Rubate dall’ufficio anagrafe del Comune di Casteldaccia 70 carte d’identità e mille euro in contanti custoditi nella cassaforte. Il furto nei locali del Comune di via Ospizio. I ladri hanno tagliato la cassaforte utilizzando la fiamma ossidrica.

Con la stessa tecnica sono riusciti ad entrare negli uffici che si trovano al piano terra della palazzina che ospita il Comune. Sul posto sono intervenuti i carabinieri insieme alla sezione scientifica di Palermo per effettuare i rilievi.

Sull’episodio il sindaco di Casteldaccia, Giovanni Di Giacinto si è dichiarato molto amareggiato: ”E’ un atto grave – sottolinea il primo cittadino – E’ evidente che gli autori puntavano a rubare le 70 carte di identità. Il rischio è che questi documenti possano essere utilizzati per commettere truffe o falsificare identità”.