martedì - 17 settembre 2019

 

Archivio

Lo prevede un emendamento alla legge di Stabilità

Arriva la proroga per i collaboratori scolastici di Palermo

Sono prorogati al 31 dicembre 2016 i contratti dei collaboratori scolastici attivati dall’ufficio provinciale di Palermo.

0 condivisioni

Niente soldi per salvare la Sicilia
La strategia romana per le elezioni anticipate

Di Crocetta si sono perse le tracce o quasi, parla ormai soltanto per agenzie di stampa, Baccei diserta la riunione del Cipe e Roma parla di patti non rispettati da Palermo. Nel mezzo soldi che non arrivano e bilancio che non si può chiudere

0 condivisioni

abbattuto da un emendamento 5 stelle

Il naufragio della Sicilia a 7 stelle
Fra franchi tiratori e titoli di coda

La riforma delle province affonda e porta con se un pezzo di finanziaria, quella che riguarda i tagli agli enti locali. Ora i difficili conti non tornano più neanche nel bilancio che la giunta dovrebbe affrontare oggi

0 condivisioni

Regionali ed esuberi, il giorno della verità
Ma lo scontro è più probabile della pace

Si atte oggi la risposta alle richieste avanzate dai sindacati ma la possibilità di un accordo sembra lontana. Il governo fra l’incudine di un ulteriore taglio alle norme in finanziaria e il martello dello scontro sociale e politico

0 condivisioni

Verrebbero meno tre milioni e mezzo

Pensionati sul taglio ai fondi Pac
“Sarà una doppia tragedia sociale”

Il Sindacato dei pensionati della Cgil chiede di bloccare i tagli di tre milioni e mezzo ai fondi Pac previsti dalla legge di stabilità del Governo nazionale.

0 condivisioni

la norma in discussione in parlamento

Città metropolitana: Catania in bilico
Il sindaco Enzo Bianco vola a Roma

Secondo quanto trapela da Roma, la norma in discussione in Parlamento boccerebbe le altre città non capoluogo di Regione e fra queste anche Catania, una delle più grandi città d’Italia a non essere capoluogo di regione.

0 condivisioni

traffico in tilt: protestano anche gli studenti

Legge Stabilità: Cgil e Uil scendono
in piazza a Catania, ma senza la Cisl

Sindacati in piazza oggi anche a Catania. Cgil e Uil, ma senza la Cisl. I lavoratori incroceranno le braccia per quattro ore. In programma una manifestazione per le vie del centro per chiedere una manovra finanziaria nel segno dell’equità sociale. In piazza anche gli studenti. Traffico in tilt e città nel caos.

0 condivisioni

sindacati in piazza il 15 novembre

Legge stabilità, Cgil e Uil Catania: “Protestiamo, ma proponiamo”

Cgil e Uil scendono in piazza a Catania. Oggi in conferenza stampa i segretari provinciali Angelo Villari e Angelo Mattone hanno ‘spiegato’ le ragioni catanesi della partecipazione allo sciopero del 15 novembre contro la Legge di stabilità.

0 condivisioni

10 MILIONI PER IL TERREMOTO DEL BELICE del 1968

Stabilità, ok in Commissione:
più detrazioni per i figli

La Commissione Bilancio della Camera ha approvato la legge di stabilità e la legge di Bilancio. Disco verde allo stanziamento di 300 milioni per le zone alluvionate e alla deroga al blocco del turn over per il comparto sicurezza. Più detrazioni per i figli a carico, portate a 1.220 euro per i bambini sotto i tre anni. Stop all’aumento dell’orario di presenza dei docenti e all’operazione “Cieli bui”. Il provvedimento già oggi in aula.

0 condivisioni

10 MILIONI PER IL TERREMOTO DEL BELICE del 1968

Stabilità, ok in Commissione:
più detrazioni per i figli

La Commissione Bilancio della Camera ha approvato la legge di stabilità e la legge di Bilancio. Disco verde allo stanziamento di 300 milioni per le zone alluvionate e alla deroga al blocco del turn over per il comparto sicurezza. Più detrazioni per i figli a carico, portate a 1.220 euro per i bambini sotto i tre anni. Stop all’aumento dell’orario di presenza dei docenti e all’operazione “Cieli bui”. Il provvedimento già oggi in aula.

0 condivisioni

Contro i provvedimenti della legge di stabilità

Rifiutano incarico coordinatori di classe
Protestano due docenti di Palermo

La scuola siciliana dice no alla legge di stabilità varata da governo Monti. Per questo oggi due docenti con contratto a tempo determinato dell’I.p.c.l. “Ninni Cassarà” di Palermo hanno presentato atto di rifiuto scritto in relazione alla nomina come coordinatore di classe.
“L’atto di protesta – si legge in una nota del sindacato Usb scuola Palermo – nasce nei confronti dei provvedimenti approvati o oggetto di discussione in Parlamento(ddl 953 ex Aprea, legge di stabilità) che aumenta l’orario di lavoro settimanale da 18 a 24 ore, che dequalificano l’istruzione pubblica, mortificano la professionalità docente ed aprono la strada al processo di privatizzazione della scuola pubblica statale”

0 condivisioni

Contro i provvedimenti della legge di stabilità

Rifiutano incarico coordinatori di classe
Protestano due docenti di Palermo

La scuola siciliana dice no alla legge di stabilità varata da governo Monti. Per questo oggi due docenti con contratto a tempo determinato dell’I.p.c.l. “Ninni Cassarà” di Palermo hanno presentato atto di rifiuto scritto in relazione alla nomina come coordinatore di classe.
“L’atto di protesta – si legge in una nota del sindacato Usb scuola Palermo – nasce nei confronti dei provvedimenti approvati o oggetto di discussione in Parlamento(ddl 953 ex Aprea, legge di stabilità) che aumenta l’orario di lavoro settimanale da 18 a 24 ore, che dequalificano l’istruzione pubblica, mortificano la professionalità docente ed aprono la strada al processo di privatizzazione della scuola pubblica statale”

0 condivisioni

previsto l'aumento di ore per i docenti

Legge stabilità: il deputato messinese del Pd Genovese dice “no” al ddl sulla scuola

Il parlamentare del Partito democratico, Francantonio Genovese, interviene sul ddl riguardante la scuola, presentato dal Governo Monti nell’ambito della Legge di stabilità.
Secondo il deputato messinese del Pd, il previsto aumento di 6 ore settimanali per i docenti è “al di fuori di ogni logica di organizzazione”.

0 condivisioni

previsto l'aumento di ore per i docenti

Legge stabilità: il deputato messinese del Pd Genovese dice "no" al ddl sulla scuola

Il parlamentare del Partito democratico, Francantonio Genovese, interviene sul ddl riguardante la scuola, presentato dal Governo Monti nell’ambito della Legge di stabilità.
Secondo il deputato messinese del Pd, il previsto aumento di 6 ore settimanali per i docenti è “al di fuori di ogni logica di organizzazione”.

0 condivisioni
Digitrend s.r.l.