Archivio

Visite ispettive da oggi al 2 gennaio

I Radicali verificano le condizioni di detenzione delle carceri siciliane

La deputata radicale Rita Bernardini, membro della commissione Giustizia della Camera, è in Sicilia fino al 2 gennaio per verificare le condizioni di detenzione degli istituti di Agrigento, Catania, Caltanissetta e Gela.

0 condivisioni

Le dichiarazioni di Mimmo Nicotra

Carceri, Osapp:
”Gela apre nei prossimi 40 giorni”

Il capo del Dipartimento di Polizia penitenziaria Franco Ionta ha assicurato che la struttura carceraria di Gela aprirà entro i prossimi 40 giorni.

0 condivisioni

La vista del ministro della giustizia a Palermo

“All’Ucciardone si sta meglio
che al Regina Coeli”

“Ho visitato l’Ucciardone e ho trovato una situazione molto diversa da quella che mi attendevo. La stato delle cose è molto meglio che a Regina Coeli. Non che ci si trovi un albergo a cinque stelle, ma…”. Lo ha detto il ministro della Giustizia, Nitto Francesco Palma, il successore di Angelino Alfano, rispondendo ai giornalisti al termine della visita alle carceri palermitane dell’Ucciardone e del Pagliarelli.

0 condivisioni

La denuncia del Cnpp

Carcere di Augusta
“Indecenti condizioni igienico-sanitarie”

“A seguito del recente intervento dell’ASL di Siracusa, che ha accertato le predette problematiche, l’Amministrazione centrale dovrebbe dichiarare inagibile diversi reparti detentivi e adottare i provvedimenti necessari allo sgombero”. Lo ha dichiarato Massimiliano Di Carlo (nella foto).

0 condivisioni

La denuncia del deputato del Pd

È (sempre) emergenza carceri

“Servono interventi urgenti nelle carceri di Agrigento e Caltanissetta, dove si vivono ogni giorno situazioni ad altissimo rischio: i recenti fatti di cronaca dimostrano, purtroppo, che si deve agire immediatamente per evitare ulteriori tragedie”. Lo dice Pino Apprendi, deputato regionale del PD, che ieri ha visitato gli istituti penitenzieri delle due città siciliane.

0 condivisioni

Lo ha annunciato in un intervento nella notte a Radio Radicale

Pannella sospende lo sciopero
della sete e vola a Tunisi

Napolitano, con una lunga lettera in due cartelle, ieri aveva chiesto pubblicamente a Pannella di sospendere lo sciopero della sete e della fame, condividendo e facendo propria la richiesta di un “intervento urgente e non più rinviabile” per porre fine alla “drammatica e inaccettabile” situazione del sovraffollamento delle carceri italiani.

0 condivisioni

Prende il posto di Faramo

Carceri, Maurizio Veneziano nuovo provveditore in Sicilia

Dirigente generale penitenziario Veneziano in precedenza è stato, vice direttore a Reggio Calabria e direttore
ad Agrigento e all’Ucciardone di Palermo.

0 condivisioni

Dalla mezzanotte era in sciopero della sete

Carceri: Pannella ricoverato
Il medico: rischia complicanze

Il politico, che protesta contro il sovraffollamento nelle carceri, è stato ricoverato per assicurare una “stretta sorveglianza continua” sul suo stato di salute. Lo ha reso noto il professor Claudio Santini, a nome del collegio medico che assiste Pannella.

0 condivisioni

Tratto da Clandestinoweb

Docu-web carceri: video shock e interviste esclusive

La video-inchiesta prodotta da Spin-Web in collaborazione con Clandestinoweb

0 condivisioni

L'INIZIATIVA RIGUARDA LE CARCERI DI RAGUSA E MODICA

“Rompete le righe”, progetto di inserimento sociale per i detenuti

La ricerca delle prospettive di inserimento lavorativo, l’orientamento, la formazione e il work experience. Sono questi gli obiettivi del progetto “Rompete le righe”, l’iniziativa che riguarda le carceri di Ragusa e Modica e l’inserimento sociale attraverso il lavoro per chi ha già espiato la propria pena detentiva.

0 condivisioni

Alcune precisazioni dal sindacato degli agenti penitenziari

Emergenza carceri, l’Osapp sui dati diffusi dal Garante

“Ecco perchè noi della polizia penitenziaria sosteniamo che necessita il poliziotto penitenziario ‘educatore’. Finiamola con proposte non necessarie per le carceri e per i carcerati”.

0 condivisioni

Con l'assistenza dell'Associazione nazionale forense di Catania

Carceri, per suicidi in Sicilia il Garante dei detenuti parte civile

Il Garante dei diritti dei detenuti per la Sicilia Salvo Fleres ha deciso che si costituirà parte civile nei procedimenti riguardanti i sospetti suicidi di alcuni reclusi. Lo farà con l’assistenza dell’Associazione nazionale forense di Catania.

0 condivisioni

Lo ha detto Vincenzo Oliveri nel corso dell'inaugurazione dell'anno giudiziario

“Nelle carceri sforato il limite di tollerabilità massima”

La popolazione carceraria del distretto, già in notevole eccesso nel 2009, è ulteriormente aumentata nel 2010, essendo complessivamente passata da un totale di 3.563 detenuti al 1° luglio 2009 a 3.585 al 30 giugno 2010, a fronte di una capienza regolamentare di 2.219 detenuti.

0 condivisioni

LE DIREZIONI, INTANTO, DOVRANNO ORGANIZZARE LA NUOVA ASSISTENZA CON PROFESSIONALITA' ESTERNE

Carceri, rinnovata la convenzione Asp per 6 mesi

La convenzione dell’Asp con le carceri di Modica, Ragusa e Siracusa è stata prolungata per altri sei mesi.

0 condivisioni

A giorni gli esiti della riunione programmata tra sindacato e direzione

Carceri senza acqua e luce

L’Ugl Polizia Penitenziaria denuncia la nuova imbarazzante situazione di emergenza che colpisce la Casa di Reclusione di Augusta.

0 condivisioni

Roberto De Benedictis scrive ad Angelino Alfano

“Ho visto gabbie per polli senza luce abitate da uomini”

Sulla situazione carceraria in Sicilia, il deputato regionale del PD, Roberto De Benedictis, ha scritto al Ministro della Giustizia.

0 condivisioni

Il politico del Pd manda una lettera ad Angelino Alfano

De Benedictis: “Ho visto gabbie per polli abitate da uomini”

La situazione in cui versano gli istituti penitenziari in Italia è spesso stata al vaglio dei vari governi, delle varie maggioranze od opposizioni.

0 condivisioni

Trapani, aggressione in carcere ai danni di cinque agenti

Cinque agenti penitenziari sono stati feriti nel carcere di Trapani da due fratelli detenuti di origine napoletana.

0 condivisioni

Viaggio nell’O.P.G. di Barcellona Pozzo di Gotto

Non finirò mai di ringraziare l’on. Rita Bernardini, nuovamente in sciopero della fame da due settimane per sensibilizzare il mondo politico sui problemi del pianeta carcere, che mi ha dato l’onore, in qualità di sua collaboratrice, di visitare, all’inizio di dicembre del 2009.

0 condivisioni

Le carceri scoppiano

Sono circa ventimila i detenuti in più nelle carceri italiane che non rispettano la misura standard decisa dall’Unione Europea di 7 metri quadrati a cella.

0 condivisioni
Digitrend s.r.l.
Leggi le ultime notizie di blogsicilia.it qui