lunedì - 24 febbraio 2020

 

Archivio

presentato un disegno di legge di riforma

Musica, cinema e teatro fra i beni culturali: la proposta Anselmo

La deputata di Articolo 4 propone una legge che porterebbe le competenze in capo all’assessorato ai beni culturali invece di lasciarle al turismo. ciò per ottimizzare gli interventi ‘culturali’

0 condivisioni

dopo la sentenza del tar Sicilia

Stabilizzare i precari di Trapani
Appello al commissario Tozzo

“Stabilizzare tutti i 124 precari della ex provincia di Trapani applicando la sentenza del Tar che ha annullato, per i primi dieci, la revoca della stabilizzazione che era stata decisa il 31 dicembre 2013”. Lo chiede al Commissario straordinario della provincia di Trapani il gruppo parlamentare di Articolo 4 con in testa il deputato trapanese

0 condivisioni

la maggioranza guarda avanti, l'opposizione boccia

Approvato l’esercizio provvisorio
Le reazioni delle forze politiche

Si concentrano sui precari gli esponenti del Pd “Una buona notizia per le oltre 22 mila persone interessate, anche perché il testo estende la proroga anche per i Comuni in dissesto e pre-dissesto. Questa norma – sottolinea in una nota il deputato regionale del Pd Mariella Maggio, vicepresidente della Commissione Lavoro – è un atto concreto a

0 condivisioni

attualmente è presidente del consiglio comunale

Articolo 4 ufficializza candidatura Sturiano a sindaco di Marsala

In occasione dell'incontro natalizio con i sostenitori del gruppo politico Articolo 4, che ha visto la partecipazione del presidente del consiglio comunale, intervenuto pubblicamente, per la prima volta, dopo il grave atto vandalico subito la scorsa settimana, l'Onorevole Ruggirello ha confermato la candidatura di Sturiano quale scelta indiscutibile e necessaria per dare un segnale di stabilità alla città di Marsala.

0 condivisioni

la richiesta di alice anselmo, deputata di articolo 4

Sicilia, “Sbloccare 300 milioni di euro per il lavoro giovanile”

“Non ci sono notizie di oltre 300 milioni di euro che dovrebbero essere utilizzati per le politiche del lavoro in favore dei giovani siciliani. Anzi, purtroppo le notizie ci sono e sono sconfortanti”. Ad affermarlo e’ Alice Anselmo, deputato di Articolo 4 all’Assemblea regionale siciliana.

0 condivisioni

spaccatura dopo la formazione del crocetta ter

Lino Leanza divorzia da Articolo 4

Alla fine fu divorzio: Lino Leanza lascia il movimento Articolo 4 che ha fondato nel 2012 e il gruppo parlamentare all’Ars. La notizia era nell’aria già da diversi giorni da quando si è concretizzato lo strappo interno al gruppo per la formazione del nuovo governo Crocetta.

0 condivisioni

i nodi nel movimento dopo il crocetta ter

Il ‘caso’ Caleca spacca Articolo 4
Sammartino: “Non siamo in Giunta”

Che  in Articolo 4 ci fosse baruffa nell’aria (per adoperare un claim pubblicitario degli anni ’80) i bene informati lo sapevano da un pezzo, la certificazione della spaccatura però è arrivata solo poco fa e a scatenarla è stata la nomina dell’avvocato Nino Caleca ad assessore regionale.

0 condivisioni

parla il presidente del movimento, luca sammartino

Crocetta ter, Articolo 4: “Non siamo rappresentati nel nuovo governo”

L’unico documento prodotto all’unanimità, e dunque firmato da TUTTI gli 11 deputati di Articolo 4 ed indirizzato al Presidente della Regione recita: “Ti rappresentiamo come, anche in ragione della consistenza del contributo politico da noi lealmente apportato alla maggioranza di governo costituisca una richiesta imprescindibile l’ottenimento di una più forte rappresentanza affiancando alla delega all’agricoltura una ulteriore nostra presenza in seno alla costituenda giunta”

0 condivisioni

crocetta tenta di ricostruire la maggioranza

Tira e molla per il Crocetta ter
Ricompaiono i deputati in giunta

Crocetta cambia idea: “ricomporre la maggioranza per evitare il ritorno del vecchio sistema che vuole mandarmi a casa”

0 condivisioni

nuovo incontro della maggioranza convocato per le 16

Niente vertice neanche stamani
E Crocetta potrebbe decidere da solo

Non si farà neanche stamani il previsto vertice di maggioranza convocato inizialmente per le 11. il Presidente della Regione arriverà a Palermo dopo mezzogiorno ma non è questo il motivo dello slittamento. Nonostante le indicazioni romane non c’è nessun accordo fra i partiti che compongono la maggioranza, neanche una bozza di partenza su cui discutere.

0 condivisioni

La lunga notte del Palazzo
Confronto e luci accese, soluzioni lontane

Verso un Crocetta ter nuovo per metà. si tratta per la riconferma di 6 assessori e l’indicazioni di altri 6 nomi nuovi ma le proporzioni potrebbero cambiare a vantaggio del mantenimento in carica anche di Roberto Agnello all’economia

0 condivisioni

Ars, tutto rinviato a domani
Congelate censure e vice presidenza

Si voterà domani in una seduta d’Aula alle 16 per la vicepresidenza dell’Assemblea regionale siciliana. Lo ha stabilito la conferenza dei capigruppo dell’Ars, in un clima di forti contrasti. Salta al momento il voto alle mozioni di censura nei confronti degli assessori alla Formazione, Nelli Scilabra, e alle Attività produttive, Linda Vancheri. Il centrodestra, ad eccezione di Ncd, ha espresso l’intento

0 condivisioni

prima di parlare di voto servono le riforme

Lentini risponde a Bernava:
“Pensi ai fallimenti del sindacato”

“Come può un segretario generale di un sindacato come la Cisl, sostenere che non occorrano più i politici?”. Non ci sta Totò Lentini, componente della Commissione regionale Antimafia, alle parole del segretario generale della Cisl Maurizio Bernava.

0 condivisioni

la lista arcadia totalizza 1500 voti

Elezioni universitarie Catania, ottimo risultato dei giovani di Articolo 4

Il candidato Gabriele Monterosso schierato proprio da Articolo 4 nelle liste del Pd ottiene 2480 voti conquistando un posto in Consiglio di Amministrazione e risultando il più votato dell’Ateneo. La lista Pd risulta essere la più votata anche grazie all’impegno di Giorgio Pappalardo.

0 condivisioni

per la vicepresidenza ars si apre al centrodestra

Riforma Province, Articolo 4:
“La ‘Delrio’ è migliore col nostro ddl”

Articolo 4  dice ‘disponibile al dialogo pur di affrontare e risolvere al più presto il tema Province’, ma di fatto pone una posizione diversa rispetto a quella del governatore Crocetta che ha annunciato di essere pronto a mandare in aula una riforma complessiva che supera anche la ‘Delrio’.

0 condivisioni

la proposta d'uso dei fondi di protezione civile

Rischio idrogeologico, trattoristi Esa per liberare letti dei fiumi

Ancora una volta la Sicilia si dimostra impreparata a fronteggiare le prima violente piogge di stagione. Anche se il maltempo di quest’anno non ha avuto gravi conseguenza come le tragedie del messinese del 2009, disagi e danni si sono registrati, in queste ore in tutta la Sicilia orientale.

0 condivisioni

richiesta verifica a crocetta e borsellino

Commissario Asp Enna ‘latitante’
La denuncia di Articolo 4

“La sanità ennese che pure si avvale di grandi professionalità sanitarie e parasanitarie vive un momento di vero e proprio disastro. Non vengono fatte le necessarie sostituzioni del personale assente, manca ogni tipo di fornitura sanitaria ed il personale medico, anche quello d’eccellenza, non è messo in condizione di operare correttamente e tutto questo avviene per mancanza assoluta di programmazione delle risorse umane ed economiche”.

0 condivisioni

intervista al segretario del Pd siciliano

L’affondo di Fausto Raciti:
“Centrodestra consociativo”

A Megafono e Pdr assenti ieri Raciti manda a dire che “chiaramente non esiste più alcun motivo di considerarli federati, quasi interni al Pd”

0 condivisioni

si mobilitano articolo 4 e pdr

Taglio voli Alitalia e Airone
Al via la raccolta firme

Articolo 4  annuncia “una grande battaglia per il diritto alla mobilità dei siciliani” mentre il Pdr prepara una mozione ad hoc da far firmare a tutti i deputati regionali e ‘girare’ poi direttamente al premier Renzi.

0 condivisioni

sale la tensione a palazzo dei normanni

Piscine, presidenze e guerra dei tweet
Gioco al massacro nella maggioranza

Abbarbicati alle poltrone si scambiano accuse e tweet al veleno i protagonisti delle diatriobe di maggioranza e governo. Cracolici attacca l’esecutivo: “Il governo Crocetta è ormai una farsa” scrive. “Per finirla basta dimettersi in 46, inizia tu” risponde l’assessore al lavoro Giuseppe Bruno

0 condivisioni
Digitrend s.r.l.