Archivio

L'amarezza di Salvo Fleres su Facebook

Detenuti

Emergenza carceri in Sicilia
Primo Natale senza garante

“Dopo tanti anni, è il primo Natale durante il quale non ho visitato i detenuti. Il motivo lo conoscete tutti. Mi dispiace molto, in cambio ho assistito gli infermi. Tantissimi auguri a tutti“. E’ questa l’amara considerazione postata qualche ora fa su Facebook da Salvo Fleres, per sette anni garante dei detenuti siciliani. Una carica

0 condivisioni

Detenuti siciliani senza difensore: "In 2 mesi 400 nuovi casi"

Caso Cancellieri, l’ex garante Fleres: “Anch’io feci scarcerare anoressico”

“Il caso Cancellieri non è un caso. Anch’io tre anni fa a Messina ho contribuito alla scarcerazione di un detenuto anoressico recluso al penitenziario Gazzi”. L’ex garante dei detenuti siciliani, Salvo Fleres, spiega così il suo punto vista sulle polemiche che hanno colpito il ministro della Giustizia, Annamaria Cancellieri, accusata di aver favorito Giulia Ligresti.

0 condivisioni

"Rischia di essere vanificato il lavoro di 7 anni"

Sicilia senza garante dei detenuti
Scaduto l’incarico di Salvo Fleres

Da 20 giorni i detenuti siciliani non hanno più il loro Garante. E’ infatti scaduto l’incarico di Salvo Fleres, nominato sette anni fa, che ormai era divenuto il punto di riferimento della popolazione carceraria nell’Isola. Il presidente della Regione Siciliana, Rosario Crocetta, non ha ancora nominato scelto il successore di Fleres che, in realtà, potrebbe essere confermato e resta ad oggi l”unico candidato per questo ruolo.

0 condivisioni

Secondo il garante dei detenuti il numero è cresciuto

Emergenza carceri in Sicilia, Fleres:
“Legge sui ‘domiciliari’ non funziona”

“La legge nazionale che prevede gli arresti domiciliari per i reclusi, non recidivi, a cui mancano meno di 18 mesi di carcere per concludere la pena, è stato privo di effetti”. Lo afferma il garante dei diritti dei detenuti della Sicilia, Salvo Fleres, a proposito delle statistiche del Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria del primo semestre del 2013.

0 condivisioni

Confermate le chiusure a Mistretta, Nicosia e Modica

Chiudono tre carceri in Sicilia
Fleres: “Giusto, sono fatiscenti”

Nessuna deroga dal Consiglio dei ministri sul Piano carceri. Oggi è stata presentata la seconda tappa del provvedimento che prevede entro il 2016 10 mila posti letto in più negli istituti penitenziari italiani. E’ quindi ormai inevitabile la chiusura di tre case circondariali siciliane: Mistretta, Modica e Niscosia. Soppresse in virtù della spending review, le tre carceri, contengono circa 200 detenuti. Monta protesta di amministratori, agenti penitenziari ed esercenti commerciali che, per motivi diversi, sono scontenti del provvedimento. Ma il garante dei detenuti siciliani, Salvo Fleres, approva al chiusura: “Sono istituti vecchi e fatiscenti”.

0 condivisioni

Alcune precisazioni dal sindacato degli agenti penitenziari

Emergenza carceri, l’Osapp sui dati diffusi dal Garante

“Ecco perchè noi della polizia penitenziaria sosteniamo che necessita il poliziotto penitenziario ‘educatore’. Finiamola con proposte non necessarie per le carceri e per i carcerati”.

0 condivisioni
Digitrend s.r.l.
Leggi le ultime notizie di blogsicilia.it qui