Si conclude con l’ennesima fumata nera l’incontro all’Ufficio Provinciale del Lavoro convocato nell’ambito della procedura di cambio appalto per il servizio di sicurezza negli areoporti di Lampedusa e Pantelleria.

“Purtroppo anche oggi l’incontro non si è concluso nel modo auspicato – dichiara Mimma Calabrò, segretario Generale della Fisascat Cisl Sicilia – Metronotte D’Italia continua a dichiarare la propria indisponibilità ad assumere il peronale operante con Ksm negli areoporti di Lampedusa e Pantelleria”.

“Abbiamo rappresentato tutto il nostro dissenso al mancato adempimento di quanto previsto in materia di cambio di appalto, continua Calabrò – ribadendo la necessità di una corretta applicazione delle normative vigenti in materia affinchè si ponga fine alle deregulation che lede diritti e tutele a garanzie dei lavoratori. Riteniamo inprocrastinabile l’intervento dell’Enac, nella qualità di ente appaltante, affinchè metta in campo tutte le stretagie atte a far rispettare le regole all’insegna della trasperenza in un settore così delicato che vede donne e uomini in divisa svolgere funzioni di pubblica sicurezza per i quali le garanzie contrattuali molto spesso vengono disattese”.