Il “controllo integrato del territorio”, piano d’intervento, coordinato dalla Questura e condiviso dalla Polizia di Stato con altre Forze dell’Ordine, ha fatto tappa in un’ampia fetta di territorio, ricadente nel quartiere “Oreto” di Palermo.

I controlli, effettuati nelle scorse giornate, hanno visto scendere in campo numerose aliquote di personale della Polizia di Stato (nello specifico del Commissariato di P.S. “Oreto-Stazione”, del Reparto Prevenzione Crimine, del Gabinetto Regionale della Polizia Scientifica e del Reparto Mobile), della Polizia Municipale, del Corpo Forestale dello Stato e dell’A.S.P.

L’attività ispettiva, stavolta, si è rivolta alla presenza di stalle abusive ed ambienti malsani ed inidonei all’allevamento di animali, cavalli in particolare.
Ancora una volta, a fronte di un’ampia porzione di territorio controllata, è stato il quartiere di Ballarò ad evidenziare le principali irregolarità, prime fra tutte, la presenza proprio di due stalle abusive.
In vicolo Michele del Giudice gli agenti hanno trovato due strutture fatiscenti non autorizzate o comunque con numero di assegnazione comunale revocato.

All’interno delle strutture venivano individuati 4 cavalli: nella prima, una cavalla con un piccolo puledro, nella seconda un cavallo da corsa ed uno da lavoro.
Plausibile che il cavallo da corsa venisse lanciato in pericolose e clandestine corse “urbane” e notturne, per scommesse “ in nero”.

Tutti i cavalli, dopo esser passati dal vaglio dei veterinari dell’A.S.P. sono stati portati presso l’ippodromo cittadino ed in maneggi, idonei all’accoglienza.

Nel corso dei servizi sono state controllate 18 vetture ed identificate 34 persone, elevate sanzioni per infrazioni al Codice della Strada per un valore superiore ai 1000,00 euro e denunciate a piede libero tre persone per il furto di energia elettrica.