Sempre in movimento i ragazzi di Atlas. Anche sotto Natale, anzi soprattutto in questo periodo, che li vede attivi su più fronti. Come l’anno scorso, infatti, hanno incartato i regali di Natale alla Rinascente in collaborazione con Unicef. Ma soprattutto hanno partecipato, mercoledì 16 dicembre, a una mattinata all’insegna del volontariato civico, coinvolgendo più di un centinaio di studenti delle Facoltà di Economia e Giurisprudenza e del Monastero dei Benedettini, protagonista assoluto dell’evento. Oltre ai marines della base di Sigonella, che insieme a Simone Grasso, Rosario Zappalà e a tanti altri studenti volenterosi, hanno ripulito alcune aree del Monastero.

I ragazzi di Atlas hanno collaborato già in passato con gli americani, che questa volta grazie anche alla collaborazione con l’Università di Catania, sono entrati in uno dei luoghi in assoluto più frequentato dai giovani catanesi, che è appunto l’ex Monastero.

«Un posto bellissimo che riscontra delle problematiche fisiologiche date dal tempo- commenta lo studente di Atlas Simone Dei Pieri. Nonostante fossimo solo dei giovani volontari siamo riusciti a unire le nostre energie per realizzare un progetto importante. Abbiamo spostato diverse centinaia di volumi dalla biblioteca, panche e tavoli, sgombrando alcune aree che erano bloccate». Inoltre è stato ripulito il Giardino dei Novizi da cicche e spazzatura. «E’ quello che dovremmo fare tutti da bravi studenti – dice Simone Grasso, un altro volontario Atlas – aver cura dei luoghi che viviamo ogni giorno. Che può essere l’Università come il liceo o il luogo di lavoro». Era proprio questo il messaggio che i ragazzi volevano trasmettere, soprattutto alle nuove generazioni.

«Speriamo di poter ripetere il progetto e portarlo sempre più avanti con tante partnership. I ragazzi sono stati felicissimi – conclude Simone – siamo tutti soddisfatti del progetto e della partecipazione che c’è stata e ci auguriamo di poter cominciare nuovi progetti a lungo termine».