“Ho già ribadito più volte che il confronto sulla giunta deve rimanere assolutamente slegato dal tema delle candidature per le elezioni europee”.

Il Presidente della Regione Rosario Crocetta getta acqua sul fuoco della polemica interna alla maggioranza poco prima di entrare nella stanza di Palazzo d’Orleans dove si svolgerà il tavolo di maggioranza.

Una posizione “confortante per i maggiori alleati ad iniziare dal Pd: “”La questione delle candidature riguarda i partiti” aggiunge Crocetta.

“Sugli assessori e su eventuali nuovi equilibri in giunta – dice il capogruppo dell’Udc Lillo Firetto – sarà il Presidente a fare una proposta, ma questa non può ledere il patto originario tra Pd, Udc e Megafono che sta alla base dell’elezione di Crocetta. Non serve un maquillage politico ma occorre un patto di governo che avvii una fase nuova del governo regionale, un impegno forte per approvare la manovra finanziaria, per completare la riforma degli enti locali e stilare un programma quadriennale di adeguata spending review, oltre a un piano di crescita e di sviluppo attraverso l’utilizzo efficiente dei fondi europei”.

Intanto filtrano alcuni nomi che  il Pd, sarebbero pronti a proporre a Governatore per inserirli nell’esecutivo. Si tratta di Tonino Russo, Enzo Napoli e Franco Piro, nomi sui quali, però, non c’è alcuna conferma e che potrebbero rappresentare solo il tradizionale “specchietto per le allodole”.