Un milione di euro di risarcimento per i 4 familiari di una delle 81 vittime della strage di Ustica. Dovrà pagarli lo Stato Italiano in base ad una sentenza pronunciata dal giudice civile palermitano Sebastiana Ciardo che ha condannato i ministeri dei Trasporti e della Difesa nella causa proposta da quattro familiari di Gaetano La Rocca, morto proprio in quella strage.

Lo Stato italiano dovrà pagare, complessivamente, 1.007.152 di risarcimento compresi gli interessi maturati meno le somme già liquidate agli eredi come indennizzo. Il giudice non ha, però, ritenuta liquidabile alcun risarcimento per il danno da depistaggio.

Secondo questa sentenza il danno da depistaggio non è un ”bene ancorato a diritti o interessi costituzionali del singolo”. Su questo punto i legali dei familiari di La Rocca, gli avvocati Vincenzo, Vanessa e Fabrizio Fallica non concordano e stanno valutando il ricorso in appello.

La causa è stata promossa da Alessandro Sabatini La Rocca e Marcello Sabatini La Rocca (figli della vittima Gaetano) che hanno agito nel giudizio come eredi della madre, coniuge della vittima, e le sorelle Maria Teresa e Davinia La Rocca.

Il procedimento era stato stralciato dal giudizio andato a sentenza nell’ottobre scorso perché non erano stati presentati alcuni certificati attestanti le parentele con la vittima. Agli eredi della moglie di La Rocca vanno 402.861,70 euro ciascuno (di cui 202.861,68 come interessi) alle sorella della vittima vanno 101.715,40 ciascuno (di cui 50.715,41 come interessi).