito alle indicazioni dell’assessore Girlando fondate sul buon senso e il primato dell’interesse generale”. Lo ha detto il vicepresidente vicario del consiglio comunale Sebastiano Arcidiacono apprendendo della revoca del bando pubblico per la ricerca di un dirigente non interno alla Sostare.

Era stato lo stesso Arcidiacono, nei giorni scorsi, a sollevare la questione con una interpellanza all’Amministrazione comunale in cui rimarcava che la figura ricercata dalla partecipata che si occupa degli stalli parcheggio a pagamento avrebbe gravato sul  bilancio dell’azienda per i prossimi cinque anni.

Ieri, invece, il presidente di Sostare, Gilberto Cannavò, aveva chiarito le motivazioni che avevano spinto la partecipata a pubblicare il bando per la selezione esterna.

Si è trattato –ha aggiunto Arcidiacono- di un atto di rispetto sia dei lavoratori di Sostare a cui nelle scorse settimane è stato applicato il contratto di solidarietà con una consistente riduzione dello stipendio, ma anche delle professionalità specifiche interne che avrebbero subito un’ulteriore mortificazione dannosa per l’azienda”.