Il caldo non ci ha ancora dato tregua, ma le piogge della scorsa settimana hanno dato i loro frutti. Ed ecco che è nato il clima perfetto per i funghi. Se ne vedono già diversi in mezzo ai boschi e tanti si sono già armati di buona volontà per andare a raccoglierli. Ma quest’anno c’è una novità.

“Insieme ai funghi porta a casa un po’ di spazzatura” è un invito a tutti i cittadini, una nuova iniziativa per salvaguardare e valorizzare la nostra Etna e tutto il territorio circostante. Chi va a raccogliere i funghi, infatti, può raccogliere anche la spazzatura abbandonata nei boschi che dopo il periodo estivo è davvero tanta, contribuendo a mantenere pulita l’area del parco dell’Etna.
Un’idea nata per caso, lanciata su Facebook dal biologo Vincenzo Torrisi sulla pagina da lui creata “RipuliAMO Catania”, che in pochissimo tempo ha raggiunto circa 700 followers che si danno appuntamento per riempire di spazzatura tantissimi sacchi neri.

Un’azione spontanea, che parte dai cittadini stessi, desiderosi di vivere correttamente la loro città, senza trovare in ogni angolo bottiglie, carte, cibo e rifiuti di ogni tipo.
E anche i comuni del parco dell’Etna hanno sposato questa iniziativa rilanciandola attraverso le loro pagine social e invitando i cercatori a mantenere pulita l’area dove raccolgono i funghi, anche solo portando via un semplice rifiuto.