E’ bastata una perquisizione domiciliare per confermare i sospetti delle forze dell’ordine.
E così, i carabinieri di Monreale mercoledì hanno bussato alla porta D.G, 28 anni, un giovane disoccupato residente a Piana degli Albanesi, divenuto da tempo oggetto dell’attenzione dei militari perché più volte notato in compagnia di suoi coetanei già segnalati per uso personale di stupefacenti.

Nell’intercapedine di una poltrona nella sua camera da letto i carabinieri hanno rinvenuto 19 grammi di hashish, mentre nella cavità interna di una statuetta S. Pio, era nascosta la somma di 100 € in banconote di piccolo taglio. Ancora nella stessa stanza, sono stati ritrovati due taglierini impregnati di hashish, utilizzati per porzionare i panetti dello stupefacente.

Il ragazzo è finito ai domiciliari e dopo l’udienza di convalida tenutasi giovedì, ha richiesto il rito abbreviato ed il patteggiamento della pena. E’ stato condannato a 8 mesi di reclusione e al pagamento di una multa di 200 euro. La pena è stata sospesa.

ve.fe