Due arresti eseguiti nei giorni scorsi dai Carabinieri della Stazione Santa Flavia, nell’ambito dei servizi, disposti dal Comando Provinciale di Palermo per la repressione del fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti tra i giovani.

GUARDA LE FOTO

Nella notte del 12 settembre 2015 la Stazione di Santa Flavia, supportata dal cane “CHEVAL”, pastore tedesco antidroga del Centro Cinofili Carabinieri di Palermo, rivelatosi determinante per la scoperta dello stupefacente, arrestando per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti padre e figlio: Pietro Onorato, 42 anni, coniugato, esercente e Gioacchino Onorato, 26 anni, disoccupato, volto noto alle forze dell’ordine.

Gioacchino Onorato è stato bloccato mentre era alla guida della propria autovettura lungo la S.S. 113, sottoposto a perquisizione e trovato in possesso di circa 25 grammi di “hashish” e della somma contante di euro 1.615,00 in banconote di piccolo taglio.

La successiva perquisizione domiciliare effettuata a carico del padre Pietro Onorato, che gestisce un chiosco nella frazione di Sant’Elia, ha consentito di rinvenire ulteriori 12 grammi della medesima sostanza stupefacente, nonché della somma contante di 5.515,00 euro in banconote di piccolo taglio, il tutto posto sotto sequestro.

I due, padre e figlio, nella mattinata del 12 settembre, su disposizione della competente Autorità Giudiziaria, sono stati portati presso il Tribunale di Termini Imerese, per essere giudicati con rito direttissimo conclusosi con la convalida degli arresti.

Per Gioacchino Onorato è stata inoltre disposta la misura cautelare dell’obbligo di dimora con prescrizioni nel comune di Santa Flavia, mentre per Pietro Onorato l’obbligo di presentazione giornaliero alla Polizia Giudiziaria, pertanto sono stati rimessi in libertà.