E’ in programma martedì 12 maggio in commissione Trasporti del Senato l’audizione sul caso dei collegamenti veloci fra la Sicilia e le isole minori. Da ieri, infatti, gli aliscafi della Ustica Lines hanno sospeso le loro corse verso Egadi, Eolie, Ustica e Pantelleria una decisione scaturita dopo il mancato accordo tra la Regione Siciliana e la compagnia.

A Palazzo Madama saranno ascoltati l’assessore regionale delle Infrastrutture, Giovanni Pizzo, i vertici di Ustica Lines e della Siremar, l’altra compagnia che effettua collegamenti fra la Sicilia e le isole.

A richiedere le audizioni è stato il gruppo di senatori siciliani di Forza Italia che in una nota del coordinatore regionale del partito, Enzo Gibiino, parlano di “situazione drammatica, per l’economia turistica isolana e per l’assetto occupazionale, sulla quale necessita fare immediata chiarezza”.

“Il silenzio assordante sul fallimento delle azioni di governo di Renzi e Crocetta è interrotto da Forza Italia – aggiunge Gibiino – basta accettare supinamente e con rassegnazione i loro proclami. L’Italia va indietro. Viadotti crollati, aeroporti chiusi, collegamenti marittimi sospesi”.

Ieri in una nota gli albergatori delle isole minori avevano contestato duramente la vicenda bollandola come “insensato braccio di ferro tra la Ustica lines e la Regione”.

Federalberghi ha chiesto delle corse aggiuntive a Siremar Compagnia delle Isole per garantire i servizi essenziali ai turisti e alle comunità locali.

Nella vertenza Ustica Lines sono a rischio 40o posti di lavoro.