Archivio

Chiedono un incontro urgente al sindaco di Palermo

Ex Gesip, nessun aumento orario
I lavoratori sono pronti allo sciopero

Nessun aumento orario settimanale previsto nello schema di bilancio del Comune di Palermo esistato dai revisori dei conti. Sono pronti allo sciopero i dipendenti della Reset.

0 condivisioni

stamane sit-in di protesta dei 1.600 dipendenti

Reset, lavoratori avvertono: “Contratti full time o sarà sciopero”

Il tempo pieno portando i contratti a 40 ore e l’adeguamento degli inquadramenti in base alle mansioni effettivamente svolte. Sono le principali richieste dei lavoratori della Reset, società del Comune di Palermo nata dalle ceneri della Gesip.

0 condivisioni

"La ristrutturazione del campo ostacoli è opera nostra"

Ex Gesip, la rabbia dei lavoratori
“C’è un disegno per screditarci”

I lavoratori della Reset, partecipata del comune di Palermo che ha preso il posto della Gesip, non ci stanno a essere considerati fannulloni.

0 condivisioni

Chiesta l’audizione in commissione Bilancio

Reset, appello al Comune di Palermo dei dipendenti: “Rispettare accordi”

I 650 dipendenti della Reset sono in attesa di risposte dalla giunta guidata da Leoluca Orlando chiedono l’audizione in commissione Bilancio del Comune di Palermo.

0 condivisioni

il commento di cgil e ugl terziario

Sindacati divisi sulla ReSet
“Prima la tutela dei lavoratori”

La Cgil di Palermo esprime soddisfazione e apprezzamento per l’approvazione da parte del consiglio comunale della delibera finalizzata alla costituzione della società consortile Reset. “E’ un fatto positivo. Per 950 lavoratori dal primo gennaio si apre la possibilità di terminare con la cassa integrazione per rientrare in un’azienda con un lavoro”.

0 condivisioni

approvato lo statuto della nuova società consortile

Addio Gesip, nasce la ReSet
Orlando: “Basta ruberie”

Dopo ruberie, insolvenza e sfascio di Gesip è nata la ReSeT, società consortile che salva i livelli occupazionali e che può e deve divenire una azienda di respiro metropolitano per rendere servizi essenziali ed efficienti per la vivibilità delle città. Un'altra buona pratica ormai modello in campo nazionale di come sia possibile uscire dal tunnel della mala amministrazione”.

0 condivisioni
Digitrend s.r.l.
Leggi le ultime notizie di blogsicilia.it qui