“Siamo un partito autonomista e come tale guardiamo all’interesse della Sicilia. Se il governo si presenterà con un pacchetto di riforme per la Sicilia noi lo voteremo”.

Toti Lombardo, deputato regionale del Pds-Mpa, a margine della conferenza stampa convocata all’Ars sulla mozione presentata dal partito sugli impianti eolici in Sicilia, prende posizione sullo scontro fra il presidente della Regione Rosario Crocetta e il Partito democratico e lancia un’ancora al Presidente della Regione.

“Nel gruppo non abbiamo valutato la possibilità di presentare una mozione di sfiducia – prosegue Lombardo – Parlo a titolo personale. Se venisse presentata oggi una mozione di sfiducia allora la voterei perché il governo Crocetta non fa politica ma fa un grande reality show, con chi entra e chi esce. A noi non interessa solo il bene della Sicilia”.

Magari qualcuno la presentasse. Io sarei disposto a firmarla, ma lo dico a titolo personale“. A dirlo è Roberto Di Mauro, capogruppo del Pds-Mpa all’Assemblea regionale siciliana, a proposito della mozione di sfiducia al presidente della Regione siciliana, Rosario Crocetta, annunciata nei mesi scorsi dai parlamentari del Movimento Cinque Stelle all’Assemblea regionale siciliana.

“Parlo a titolo personale – ha aggiunto Di Mauro – non è la posizione ufficiale del gruppo, che dovrei riunire per decidere sul tema”. ‘Le beghe di famiglia tra Crocetta e il Pd non ci riguardano, sono cose che stanno affrontando, non so se nella maniera giusta, e comunque sono questioni che appartengono a loro”.

“Le notizie di questi giorni sono due il forte contrasto tra Crocetta il Pd e il tema delle riforme – ha aggiunto -, che ogni tanto il presidente annuncia a parole, ma che, invece, va affrontato mettendo le questioni attorno a un tavolo con i partiti. Non parliamo di poltrone come fa il Pd”.