Controlli e perquisizioni della Digos e della Polizia postale di Catania nell’ambito dell’inchiesta ‘I treni del goal’ che ha portato all’arresto di sette persone, tra cui i vertici del Calcio Catania.

La Polizia postale ha sequestrato cento computer agli attuali 19 indagati. Al vaglio degli investigatori ci sono le cifre delle scommesse on line viziate dalle partite aggiustate con la corruzione dei giocatori compiacenti.

Sono stati sequestrati anche gli smart phone dei vertici del Catania calcio, quelli di Nino Pulvirenti, di Pablo Cosentino e del direttore sportivo Daniele Delli Carri.