domenica - 07 giugno 2020

 

Archivio

Ieri ha dato fuoco ad un'auto dei carabinieri

L’ombra di Cosa Nostra
dietro il gesto di Gianluca Agolino

Sono al vaglio degli inquirenti le parole pronunciate subito dopo l’arresto dal 39enne Gianluca Agolino che ieri mattina ha dato fuoco ad una macchina dei carabinieri a Scicli.

0 condivisioni

confezionavano la droga in casa

Spaccio di stupefacenti
4 arresti a Palma di Montechiaro

Durante una perquisizione, nell'abitazione di uno dei quattro i militari hanno rinvenuto 25 grammi di marijuana confezionata in 20 dosi, un bilancino elettronico di precisione e materiale vario evidentemente utilizzato per la confezione delle dosi da piazzare sul mercato.I carabinieri hanno anche sequestrato 275 euro, ritenuti provento dello spaccio.

0 condivisioni

Sgominato clan Brancaccio

I nomi degli arrestati nell’operazione Zefiro

I nomi di tutti gli arrestati nell’operazione Zefiro.

0 condivisioni

ad incastrarli le dichiarazioni di un pentito mafioso

Mafia ed estorsioni, 8 arresti a Gela
In manette 4 carabinieri

Otto persone, tra le quali quattro carabinieri, sono state arrestate nell’ambito di un’inchiesta della Procura distrettuale antimafia di Caltanissetta che ha indagato su un giro di estorsioni e truffe.

0 condivisioni

responsabili di tre omicidi negli anni'90

“S.Valentino-Revenge”, ecco i nomi dei 12 arrestati per mafia

Gli indagati sono tutti detenuti. L'ordine di custodia segue un'inchiesta della Dda che avrebbe scoperto gli autori dell'uccisione di Giuseppe Vacirca, Gaetano Campione e Francesco Pepi, e del ferimento di Rocco Filippo Riggio.

0 condivisioni

Sono interrati sopra un falda acquifera

Palermo, discarica con rifiuti pericolosi: arresti e sequestri

Dalle prime ore dell’alba i Carabinieri della Compagnia Palermo Piazza Verdi stanno eseguendo alcune misure cautelari emesse dal Gip di Palermo, su richiesta dalla locale Direzione Distrettuale Antimafia.

0 condivisioni

vendevano hashish e marijuana

Spaccio di stupefacenti
4 persone in manette a Palermo

I carabinieri di Palermo hanno arrestato quattro persone per spaccio di sostanze stupefacenti. Nel quartiere Ballarò e’ finito in manette Mohamed Naif, ghanese, trovato con sette dosi di marijuana. In via Messina Marine, è stato arrestato Pietro Crocilla, nella sua abitazione sono stati trovati 120 grammi di hashish e 25 di marijuana. In via Inserra, infine, sono stati arrestati Davide Garofalo e Alessandro Mazzara, sorpresi a vendere hashish.

0 condivisioni

l'operazione dei carabinieri

Ragusa, casalinghe spacciavano droga: 14 persone in manette

Quattordici persone, tra le quali quattro casalinghe poco più che ventenni, sono state arrestate dai carabinieri con l’accusa di far parte di un’organizzazione che gestiva lo spaccio di cocaina ed eroina in diversi centri del ragusano. GUARDA LE FOTO

0 condivisioni

un undicesimo indagato è latitante all'estero

Droga, operazione “More solito”
10 arresti tra l’Ennese e Augusta

Un’organizzazione che gestiva un traffico di stupefacenti nell’Ennese e’ stata scoperta dal commissariato di polizia di Leonforte nel corso di in indagini coordinate dalla Dda di Caltanissetta. La notte scorsa sono state eseguite 10 ordinanze di custodia cautelare, nella provincia di Enna ma anche ad Augusta (Siracusa).
Sette le ordinanze di custodia cautelare in carcere e 3 agli arresti domiciliari, emesse dal Gip di Caltanissetta.

0 condivisioni

il procuratore aggiunto di Palermo

Operazione Agrion, Teresi:
“E’ l’ora di dire basta al pizzo”

E’ chiaro il procuratore aggiunto di Palermo Vittorio Teresi che si scalda nel raccontare la vicenda vivendo l’ingiustizia e l’assurda violenza. “Palermo è una città strana – aggiunge – sono 35 anni che mi occupo di questi reati e penso che come mi sono stancato io si debbano essere stancati io palermitani”.

0 condivisioni

In manette otto esattori del pizzo a Palermo

Operazione Agrion, Messineo:
“Cosa nostra non tollera chi si ribella”

“Questa indagine fa emergere la straordinaria gravità dell’episodio di violenza, una brutale aggressione destinata a punire in modo esemplare un piccolo esercente che si è rifiutato di pagare il pizzo“. Così il procuratore della Repubblica di Palermo, Francesco Messineo, nella sede della Squadra mobile per illustrare i particolari dell’operazione “Agrion”.

0 condivisioni

accusati di associazione mafiosa, tentato omicidio ed estorsione

Palermo, pizzo e martellate a imprenditore
8 arresti nel clan Noce

Per convincerlo a pagare il 'pizzo' non avrebbero esitato a picchiarlo selvaggiamente con colpi di mazzuolo. E' quanto emerge dall'indagine della Squadra mobile di Palermo sfociata nell'esecuzione di otto ordinanze di custodia cautelare. L'operazione, denominata 'Agri'on', colpisce il mandamento mafioso della Noce che era stato decimato di recente con l'arresto di oltre 50 presunti affiliati.

0 condivisioni

uno degli indagati si è reso irreperibile

Operazione Reset, 24 arresti a Catania
Colpo al clan Santapaola-Ercolano

Blitz della Guardia di Finanza nei confronti del clan Santapaola-Ercolano: oltre 100 finanzieri del comando di Catania stanno eseguendo un’ordinanza cautelare nei confronti di 24 persone ritenute appartenenti ai clan.

0 condivisioni

sventato furto in abitazione, 3 arresti

Favara, arrivano i carabinieri e i ladri si nascondono sotto i letti

In manette sono finiti Carmelo Luca Lauricella, 24 anni, Gerlanda Lauricella di 26 anni e Melissa Fallea, 24 anni. A tutti sono stati concessi gli arresti domiciliari. I carabinieri di Favara stanno indagando per capire se i tre siano coinvolti in altre rapine avvenute nelle ultime settimane nel paese dell’Agrigentino a danno di anziani e messe a segno tutte nelle ore notturne.

0 condivisioni

La reazione della vittima li ha messi in fuga

Picchiano un anziano solo in casa
per rapinarlo: arrestati

I carabinieri di Termini Imerese hanno arrestato Giuseppe Rio, 25 anni e Emanuele Vagliardo, 35 anni, di Trabia per una tentata rapina ai danni in casa di un anziano picchiato con violenza e spedito in ospedale con una prognosi di 20 giorni.

0 condivisioni

scontro fra vecchio e nuovo dirigente generale

Formazione, Corsello contro Albert: “Rimase in silenzio per 8 mesi”

“Apprendo le dichiarazioni del mio predecessore in merito agli arresti di questa notte e sinceramente non posso nascondere una sensazione di sorpresa rispetto a quanto ha affermato” Lo dice Anna Rosa Corsello, Direttore Generale del Dipartimento Formazione Professionale della Regione Siciliana che continua “E’ vero, la denuncia di questo sistema è a firma del mio predecessore, ma è avvenuta dopo

0 condivisioni

parla il dirigente generale che denunciò la truffa

Terremoto Formazione, Albert:
“Regione presta il fianco alle truffe”

Il problema dell’assessorato regionale alla Formazione in Sicilia è la sua organizzazione del lavoro, estremamente frammentata, che facilita la realizzazione di truffe come quella che ha portato agli arresti di oggi (VIDEO) e rende complesso anche un controllo”. Lo dice a BlogSicilia il dirigente della Formazione dalla cui denuncia prese le mosse l’inchiesta

0 condivisioni

E' tra i 15 dipendenti regionali finiti in manette

Bufera sulla Formazione in Sicilia
Concetta Cimino già arrestata nel ’96

Era già stata arrestata il 14 ottobre del 1996 la dirigente Concetta Cimino, uno dei tredici dipendenti dell'assessorato regionale alla Formazione professionale finiti stamattina in manetteGUARDA LE FOTO DEL TOUR TELEVISIVO DELLA CIMINO

0 condivisioni

Il commento del governatore

Terremoto Formazione, Crocetta:
“Chi sa, parli. Ci aiuti a fare pulizia”

Secondo alcuni, avremmo dovuto attendere che questi signori continuassero ad accreditarsi soldi sui propri conti e su quelli di qualche imprenditore, assistendo inermi“. L’intervento del presidente Rosario Crocetta sul nuovo scandalo della formazione professionale in Sicilia.

0 condivisioni

L'operazione Iban

Terremoto Formazione in Sicilia
Ecco i nomi dei 15 arrestati

L’operazione, denominata “Iban”, è il frutto di indagini scattate nel febbraio 2012, e che hanno fatto luce su un meccanismo di distrazione e successiva appropriazione indebita di denaro pubblico, di circa 500mila euro.

0 condivisioni
Digitrend s.r.l.