Pene più dure per chi commette illecito sportivo, fino alla radiazione nei casi di responsabilità diretta di frode sportiva. E’ quanto deciso all’unanimità dal consiglio federale della Figc dopo il nuovo scandalo che ha investito il calcio emerso dalle indagini della procura di Catania.

L’organismo federale presenterà alla prossima riunione una modifica normativa tesa all’inasprimento delle sanzioni nei confronti dei tesserati. tuttavia, precisano in Figc, che le modifiche alle norme non avranno ad oggetto eventuali processi sportivi legati alle inchieste in corso, ma riguarderanno solo i futuri casi di illecito.

La volontà è quella di aumentare tutti i minimi edittali (compresa l”omessa denuncia sia in caso di scommesse che di illecito sportivo) fino alla radiazione nei casi di responsabilità diretta. “Con una proposta secca di radiazione non avremo più titubanze e non ci saranno più compromessi”, ha sottolineato il presidente della Figc, Carlo Tavecchio.

“Siamo intervenuti anche sulla mancata comunicazione del reato (l”omessa denuncia, ndr) inasprendo la pena che passa da qualche mese ad anni di squalifica“, ha aggiunto il numero uno di via Allegri, precisando che l”esatta entità delle sanzioni “sarà oggetto di un approfondimento da parte dei nostri uffici legali e sarà comunicata al prossimo consiglio federale. L”indirizzo però è di fatto individuato”.