mercoledì - 21 agosto 2019

 

Archivio

Paolo Balsamo nella criminalità catanese

L’identikit di Paolo Balsamo:
chi è il latitante catturato dalla Dia

Un criminale di lungo corso, ma anche un pentito ‘sui generis’: è Paolo Balsamo, il latitante che la dia di Catania, guidata da Renato Panvino, ha arrestato a Rossano.

0 condivisioni

operazione della dia di Catania

Mafia, finisce la latitanza di Balsamo
L’uomo dei Cappello era in Calabria

Uno degli elementi di spicco del clan catanese dei Cappello è stato catturato dagli uomini della Direzione investigativa antimafia. Si tratta di Paolo Balsamo, 50 anni, intercettato a Rossano Calabro dove è stato ammanettato mentre era in compagnia di alcuni amici calabresi

0 condivisioni

Maxi operazione della Dia

Sequestrato un miliardo e 600 milioni al re del calcestruzzo

Il sequestro riguarda i beni della famiglia Virga, originaria della provincia di Palermo, legata, secondo l'accusa, al mandamento di Corleone. In passato un Virga aveva denunciato estorsioni diventando simbolo antiracket

0 condivisioni

il capo della direzione investigativa antimafia

Dia, a Catania il generale Ferla
Risultati e strategie di lotta alla mafia

Il direttore della Direzione Investigativa Antimafia, il generale Nunzio Antonio Ferla, ha visitato il Centro Operativo di Catania. Nell’occasione, alla presenza del Capo Centro Renato Panvino e del personale in servizio sono state analizzate le attività investigative in corso ed individuate future strategie da adottare nella lotta al fenomeno mafioso.

0 condivisioni

operazione in corso da parte della Dia

Mega confisca da 50 milioni di euro
Colpo all’imprenditore Farinella

Confisca per un valore complessivo di 50 milioni di euro. Gli agenti della Direzione investigativa antimafia (Dia) di Caltanissetta stanno eseguendo un provvedimento di confisca che comprende 10 imprese, 25 fabbricati e terreni per un estensione complessiva di circa 350 ettari, tutti riconducibili a Paolo Farirella, 71 anni, imprenditore della provincia di Palermo residente a

0 condivisioni

il bilancio di fine anno

I colpi di Dia Palermo alla mafia
Nel 2014 maxi sequestri e confische

Bilancio di fine anno anche per il centro operativo della Direzione Investigativa Antimafia di Palermo che con le sezioni di Agrigento e Trapani, nel corso dell’anno ha proceduto al sequestro di beni per un valore di oltre 2 miliardi e 46 milioni di euro.

0 condivisioni

si tratta del palermitano salvatore vetrano

Mafia, sequestrate tre aziende
a imprenditore vicino a Riina

La Dia di Palermo, dopo i sequestri effettuati a partire da maggio 2013 e che hanno interessato il patrimonio (del valore di oltre 38 milioni) di Salvatore Vetrano, imprenditore palermitano di 43 anni, ha eseguito un ulteriore sequestro di tre societa’ di prodotti ittici surgelati: Maass di Mirolla Marco, la ditta individuale Vetrano Salvatore e

0 condivisioni

sono riconducibili a marcello alberghina, già in carcere

Mafia, beni per 500 mila euro
confiscati a Carlentini

Beni mobili e immobili per un valore di circa 500 mila euro sono stati confiscati a Carlentini (Siracusa), dalla Dia di Catania, a Marcello Alberghina, ritenuto elemento di spicco della criminalita' di Lentini.Alberghina e' stato arrestato nel maggio 2012 nell'ambito dell'operazione denominata “Pac Man”, eseguita nei confronti di otto persone per associazione per delinquere finalizzata al traffico di droga.

0 condivisioni

e' stato anche comandante della finanza a Palermo

Nuovo direttore per la Dia
Si insedia il Gen Nunzio Ferla

Nei primi anni 2000, il nuovo direttore della Dia era comandante provincia della Guardia di Finanza di Palermo. ha guidato anche la regione abruzzo e la Regione Campania

0 condivisioni

sono conti e società della sorella e del cognato

Mafia, Dia sequestra beni a familiari
di Matteo Messina Denaro

La Direzione investigativa antimafia ha confiscato beni intestati alla sorella del superlatitante Matteo Messina Denaro, Anna Patrizia, 44 anni, e al marito Vincenzo Panicola, entrambi detenuti per associazione mafiosa.

0 condivisioni

è antonio padovani, 62 anni, condannato a 4 di reclusione

Mafia, confiscati beni per 45 milioni
al ‘re’ catanese delle slot machines

I finanzieri del Nucleo di polizia tributaria di Caltanissetta appartenenti al Gico, in collaborazione con lo Scico di Roma, hanno apposto definitivamente i sigilli a sedici societa’ con sedi a Catania, Roma e Modena, quote societarie, depositi bancari, rapporti finanziari, terreni, una villa bifamiliare con piscina, otto auto, due fabbricati e un’imbarcazione per un valore di oltre 45 milioni euro.

0 condivisioni

stefano parra era attivo nel settore delle cave

Mafia, sequestrati beni per 360 milioni a imprenditore di Partinico

La Direzione Investigativa Antimafia di Palermo sta ultimando l’esecuzione di un provvedimento di sequestro di beni riconducibili a Stefano Parra, 47enne, imprenditore di Partinico del settore delle cave, del calcestruzzo ed edile, ritenuto appartenente a Cosa nostra.

0 condivisioni

riconducibili ai boss rao e isgrò che si trovano in carcere

Mafia a Barcellona Pozzo di Gotto
Dia confisca beni per 20 milioni

La Direzione investigativa antimafia sta eseguendo un provvedimento emesso dalla sezione Misure di prevenzione del tribunale di Messina, su richiesta della Dda, che dispone la confisca di beni immobili, quote societarie e rapporti finanziari per un valore stimato in circa 20 milioni di euro. LE FOTO 

0 condivisioni

ad incastrarli le dichiarazioni di un pentito mafioso

Mafia ed estorsioni, 8 arresti a Gela
In manette 4 carabinieri

Otto persone, tra le quali quattro carabinieri, sono state arrestate nell’ambito di un’inchiesta della Procura distrettuale antimafia di Caltanissetta che ha indagato su un giro di estorsioni e truffe.

0 condivisioni

ignazio miceli è morto nel 2010

Mafia, confiscati beni per 15 milioni
a eredi di boss marsalese deceduto

La Direzione Investigativa Antimafia di Trapani sta confiscando beni per un valore complessivo di oltre 15 milioni di euro nei confronti degli eredi di un imprenditore di Marsala, Ignazio Miceli, pluripregiudicato, deceduto nel 2010, titolare di una impresa leader della provincia trapanese nei trasporti di prodotti ortofrutticoli diretti ai mercati del sud Italia.

0 condivisioni

l'assessore all'agricoltura: "tolleranza zero"

Agropirateria, controlli nei mercati
di Vittoria, Palermo e Carini

Il Nucleo per la lotta alla contraffazione e all’agropirateria della Regione siciliana, costituito dall’assessorato Agricoltura e dall'assessorato Territorio e Ambiente ha iniziato le operazioni di controllo sulla traccciabilità delle produzioni agricole per la salvaguardia dell’agricoltura Siciliana secondo quanto previsto dalla legge regionale 26/2012.

0 condivisioni

La giornata siciliana in pillole

BlogSicilia Video News
Il video riassunto della giornata

La giornata siciliana in breve. E’ on line l’edizione odierna  (21 febbraio) dello smart Tg di Blog Sicilia Tv. Il riassunto delle principali notizie siciliane è disponibile ogni sera dal lunedì al venerdì

0 condivisioni

il prefetto cannizzo ha disposto un'ispezione

Mafia, arriva la Dia al cantiere
del passante ferroviario di Palermo

Un accesso ispettivo al cantiere del passante ferroviario di Palermo è stato coordinato dalla Dia, in attuazione di un decreto del prefetto Francesca Cannizzo. L’attivita’ di verifica ha riguardato il sito di via Malaspina, dove sta operando la societa’ “Odo di Palermo scpa”, con sede a Torino, e costituita da 3 imprese, le torinesi “Sis scpa”, “Geodata spa”, e la “Sintagma srl” con sede a Martino in Campo (Perugia).

0 condivisioni

blitz antimafia fra enna e catania

Scoperte armi e droga:
gli sviluppi dell’operazione Go Kart

Emergono nuovi particolari dall’operazione antimafia di due giorni fa che ha sgominato un’organizzazione ritenuta vicina al clan Cappello. Nelle perquisizioni domiciliari, in casa di alcuni arrestati, i carabinieri  hanno scoperto armi e droga.

0 condivisioni

operazione "go kart" della dda di caltanissetta

Mafia, 49 in manette nell’Ennese
Erano legati al clan Cappello

Un’associazione criminale legata al clan mafioso Cappello di Catania e’ stata scoperta dai carabinieri di Enna e di Nicosia che hanno arrestato 49 persone nell’operazione “Go kart”, coordinata dalla Dda di Caltanissetta. Impegnati 300 militari nell’arresto di esponenti, referenti e fiancheggiatori della potente cosca etnea nel territorio ennese.

0 condivisioni
Digitrend s.r.l.