Filcams Cgil – Fisascat Cisl – Uiltucs Uil hanno proclamato per domani, 7 ottobre, lo sciopero dei lavoratori del Cerisdi con contestuale sit in negli spazi antistanti l’Assemblea Regionale Siciliana.

“I lavoratori sono stanchi di attendere invano – afferma Mimma Calabrò Segretario Generale Fisascat Cisl Palermo Trapani – attraverso lo sciopero vogliamo lanciare un forte segnale di dissenso per la gravissima fase di stallo venutasi a creare. Trattasi di alte professionalità che, pur non percependo alcuna retribuzione da circa 7 mesi, quotidianamente hanno assicurato presenza e impegno nelle attività svolte.

Nel corso dell’audizione di domani, convocata dalla II° Commissione chiederemo atti di responsabilità e azioni concrete per tutelare le risorse umane del Cerisdi e proseguire nell’azione dell’auspicato rilancio del Centro sito al Castello Utveggio che può anche essere il riferimento per l’alta formazione per i paesi del bacino del mediterraneo.

Ai vertici delle Istituzioni Regionali chiediamo, pertanto, di superare l’impasse venutasi a creare ritenendo incomprensibile la motivazione per la quale il Centro, sebbene per oltre venti anni sia stato funzionale alla programmazione dell’alta formazione per la dirigenza della pubblica amministrazione, appaia lasciato al margine delle Politiche del Governo con le consequenziali devastanti ricadute che tutto questo comporta per i lavoratori e per l’impoverimento di un patrimonio culturale creatosi nel corso degli anni e riconosciuto in tutto il mondo”.