Archivio

l'inaugurazione dell'anno giudiziario a catania

Scuto: “Giustizia fortemente penalizzata dai vuoti d’organico”

La relazione del presidente della Corte d’Appello Alfio Scuto: “Le scoperture distrettuali si attestano su una percentuale media del 14,90 per gli Uffici giudicanti e del 12,77 per quelli requirenti”. Aumentano le cause di lavoro. Funziona il processo telematico

0 condivisioni

La nota dell'europarlamentare

Giustizia, Iacolino: “Tribunali periferici a rischio collasso”

“La ridefinizione della geografia giudiziaria contenuta nella proposta che il ministro della Giustizia Severino ha sottoposto al parere del Consiglio Superiore della Magistratura non tiene nelle giuste considerazioni le vere realta’ localistiche, i problemi d’organico e il carico di lavoro delle sedi Giudiziarie e dei tribunali cosiddetti periferici”.

0 condivisioni

La richiesta è stata formulata dal pm Nino Di Matteo.

Trattativa Stato-mafia, chiesto rinvio a giudizio per tutti gli imputati

Per la presunta “trattativa Stato-mafia” la Procura di Palermo ha chiesto il rinvio a giudizio di tutti i 12 imputati. La richiesta è stata formulata dal pm Nino Di Matteo.

0 condivisioni

l'uomo dell'anno per blogsicilia

Giuseppe Gulotta: “Nel 2012 per me il dono più grande, la libertà”

Nel febbraio del 2012 l’immagine del viso raggiante di felicità di Giuseppe Gulotta, vittima di un clamoroso errore giudiziario, è finita sulle pagine di tutti i giornali. Nell’intervista che vi proponiamo, il racconto di un uomo la cui storia è grande esempio di coraggio e tenacia: anche grazie a loro Giuseppe è riuscito a scrivere la parola fine sulle pagine più amare della sua esistenza.

0 condivisioni

Aperta inchiesta sulla fuga di notizie

Il ministro della Giustizia
avvia accertamenti su Messineo

Il ministro della Giustizia e il procuratore generale della Cassazione avvieranno un’istruttoria sulla vicenda che coinvolge il procuratore di Palermo Francesco Messineo indagato dai magistrati di Caltanissetta per fuga di notizie.

0 condivisioni

la legge

Anti-corruzione: sì del Senato, ddl torna alla Camera

Con 256 sì, 7 voti contrari e 4 astenuti il Senato ha approvato l complesso delle norme del disegno di legge corruzione. Il provvedimento torna alla Camera in quarta lettura. Il presidente del Consiglio Monti: “Legge in dirittura d’arrivo. Fondamentale per creare attrattività del Paese”. La guardasigilli Severino: “Il primo impegno è per il voto di scambio”.

0 condivisioni

parla il procuratore di Catania

Salvi:”Su procedimento Iblis abbiamo lavorato con serietà e prudenza”

In occasione di un incontro con la stampa per un rendiconto sull’ attivita’ svolta dalla Procura catanese nel primo semestre del 2012, Giovanni Salvi, a precisa domanda in merito al procedimento Iblis, nel quale sono imputati per concorso esterno in associazione mafiosa e voto di scambio il presidente dimissionario della Regione Siciliana Raffaele Lombardo e suo fratello Angelo, deputato nazionale del Mpa, ha osservato:”mi pare che abbiamo lavorato con serieta’ e con prudenza. Il risultato di questo poi lo vedremo. Credo che si sia lavorato bene”.

0 condivisioni

spending review

La scure di Monti si abbatte
su cinque tribunali siciliani

La Sicilia paga uno dei tributi più salati per i tagli dei tribunali ‘minori’ operati dalla spending review del governo Monti. Chiudono i battenti gli uffici giudiziari di Nicosia, Caltagirone, Mistretta, Modica e Sciacca.

0 condivisioni

Tre saranno eliminati quasi certamente

Spending review: 5 tribunali
siciliani a rischio chiusura

I tribunali di Nicosia, Caltagirone, Modica, Mistretta e Sciacca rischiano di essere tra le prossime vittime della Spending review. Se per Nicosia, Modica e Mistretta il destino è segnato da tempo, tornano a tremare anche i palazzi di giustizia di Caltagirone e Sciacca.

0 condivisioni

la soppressione dei palazzi di giustizia minori

Il Calatino si mobilita
a difesa del Tribunale di Caltagirone

Costituito un comitato di coordinamento comprensoriale per la difesa del Tribunale e della Procura di Caltagirone messi a rischio dal piano tagli del Governo. Prevista la convocazione di consigli comunali straordinari in tutti i centri del territorio per l’approvazione di un ordine del giorno per la tutela dell’importante presidio.

0 condivisioni

gli effetti della riforma della giustizia in sicilia

Chiusura tribunali minori:
il dado ormai è tratto

E’ ormai pressoché scontata la soppressione di tredici presidi giudiziari siciliani. Per ridurre i costi, il Dipartimento Giustizia insiste nel progetto così come è stato ribadito ieri a chiare lettere in un incontro romano con una delegazione di Modica.

0 condivisioni

anche i sindaci scendono in piazza

Giustizia, sciopero in 11 comuni
per salvare il tribunale ennese

Protestano tutti i Comuni del circondario del Tribunale di Nicosia (Enna), contro la chiusura prevista dalla legge delega sulla riforma della geografia giudiziaria.

0 condivisioni

il documento cosegnato al guardasigilli

Codice antimafia, da Palermo le proposte di modifica

Giovanbattista Tona, presidente dell’Anm di Caltanissetta e componente della Fondazione Progetto Legalita’, ha illustrato le proposte di modifica del Codice Antimafia elaborate dall’Osservatorio nazionale in materia di sequestro e confisca. Presente nell’aula magna della facoltà di Giurisprudenza di Palermo il ministro Severino disponibile “a riflettere sulla proposta di riforma correttiva”.

0 condivisioni

la lettera del governatore al ministro della giustizia

Lombardo scrive a Severino:
“Non chiudiamo gli uffici giudiziari”

No alla soppressione di molti uffici giudiziari siciliani “senza una opportuna concertazione nell’interesse del territorio per il mantenimento di opportuni presidi di legalità”

0 condivisioni

Sarà presente a due appuntamenti

Giustizia: ministro Severino domani a Palermo

Il ministro della Giustizia, Paola Severino, parteciperà domani a due appuntamenti a Palermo. Alle 9, nel castello Utveggio, darà il saluto di apertura ai lavori del convegno del centro Studi Cesare Terranova sul tema ”Il giudice, il processo, realta’ giudiziaria e nuovo codice antimafia”. Alle 10 nell’aula magna della facoltà di Giurisprudenza il ministro parteciperà all’ iniziativa promossa dal dipartimento Dems dell’Università di Palermo e dalla ”Fondazione Progetto Legalità onlus in memoria di Paolo Borsellino e di tutte le altre vittime della mafia”.

0 condivisioni

La colazione di Blogsicilia

Un caffè con Giuseppe Lipera: “Giustizia malata ma nessuno interviene”

“Cambiare sistema di reclutamento dei magistrati”; “l’avvocato deve avere la possibilità di fare l’arringa cantata, così come fa il prete per le messe solenni”; “Bruno Contrada è un martire già passato alla storia”; “tante ingiustizie non accadrebbero se i riflettori mediatici fossero seriamente accessi”. Questi alcuni pensieri espressi dal noto penalista durante la piacevole lunga intervista, davanti a un buon caffè, rilasciata a Blogsicilia.

0 condivisioni

l'allarme del presidente Salvatore Cardinale

La Corte d’Appello di Caltanissetta rischia decreti ingiuntivi per 15 mln

E’ concreto il rischio che il giudice competente del capoluogo nisseno emetta un decreto ingiuntivo nei confronti della Corte d’Appello per mancato pagamento di ‘indennizzi di riparazione’ per ingiusta detenzione o per l’eccessiva durata del procedimento penale.

0 condivisioni

da domani al tribunale di catania

Processo Iblis, l’Asaec si mobilita

Appello dell’associazione antiestorsione ‘Libero Grassi’ di Catania che chiede alla cittadinanza una partecipazione massiccia alla prima udienza del processo Iblis.

0 condivisioni

Visite ispettive da oggi al 2 gennaio

I Radicali verificano le condizioni di detenzione delle carceri siciliane

La deputata radicale Rita Bernardini, membro della commissione Giustizia della Camera, è in Sicilia fino al 2 gennaio per verificare le condizioni di detenzione degli istituti di Agrigento, Catania, Caltanissetta e Gela.

0 condivisioni

La Procura della città dei templi si scontra con nemico insidioso, l'agrigentino

Agrigento: giustizia e dialetto in lotta

Sono da pochi mesi in servizio presso la Procura della Repubblica di Agrigento. Si tratta di Arianna Ciavattini, Andrea Maggioni, Matteo Delpini. Che c’è di strano? Si potrebbe pensare. Beh, di strano c’è che i tre magistrati, tutti provenienti dal Nord del Bel Paese, non immaginavano, forse, di dovere combattere con “nemico” insidioso e molto spesso indecifrabile: il dialetto siciliano

0 condivisioni
Digitrend s.r.l.
Leggi le ultime notizie di blogsicilia.it qui