La polizia municipale ha sequestrato oggi a Palermo circa 3.500 articoli contraffatti a due ambulanti abusivi, rimasti ignoti, che si sono dati alla fuga alla vista degli agenti.

L’operazione è stata effettuata nell’ambito dei controlli del territorio e dei servizi di vigilanza stradale durante la stagione estiva, finalizzata al contrasto dell’abusivismo commerciale e alla contraffazione.

I due venditori stazionavano con le loro bancarelle in via Spinuzza, nei pressi del Teatro Massimo e quando hanno intuito l’intervento degli agenti, si sono velocemente allontanati, per sottrarsi alla identificazione ed alla contestazione del verbale, lasciando la mercanzia sul posto.

Sono così stati sequestrati circa 3.500 pezzi tra accessori per tablet e cellulari, cavi usb, lampade tascabili, rasoi elettrici, mouse, caricabatterie, calcolatrici, portafogli, binocoli, alimentatori per pc ed altro materiale.

Una recente ordinanza per assicurare il decoro urbano nelle strade, vieta il commercio ambulante nel centro cittadino, consentendo che le bancarelle in possesso di regolare autorizzazione possano sostare, nei limiti orari previsti, in alcune strade limitrofe: via Volturno, piazza San Francesco Di Paola, piazza Sant’Oliva, alle spalle del Teatro Biondo, in piazza Franchi e Ingrassia, piazza Amendola.

“La polizia municipale svolge il proprio controllo scoraggiando il commercio abusivo – ha dichiarato il sindaco – ma è fondamentale che anche i cittadini non acquistino materiale di dubbia provenienza, spesso poco sicuro anche per chi lo utilizza.”