mercoledì - 17 luglio 2019

 

Archivio

domani i funerali

Scomparsa Elena Fava, da sempre
in prima linea nella lotta alla mafia

Si è spenta ieri, all’età di 65 anni, Elena Fava, figlia del giornalista Giuseppe ucciso dal clan Santapaola il 5 gennaio 1984.

0 condivisioni

lo chiede musumeci, presidente commissione antimafia

Giubileo, “Il Papa scomunichi
Matteo Messina Denaro”

“La mafia, in Sicilia e nel Sud – dice Musumeci – è una delle principali cause di alterazione dei rapporti economici, quindi di povertà. In un momento di grande crisi economica esercita un appeal molto forte, specie tra i giovani, nei territori a rischio”.

0 condivisioni

escluso per tempistica legata a precedente mandato

Mafia, 5 nuovi procuratori alla Dda
di Palermo: resta fuori Di Matteo

Arriva l’esito del concorso bandito ad agosto con l’ufficializzazione dei nomi dei cinque sostituti procuratori che andranno a rafforzare la Direzione distrettuale Antimafia di Palermo. Si tratta di Claudio Camilleri, Alessia Sinatra, Siro De Flammineis, Ennio Petrigni e Gaspare Spedale.

0 condivisioni

Seminari all'Università per stranieri

Lotta alla mafia e partigiani siciliani
Studenti da tutto il mondo a Palermo

La lingua italiana e la cultura: in particolare la lotta alla mafia e la resistenza partigiana. Sono i temi dei tre seminari per gli studenti della Scuola di Lingua italiana per Stranieri dell’Università di Palermo.

0 condivisioni

tra pochi giorni l'apertura del cantiere

Salemi, il canile comunale sorgerà
su un terreno confiscato alla mafia

Tra pochi giorni prenderanno il via i lavori per la costruzione del canile comunale di Salemi, che sorgerà su un terreno confiscato alla mafia. E’ stato infatti firmato il contratto tra il Comune e la ditta aggiudicatrice dell’appalto e così, a breve, verrà aperto il cantiere per la realizzazione della struttura. L’area su cui sorgerà

0 condivisioni

In una intervista a Repubblica

Il Papa e la lotta all’omertà
“Sottovalutato il fenomeno mafioso”

La domenica ormai – e scusate il parallelo – è il giorno di Papa Bergoglio e di Pietrangelo Buttafuoco. Il giorno in cui da entrambi ci si aspetta il verbo sulle questioni capitali della vita, sul tema dei dibattiti aperti nella nostra buttanissima società. Oggi alle parole sempre puntute di Buttafuoco sullo sfacelo della Sicilia,

0 condivisioni

Domani la puntata di "Voci contro"

Cinque storie di donne coraggiose
Su Rai3 si combatte la mafia

L’impegno contro la mafia nella disperazione e nel coraggio di quelle madri, figlie, sorelle e vedove che hanno visto i loro cari morire ammazzati e non si sono rassegnate, non hanno taciuto. Al contrario: hanno rotto l’omertà, hanno denunciato, testimoniato, rischiato la loro stessa vita. Cinque storie di amore, dolore, orgoglio e desiderio di giustizia. A partire da quella di Michela

0 condivisioni

la proposta del deputato di scelta civica andrea vecchio

“Cattedra di storia della mafia
nelle scuole: i giovani devono sapere”

“La lotta alla mafia bisognerebbe studiarla nelle scuole, ma non come un momento extracurricolare come può essere un incontro in classe con un magistrato o un esperto di criminalità organizzata. Si dovrebbe istituire proprio la cattedra di “storia della mafia”, così da far comprendere ai ragazzi quali danni e drammi ha portato la criminalità organizzata nel nostro paese”.

0 condivisioni

Inseriti nella legge Finanziaria regionale

I fondi per l’Antimafia ci sono
Musumeci: “Bene Luca Bianchi”

“Prendo atto che i fondi del bilancio regionale destinati alle associazioni impegnate nella lotta alla mafia sono stati riconfermati. Lo si evince dall’allegato 1 alla legge finanziaria, mentre dal bilancio a legislazione vigente emergeva una forte decurtazione”. Lo dice Nello Musumeci, presidente della Commissione Antimafia dell’Ars. “Apprezzo in tal senso l’impegno dell’assessore Bianchi, anche se

0 condivisioni

Musumeci: "Taglio irragionevole"

Scure del governo Crocetta
sui fondi per la lotta alla mafia

Da circa un milione e mezzo di euro a circa 150 mila per il 2014. E’ questo il drastico taglio dei fondi destinati alla lotta alla mafia in Sicilia previsto dal governo regionale guidato da Rosario Crocetta.

0 condivisioni

dopo l'intervento della regione

Bivona: impresa antiracket
torna a lavorare

Torna a lavoro Ignazio Cutrò, l’imprenditore di Bivona, nell’Agrigentino, che ha denunciato e fatto condannare i suoi estorsori mafiosi, autori dei danneggiamenti ai mezzi della sua impresa, nell’arco di tempo tra il 1999 e il 2006. La rinascita di quest’azienda è una vera e propria vittoria riportata dalla società civile nella guerra contro Cosa Nostra.

0 condivisioni

Parla il Capo dello Stato

L’intervento di Napolitano ai funerali di Rizzotto

Il Capo dello Stato, Giorgio Napolitano, intervenendo alle esequie di Placido Rizzotto, sindacalista ucciso 64 anni fa dalla mafia, che si sono celebrati nella chiesa madre di San Martino, a Corleone, ha commentato il significato che questi funerali rappresentano per tutti, dalla lotta alla mafia al messaggio che tutte le coscienze dovrebbero e devono accettare.

0 condivisioni

appartenevano al boss Antonio Cinà

Palermo: nuovi beni confiscati
alla mafia

Nuovi immobili sono stati oggi sequestrati alla mafia di Palermo, ed assegnati alla Regione siciliana dall’agenzia nazionale che gestisce appunto i beni confiscati alla criminalità organizzata. Si tratta di alcuni negozi siti in via Paternostro, angolo via Amendola, appartenuti al boss Antonino Cinà.

0 condivisioni

Lotta alla mafia

Una “casa-museo”
per Peppino Impastato

Approfittando della ricorrenza del 34° anniversario dalla morte di Peppino Impastato, la Regione ha già aperto tutte le pratiche per l’acquisizione del casolare e del terreno nei quali è stato ucciso il giovane.
Tutto questo col nobile intento di aprire un “centro della memoria” che possa testimoniare meglio cosa egli ha rappresentato per la lotta alla mafia.

0 condivisioni

34 anni fa il duplice omicidio del colonnello dei carabinieri e dell'amico Filippo Costa

Il ricordo degli eroi:
il colonnello Russo

In Sicilia, oltre a quello dei Santi, c’è anche un altro calendario. Quello che ricorda le vite spezzate dei tanti Eroi che hanno deciso di sacrificare la propria vita per sconfiggere Cosa Nostra. È un calendario triste, che mette rabbia ma che dà anche tanto orgoglio, perché i nostri Martiri condividono coi Santi una qualità: essere esempio.

0 condivisioni

Nell'aula bunker dell'Ucciardone

Botta e risposta
tra Grasso e Alfano

Nell’aula bunker di Palermo, dove si commemora Giovanni Falcone, il ministro della Giustizia va oltre: “I collusi se ne devono andare dal Parlamento e le leggi sono fatte per cacciarli. Quando uno viene condannato deve andare via. Se però i partiti politici hanno la forza di cacciarli prima è ancora meglio, lo dico chiaramente”. E il Procuratore nazionale antimafia: “Difficile dialogare con chi ti insulta”. E i giovani applaudono.

0 condivisioni

Ora Legale a Giarre

L’evento Ora Legale a Giarre, abilmente organizzato dal gruppo Effetto Domino è stato una toccante iniziativa senza precedenti nella città Jonica-etnea. Il teatro Rex si è riempito di curiosi e simpatizzanti alla legalità del territorio. Un teatro allestito con la centralissima immagine di Falcone  e Borsellino e quella di Don Pino Puglisi e in testa

0 condivisioni

Come "tavolozza" il muro di cinta del municipio cittadino

Il Muro della Legalità: la wall-art di Borgetto contro tutte le mafie

Trenta metri di murale per una superficie di 90 metri quadrati. Sono questi i numeri del “Muro della legalità”, che verrà inaugurato il prossimo 29 aprile, alle ore 16, a Borgetto

0 condivisioni

La Fondazione Buttitta: "Ricordiamo due eroi del nostro tempo"

Aula bunker dell’Ucciardone
Oggi il ricordo di Falcone e Borsellino

“Falcone e Borsellino. Il coraggio della solitudine” è interpretata da un attore che è anch’egli un simbolo: magistrale la sua interpretazione di Tano Cariddi nella fiction televisiva “La Piovra”. La regia è stata affidata affidata a Claudio Pirandello.

0 condivisioni

Elaborato un sistema informatico utile alla lotta contro la mafia

Infiltrazioni mafiose, intesa tra Polizia e Camera di Commercio di Caltanissetta

Nella mattinata di oggi presso la Direzione Centrale della Polizia Criminale, il Vice Direttore Generale della Ps Prefetto Francesco Cirillo e Antonello Montante, Presidente della Camera di Commercio Industria, Artigianato e Agricoltura di Caltanissetta e Vice Presidente di Confindustria con delega per la legalità, hanno sottoscritto un protocollo d’intesa con il quale saranno rilasciati, senza oneri, punti di accesso per l’utilizzo di vari strumenti che saranno attestati presso il Ced interforze.

0 condivisioni
Digitrend s.r.l.