Finalmente è fatta. E’ stato sottoscritto l’accordo che permette a Rap (la nuova società partecipata che gestisce il servizio di raccolta rifiuti a Palermo) l’acquisto delle fallite Amia e Amia Essemme. E quindi il passaggio da Amia a Rap.

L’iter è stato lungo e travagliato, l’accordo infatti sembrava in dirittura d’arrivo già la settimana scorsa ma poi curatori fallimentari di Amia e Rap avevano temporeggiato.

“Con l’accordo firmato, commenta il sindaco Leoluca Orlando – dopo pochi mesi dai fallimenti si è salvaguardato il servizio pubblico di igiene Ambientale della città e il contestuale livello occupazionale. Pochi avrebbero scommesso su questo risultato in tempi così ristretti, frutto di un impegno corale di tanti, primo fra tutti il presidente Sergio Marino. Adesso la sfida sarà quella dell’efficienza del servizio che si vincerà soltanto se ognuno farà la propria parte: operatori e cittadini, dirigenti e amministratori. L’Amministrazione comunale farà la propria parte progettuale, finanziaria, di controllo”.