I poliziotti del commissariato Zisa-Borgo Nuovo di Palermo hanno arrestato Lo Coco Giuseppe e Vittorio, palermitani di 54 e 34 anni, rispettivamente padre e figlio, accusati del reato di detenzione ai fini di spaccio di hashish.
L’arresto è scattato nel contesto di una serie di controlli mirati, effettuati da poliziotti in parchi e villette cittadine dove il fenomeno dello spaccio risulta tanto più pericoloso per la presenza di bambini ed adolescenti.
I più importanti spazi verdi cittadini, già da qualche giorno, sono pattugliati “discretamente” da poliziotti in abiti civili che tengono d’occhio presenze e movimenti sospetti.

E’ accaduto così che, ieri pomeriggio, nei pressi della villetta di piazza Indipendenza, tra i turisti e gli avventori di un noto bar cittadino ed i bambini attirati dalla presenza di un complesso di giostre, si aggirassero i due individui dall’atteggiamento circospetto.

L’appostamento dei poliziotti ha registrato come inizialmente sia arrivato in piazzetta il figlio che guardandosi continuamente attorno si è adagiato su una panchina della villetta.
A distanza di poco tempo è stato raggiunto dal padre Giuseppe con in mano un sacchetto di plastica.

Attorniati da una decina di ragazzini vocianti intenti a giocare a pallone, padre e figlio, soltanto dopo essersi passati di mano il sacchetto di plastica, si sono separati.
I poliziotti sono così entrati in azione ed hanno bloccato i due.

Vittorio Lo Coco nascondeva tra gli abiti 8 dosi già confezionate di hashish per un peso di 30 grammi, mentre nel sacchetto girato dal padre hanno ritrovato panetti di hashish per un peso di 150 grammi.
Immediata è scattata la perquisizione presso il domicilio del padre Giuseppe, dove sono state rinvenuti altre dosi già confezionate di hashish ed un bilancino di precisione, tutto chiaramente posto sotto sequestro.