giovedì - 13 agosto 2020

 

Archivio

Per la mancata bonifica di 198 discariche

Discariche, 40 milioni di euro di sanzione semestrale all’Italia

Sono 40 i milioni di euro di sanzione semestrale per l’Italia per la mancata messa in sicurezza delle discariche sul territorio nazionale.

0 condivisioni

bruxelles conferma la violazione

Rifiuti, in Sicilia solo il 40% viene trattato a norma di legge

Solo il 40% dei rifiuti siciliani ha un trattamento secondo legge, il resto finisce in discarica con enormi danni ambientali e connessi costi per la collettività.

0 condivisioni

l'appello di associazioni antimafia e ambientaliste

Piano rifiuti obsoleto e ambiguo: “Non bruciamo il futuro”

Associazioni ambientaliste ed antimafia hanno stigmatizzato l’idea del presidente Crocetta di trasformare i rifiuti in combustibile pulito (il CSS). “Non solo perché non esiste il combustibile pulito – fanno sapere le associazioni – ma soprattutto perché si reitera un comune errore della politica italiana, ovvero trasformare RISORSE PUBBLICHE – quali sono i rifiuti! – in lucro di pochi potenti”.

0 condivisioni

appello per un nuovo piano rifiuti

Crocetta pensa agli inceneritori
Gli ‘antagonisti’ contro il governo

No ai termovalorizzatori ai quali la Regione sta tornando a pensare, e che riportano l’porologio indietro di anni. Los crivono in un appoello al governo le associazioni ambientaliste e antimafia, che da anni denunciano presunte illegalità perpetrate anche con il silenzio e l’avallo della Regione Siciliana. Un appello rivolto al Governatore e alla sua Giunta, “distratta in

0 condivisioni

domani a palermo

A FestAmbiente il convegno
sulla nuova politica energetica

A chiudere i convegni di festAmbiente Mediterraneo, domani, domenica 21 dicembre, ore 9.30, Fabbriche Sandron, via Ferro Luzzi 3/5 Palermo, sarà quello su “La gestione integrata dei rifiuti in Sicilia. Una proposta concreta per superare l’emergenza infinita”.

0 condivisioni

l'appello al governo crocetta

Rifiuti, Legambiente: “Basta emergenza ma gestione efficiente”

“Ci auguriamo che il governo siciliano scelga l’unica strada possibile, rompendo con la triste tradizione delle dichiarazioni d’emergenza che ha caratterizzato i governi Cuffaro, Lombardo, nonché l’attività dell’ex assessore Marino: avviare una seria politica di gestione che superi il monopolio della discarica e che punti a recuperare tutta la materia possibile”.

0 condivisioni

Benigno: "gesto di trasparenza a costo zero"

Discariche, attacco della Fit Cisl
Antimafia pubblichi risultati verifiche

Pubblicare l’elenco dei gestori delle discariche private o dei soggetti che operano nel ciclo dei rifiuti che risultano non in regola con le prescrizioni di legge o in qualche modo condizionati dalla mafia. E’ la richiesta forte della Fit Cisl Sicilia alla Commissione antimafia dell’ars a due settimane  dall’audizione sul tema delle discariche siciliane. “In

0 condivisioni

E' ormai scontro aperto con l'assessore regionale

Rifiuti, Catanzaro attacca Marino
L’assessore non replica

Il dossier di Marino contro di me? Forse abbiamo infastidito chi cerca deroghe per l’uso di ingenti fondi comunitari, come oggi avviene, senza avviso pubblico“. E’ ormai scontro aperto tra il vicepresidente di Confindustria, Giuseppe Catanzaro, e l’assessore regionale all’Energia, Nicolò Marino.

0 condivisioni

è guerra tra l'assessore e il numero 2 di confindustria

Rifiuti, Marino su Catanzaro: “Tracotanza che supera ogni limite”

“Ritengo che la tracotanza di gestori privati di discariche, non esercenti una mera attività di impresa ma concessionari di un servizio pubblico, spesso in regime di monopolio, abbia superato il limite. Non siamo più disponibili ad accettare tutto ciò”. Il destinatario del commento al vetriolo è Giuseppe Catanzaro, vicepresidente di Confindustria Sicilia che la scorsa settimana ha querelato l’assessore.

0 condivisioni

Il ministro Clini: "Il problema più serio è a Palermo"

Sommersi dai rifiuti: l’emergenza continua, in Sicilia situazione critica

Non si vede ancora la fine dell’emergenza rifiuti in Sicilia. Una drammatica realtà testimoniata dalle crisi societarie della maggior parte degli Ato siciliani (prorogati dal governo regionale fino a settembre) e delle partecipate comunali che gestiscono il servizio di raccolta.

0 condivisioni

L'assessore Marino: "Sarà pronto entro il 31 maggio"

Rifiuti, la Regione cambia strategia: nuovo piano contro le emergenze

Nuovo piano per rifiuti e discariche. La Regione sta riscrivendo il piano rifiuti e l’assessore Nicolò Marino ha fissato al tabella di marcia: sarà pronto entro il 31 maggio. Il termine per raggiungere gli standard europei nella raccolta differenziata è stato spostato al 2017.

0 condivisioni

L'analisi sul "non ciclo dei rifiuti" di Aurelio Angelini

“In Sicilia l’obiettivo sulla differenziata sarà raggiunto nel 2128”

In Italia la Raccolta Differenziata (RD) nel 2010 è stata del 35,3%, sul dato nazionale pesano le regioni del Centro Sud e la Sicilia in particolare.

0 condivisioni

roghi nelle ex discariche comunali

La Sicilia brucia ancora:
stato di emergenza a Nicosia

Nove incendi con interventi aerei oggi in Sicilia, tre dei ancora attivi. Domati i fronti a Vizzini (Catania), a Gibellina (Trapani) e in provincia di Palermo a Godrano, Ciminna, Monreale, Baucina e Piano Battaglia. Nell’Ennese, a Nicosia stamattina il fronte di origine dolosa si e’ nuovamente attivato ed e’ ancora
in corso. Il sindaco Sergio Malfitano ha dichiarato lo stato di emergenza e di calamità.

0 condivisioni

L'Amia non sarebbe in grado di pagare per portare i rifiuti nel trapanese

Discarica di Bellolampo: l’emergenza prosegue

Decine di autocompattatori sono fermi davanti alla discarica di Bellolampo, in fiamme da domenica e chiusa, in attesa di capire dove conferire i rifiuti raccolti. Le possibilità di portare il carico nelle discariche di Trapani o Mazara del Vallo potrebbe svanire visto che i gestori, privati in entrambi i casi, accetterebbero i rifiuti solo dietro pagamento di somme di denaro che, secondo indiscrezioni, l’Amia, la ex municipalizzata sull’orlo del crack che gestisce Bellolampo, non sarebbe in grado di pagare.

0 condivisioni

è corsa contro il tempo per ripulire prima di pasqua

Emergenza rifiuti a Palermo,
notte di guerriglia in via Cuba

Sono ancora decine le discariche a cielo aperto che invadono le strade del capoluogo siciliano. Nella notte, si sono registrati nuovi roghi di cassonetti e cumuli di spazzatura. In via Cuba, una violenta protesta di un gruppo di residenti è stata sedata dalla polizia.

0 condivisioni

L'immondizia accoglie i crocieristi al porto all'arrivo in città

Rifiuti a Palermo
Danneggiati anche i ristoranti

“Purtroppo la situazione è pessima – dice un ristoratore – A causa dell’immondizia e di questo odore nauseabondo la gente preferisce andare a cenare in altri posti, subiamo un calo evidente”.

0 condivisioni

Il leader di Forza Sud interviene dal suo Blog

Rifiuti, Miccichè bacchetta
Lega Nord e De Magistris

“I leghisti depongano l’intransigenza e diano una mano al Paese. E il neo sindaco pensi a fare la sua parte”

0 condivisioni

La città sommersa dai rifiuti

Chiusura discariche
Emergenza rifiuti a Canicattì

E’ ancora allarme rifiuti a Canicattì sommersa dall’immondizia dopo la chiusura delle discariche di Siculiana e Gela. Il sito alternativo di Motta Sant’Anastasia ha costi maggiori di oltre il 50 per cento – da 75 a 120 euro a tonnellata conferita – e tempi di trasferta almeno tripli per i vecchi autocompattatori.

0 condivisioni

Progetto pilota di 3 mesi. È la prova della maturità civile

Raccolta differenziata, Siracusa parte l’8 marzo

L’obiettivo è quello di dare lustro alle graduatorie sulla qualità della vita e sull’ambiente stilate a fine 2010 da Italia Oggi, il Sole 24 ore. Prima c’è però da trapiantare e diffondere una certa cultura ‘civile’, solo chimera da queste parti.

0 condivisioni

Lo dice Davide Faraone, consigliere comunale del Pd

“Inefficace e costoso il bando per la video-sorveglianza delle discariche”

“È scarsamente efficace perché a fronte di un importo a base d’asta di 219.600 euro si sottopongono a video-sorveglianza appena 13 siti sui 39 segnalati, nonostante i siti potenzialmente soggetti ad abbandono reiterato siano a Palermo almeno un centinaio”.

0 condivisioni
Digitrend s.r.l.