E’ stata chiusa con un proscioglimento l’inchiesta della Corte dei Conti sulla societa’ Sicilia e-Servizi, che vedeva indagati il governatore Rosario Crocetta, l’ex commissario e adesso amministratore unico Antonio Ingroia ed alcuni ex assessori.

“Le accuse erano ingiuste”, scrive su Twitter, il presidente della Regione Crocetta, che ha accolto con soddisfazione la sentenza.

Al centro delle indagini era finita la procedura di assunzione di 74 dipendenti ex Sisev, transitati alla societa’ regionale di informatizzazione. Ma i giudici contabili hanno stabilito che la Procura della Corte dei Conti non poteva indagare su Sicilia e-Servizi in quanto societa’ per azioni e non pubblica. Il difetto di giurisdizione e’ stato sollevato dagli avvocati difensori degli indagati.