domenica - 23 febbraio 2020

 

Archivio

le parole del capo dello stato, mattarella

33 anni fa il delitto Dalla Chiesa
“Sua battaglia un grande esempio”

Iniziate a Palermo le cerimonie di Commemorazione del prefetto Carlo Alberto Dalla Chiesa, ucciso dalla mafia 33 anni fa assieme alla moglie Emanuela Setti Carraro e all'agente di scorta Domenico Russo.

0 condivisioni

La conduttrice indignata per l'incuria

Rita Dalla Chiesa alla lapide
“Quello che ho visto è una vergogna”

Lo rabbia della figlia del generale dei carabinieri Carlo Alberto, ucciso dalla mafia a Palermo in via Carini, per l’incuria della lapide: “Dove è morto papà ho trovato una mezza fioriera con bicchierini di caffè usati e buttati dentro, e una bicicletta parcheggiata”

0 condivisioni

commozione in via isidoro carini, luogo dell'eccidio

32 anni fa l’omicidio Dalla Chiesa
Grasso e Bindi alla commemorazione

A Palermo è la giornata del ricordo. Trentadue anni fa la mafia uccise il generale Carlo Alberto Dalla Chiesa. A perdere la vita insieme a lui anche la moglie Emanuela Setti Carraro e l’agente di Polizia Domenico Russo.
In via Isidoro Carini sono arrivati il presidente del Senato Pietro Grasso e la presidente della commissione antimafia, Rosi Bindi.

0 condivisioni

il 3 settembre nel 32° anniversario della morte

A Palermo una mostra fotografica racconta Carlo Alberto Dalla Chiesa

Organizzato dalla Rettoria di San Giovanni Decollato, in collaborazione con SiciliAntica ed inserito nel programma della rassegna “Mafia, antimafia e legalità”, promosso dalla stessa Rettoria con il patrocinio della Fondazione Giovanni e Francesca Falcone, si terrà, mercoledì 3 settembre a Palermo una mostra fotografica in memoria di Carlo Alberto Dalla Chiesa, Emanuela Setti Carraro, Domenico Russo a trentadue anni dalla scomparsa.

0 condivisioni

chiamato a deporre al borsellino quater

Stato-mafia, l’ex ministro Rognoni: “Appresi del papello dalla stampa”

Rognoni, che ha ripercorso la sua lunga carriera politica, ha ricordato che Piersanti Mattarella, ex presidente della Regione siciliana ucciso dalla mafia, gli disse che Ciancimino era un suo avversario politico. Il teste ha anche accennato alla figura del prefetto Carlo Alberto Dalla Chiesa, da lui mandato a Palermo.

0 condivisioni

I fondi pubblici sono stati distratti a favore degli indagati

“Rubati soldi del progetto legalità”
I dettagli dell’operazione Iban

Uno degli arrestati, Emanuele Currao, avrebbe anche realizzato con parte degli introiti, come spiegano i magistrati, un appartamento a Sciacca, in provincia di Agrigento, che è stato sequestrato.

0 condivisioni

la giornata siciliana in pillole

BlogSicilia Video News,
Oggi in Sicilia in 2 minuti

La giornata siciliana in 2 minuti. E’ on line l’edizione odierna (7 novembre) dello smart Tg di Blog Sicilia Tv. Il riassunto delle principali notizie siciliane è disponibile ogni sera dal lunedì al venerdì

0 condivisioni

Stato-mafia, le rivelazioni di Francesco Onorato

Dalla Chiesa, il pentito al processo:
“Craxi e Andreotti i mandanti”

Il pentito Francesco Onorato depone al processo sulla trattativa Stato-mafia a Palermo e rivela nuovi segreti sulle stragi di mafia. “Martelli l’abbiamo fatto diventare ministro. Abbiamo investito anche 200 milioni per finanziarlo e portarlo a diventare ministro della Giustizia” – prosegue Onorato. GUARDA LE IMMAGINI

0 condivisioni

la giornata siciliana in pillole

BlogSicilia Video News,
Oggi in Sicilia in 2 minuti

La giornata siciliana in 2 minuti. E’ on line l’edizione odierna (3 settembre) dello smart Tg di Blog Sicilia Tv. Il riassunto delle principali notizie siciliane è disponibile ogni sera dal lunedì al venerdì

0 condivisioni

Il ministro Alfano a Palermo ricorda Dalla Chiesa

Dalla Chiesa 31 anni dopo,
“Suo sacrificio stimolò la legalità”

Il 3 settembre 1982 veniva ucciso in un agguato a Palermo, insieme alla moglie Emanuela Setti Carraro e all’agente di scorta Domenico Russo, il generale Carlo Alberto dalla Chiesa. Il Vice Premier Alfano a Palermo annuncia una legge per riformare l’agenzia per i beni confiscati alla mafia

0 condivisioni

La visita a Casa memoria Impastato

Commissione antimafia a Cinisi
Musumeci: “In ritardo di 22 anni”

Arriviamo in ritardo di 22 anni ma siamo qui“. Queste le parole di Nello Musumeci, presidente della Commissione antimafia dell’Ars, a Cinisi per visitare Casa memoria Peppino Impastato e omaggiare la memoria del giornalista e militante di Democrazia proletaria ucciso 35 anni fa dietro ordine del boss mafioso Tano Badalamenti.

0 condivisioni

Oggi alle 10 i quindici componenti saranno a Cinisi

Antimafia e politica si incontrano
Commissione Ars a Casa Impastato

Tra poche ore l’ingresso di uno dei luoghi simbolo dell’Antimafia, la Casa memoria Peppino Impastato, sarà varcato dai componenti della Commissione speciale dell’Assemblea regionale siciliana che dal 1991, anno della sua istituzione, ha come obiettivo di indagare e vigilare su Cosa nostra. Un atto simbolico, il primo dal suo insediamento, che avviene a trentacinque anni dall’omicidio del giornalista e militante di Democrazia proletaria, ordinato dal boss mafioso Tano Badalamenti.

0 condivisioni

L'incontro è stato voluto dal presidente Nello Musumeci

La Commissione regionale antimafia in visita a Casa memoria Impastato

La commissione antimafia dell’Ars, presieduta da Nello Musumeci, visiterà Casa memoria, l’abitazione – museo di Peppino Impastato, il giornalista ed esponente di Democrazia proletaria ucciso dalla mafia, il 9 maggio di 35 anni fa a Cinisi, nel Palermitano.

0 condivisioni

La scoperta nei sotterannei del Palazzo di Giustizia

Ritrovata la borsa di Dalla Chiesa
Trent’anni nascosta a Palermo

Dopo trentuno anni è stato ritrovata la borsa di pelle marrone di Carlo Alberto dalla Chiesa, il generale prefetto ucciso a Palermo il 3 settembre del 1982, nei sotterranei del Palazzo di giustizia di Palermo. Ma la valigetta sarebbe vuota. Nessuna traccia dei documenti. La scoperta, di qualche giorno fa, è partita dall’anonimo che denominava

0 condivisioni

La commemorazione

Dalla Chiesa 30 anni dopo,
Palermo ricorda il generale

Sono passati gia trent’anni da quando un commando affiancò l’A112 condotta da Emanuela Setti Carraro, 32 anni, moglie del generale Carlo Alberto Dalla Chiesa, obiettivo della missione omicida. Seguiva l’auto di scorta, un’Alfetta non blindata, condotta dall’agente Domenico Russo. Tutti trucidati nel cuore di Palermo, in via Isidoro Carini, dove sono in corso le cerimonie per ricordare l’eccidio mafioso.

0 condivisioni

a corleone

Una lapide per ricordare Dalla Chiesa

In occasione delle commemorazioni legate al 30° anniversario dell’eccidio del Generale Carlo Alberto Dalla Chiesa, il Comando Legione Carabinieri Sicilia e la Prefettura di Palermo, hanno scoperto di una targa in memoria dell’Ufficiale.

0 condivisioni

l'iniziativa della prefettura di palermo

A Corleone una targa in memoria
del generale Dalla Chiesa

La cerimonia di scopertura della targa si svolgerà domani con inizio alle 10, presso la sede della locale Compagnia Carabinieri. Sempre domani verrà deposta una corona d’alloro, alla presenza di una rappresentanza dell’Arma dei carabinieri, di autorità locali e di varie associazioni.

0 condivisioni

29 anni fa l'assassinio del Generale

Napolitano, Schifani e Fini
ricordano Dalla Chiesa

Così come ogni anno, così come in ogni occasione in cui c’è da ricordare un morto ammazzato dalla mafia, è il momento di elencare le dichiarazioni di uomini delle istituzioni e politici per commemorare il generale Carlo Alberto Dalla Chiesa che, non lo dimentichiamo, fu lasciato solo dallo stesso Stato che adesso, ogni 3 settembre, lo ricorda con corone di alloro e belle parole.

0 condivisioni

Per il suo assassinio condannati Riina e Provenzano

In ricordo di Dalla Chiesa
Lasciato solo dallo Stato

Oggi, a Palermo, si ricorda l’uccisione del generale Carlo Alberto Dalla Chiesa, avvenuta 29 anni fa, in via Isidoro Carini. Con lui morirono anche la moglie, Emanuela Setti Carraro, e l’agente di scorta Domenico Russo.

0 condivisioni

Dalla Chiesa lasciato solo da uno Stato “distratto”

Ieri sono stato silente. Ho deciso di non “commemorare ” quel maledetto 3 settembre di 28 anni fa. Eppure, la ferita che mi procurò quel giorno sembra di ieri.

0 condivisioni
Digitrend s.r.l.