venerdì - 22 novembre 2019

 

Archivio

accusati di calunnia e diffusione di notizie false

Intercettazione Crocetta-Tutino, no a giudizio immediato per i due cronisti

I cronisti adesso potranno scegliere tra il giudizio ordinario o scegliere il rito abbreviato. Zoppi e Messina si sempre sono difesi sostenendo di aver ascoltato l’intercettazione. La procura ha negato che esistesse.

0 condivisioni

In manette è finito un 34enne di Delia

Arrestato stalker, perseguitava la ex inviandole i carabinieri

Perseguitava l’ex moglie inviando continuamente i carabinieri a casa a tutte le ore del giorno e della notte sostenendo che la figlia fosse in pericolo di vita.

0 condivisioni

Chiesto per il militare il divieto di dimora in Sicilia

Agrigento, inchiesta sull’Ecap
Sospeso maresciallo dei carabinieri

Il gip del tribunale di Agrigento, Ottavio Mosti, ha sospeso dalla funzione di pubblico ufficiale, maresciallo dei carabinieri, Antonio Arnese, 44 anni, ex capo del nucleo ispettorato del lavoro di Agrigento.

0 condivisioni

false dichiarazioni su dirigente Sisde ed ex capo polizia

Ciancimino indagato a Caltanissetta
Verso il rinvio a giudizio per calunnia

La Procura di Caltanissetta ha concluso le indagini e inviato l’avviso a Massimo Ciancimino, per il quale sara’ chiesto il rinvio a giudizio con le ipotesi di calunnia aggravata e di rivelazione di segreti delle indagini a una ventina di giornalisti.

0 condivisioni

Disavventura di un uomo con una prostituta

Serata di sesso si trasforma
in un incubo

Doveva essere una notte di passione a pagamento si è trasformata in un incubo. Protagonista un giovane della provincia di Palermo che insieme ad un amico erano scesi in città per consumare un rapporto con una prostituta nella zona della stazione centrale. Territorio quello ormai presidiato delle donne romene.

0 condivisioni

Palermo, 10 imputati fra boss mafiosi, carabinieri e politici

Trattativa Stato-mafia
Al Pagliarelli parte il processo

Si apre stamani nell’aula bunker  il processo sulla trattativa tra lo Stato e la mafia.  Alla sbarra  i capimafia Totò Riina, Leoluca Bagarella, Antonino Cinà, ex politici come Marcello Dell’Utri e Nicola Mancino, gli ex ufficiali del Ros Antonio Subranni, Mario Mori e Giuseppe De Donno, il pentito Giovanni Brusca e Massimo Ciancimino.

0 condivisioni

Si tratta del messinese Vincenzo Paratore

Mafia, accusò magistrato di affiliazione: pentito condannato

Il tribunale di Reggio Calabria ha condannato a tre anni e sei mesi di reclusione, per diffamazione, calunnia e falsa testimonianza, il collaboratore di giustizia messinese Vincenzo Paratore, che aveva accusato, nelle aule dei tribunali di Catania e Messina, il magistrato Francesco Chillemi, sostituto procuratore generale a Catania e prima pm nella città dello Stretto, di essere affiliato alla cosca mafiosa di Nitto Santapaola, attraverso il legame con un omosessuale.

0 condivisioni

Respinto il ricorso della Procura di palermo

Cassazione, Dell’Utri assolto
dall’accusa di calunnia

La Cassazione ha confermato l’assoluzione del senatore Marcello Dell’Utri dall’accusa di istigazione alla calunnia aggravata dall’agevolazione a Cosa nostra, così come stabilito in primo e secondo grado.

0 condivisioni

In appello il senatore era stato assolto

Legali Dell’Utri: “Insufficienza di prove sull’accusa di calunnia”

I legali difensori del senatore del Pdl Marcello Dell’Utri, Giuseppe Di Peri e Pietro Federico durante la loro arringa in tribunale davanti alla Sesta sezione penale della Cassazione hanno ribadito che vi è una “insufficienza di prove” in merito all’accusa di calunnia aggravata nei confronti di collaboratori di giustizia contestata al loro cliente.

0 condivisioni

Il deputato fu denunciato per calunnia e diffamazione

Querela pentito Brusca contro Caputo
Gip dispone archiviazione

E’ stata disposta dal Gip di Palermo Sergio Ziino, accogliendo le richieste del Pm Gaetano Paci e del difensore Francesca Fucaloro, la archiviazione della querela presentata dal pentito di mafia Giovanni Brusca contro il deputato regionale del Pdl, Salvino Caputo, accusato di avere reso dichiarazioni testimoniali lesive del suo prestigio e della sua integrità morale.

0 condivisioni

Sentito dai pm per quattro ore

Mafia, Ciancimino interrogato su appunti in codice

E’ durato quasi quattro ore l’interrogatorio di Massimo Ciancimino, in carcere da aprile con l’accusa di avere calunniato l’ex capo della polizia Gianni De Gennaro. E’ stato lo stesso Ciancimino a chiedere ai pm di Palermo di essere risentito.

0 condivisioni

"Mai dichiarato che Cincimino è un supertestimone"

Ingroia: “Ciancimino teste in parte inaffidabile”

“A breve avremo un quadro più chiaro sul movente della calunnia. La conclusione delle indagini non è lontanissima”. Il procuratore aggiunto di Palermo, Antonio Ingroia, formula questa previsione nella rubrica Storiacce-di Raffaella Calandra a Radio 24 – sull’arresto di Massimo Ciancimino, per calunnia e truffa.

0 condivisioni

Così il procuratore Antonio Ingroia

Esplosivo in casa Ciancimino, “poteva saltare in aria l’intero palazzo”

La procura di Palermo sta valutando la posizione di Massimo Ciancimino, oltre che per il reato di calunnia aggravata, anche in riferimento al ritrovamento dell’esplosivo nel giardino dell’abitazione del superteste, a Palermo.

0 condivisioni

Finito l'interrogatorio con i pm

Dinamite in casa Ciancimino, artificieri al lavoro

Poco dopo le 18 è finito l’interrogatorio di Massimo Ciancimino, arrestato a Parma con l’accusa di calunnia nei confronti dell’ex capo della polizia Gianni De Gennaro. I pm della direzione antimafia di Palermo hanno lasciato il carcere parmigiano di via Burla senza rilasciare dichiarazioni. Durante l’interrogatorio il figlio dell’ex sindaco mafioso di Palermo ha rivelato di avere ricevuto un pacco la settimana scorsa e di averlo nascosto in casa.

0 condivisioni

Il figlio dell'ex sindaco di Palermo deve rispondere di calunnia aggravata

Ciancimino jr: “Sono sereno”

Lo ha detto all’Agi, raggiunto telefonicamente, Massimo Ciancimino, attualmente alla questura di Bologna, dopo essere stato fermato dagli agenti della Dia di Palermo, sulla base di un provvedimento disposto dal procuratore aggiunto Antonio Ingroia e dai sostituti Nino di Matteo e Paolo Guido.

0 condivisioni

Il procuratore generale ha annunciato che farà ricorso in Cassazione

Mafia: processo per calunnia, assolto Dell’Utri

Assolto anche in appello il senatore del Pdl Marcello Dell’Utri nel processo in cui rispondeva di calunnia, aggravata dall’agevolazione di Cosa nostra.

0 condivisioni

Lei chiede 50.mila euro di risarcimento, il giudice dice no

Video hard sul web: quel membro non è mio, assolto

Secondo il Tribunale di Sciacca non c’e’ la prova che il membro ripreso in un video erotico sia quello dell’imputato, che dunque e’ stato prosciolto per non avere commesso il fatto.

0 condivisioni

Ma il giudice non le accoglie,"non sono convincenti"

Pentito di stragi fa rivelazioni
su Contrada e un politico

Nell’atto a ‘discolpa’ nei confronti dell’ex 007, che risale a oltre 15 anni fa, non ci sono tracce in atti processuali ne’ risulta sia stato contestato il reato di calunnia al collaboratore di giustizia.

0 condivisioni

Verifiche in corso

Berlusconi, Lele Mora e la minorenne. Anzi, no

Il Fatto Quotidiano rivela: “Aperto un fascicolo sulla storia di una ragazza marocchina, ora ospite di una comunità protetta, che avrebbe frequentato Berlusconi. La minore faceva parte del giro di Lele Mora”. La Procura smentisce

0 condivisioni

Già in manette un mese fa per guida in stato di ebbrezza

Arrestato giovane ladro d’auto a Enna

Enna – Era stato arrestato appena un mese fa perché ubriaco e senza patente, alla guida di un’auto rubata, dopo aver tamponato un vettura con a bordo due ragazze.

0 condivisioni
Digitrend s.r.l.