martedì - 17 settembre 2019

 

Archivio

per contrastare il rischio di attentati

Ministro Orlando firma decreto sicurezza uffici giudiziari di Palermo

Il progetto – spiega la nota del ministero – prevede opere di perimetrazione esterna, con relativi punti di controllo per l’accesso nell’area giudiziaria, interventi di ammodernamento e di implementazione dei sistemi di sicurezza interni nonche’ opere di compartimentazione interna degli edifici per una canalizzazione controllata dei visitatori.

0 condivisioni

E' affetto da patologie neurologiche

Provenzano ricoverato in ospedale
Il boss mafioso è detenuto al 41 bis

Il boss di Cosa Nostra Bernardo Provenzano è stato ricoverato oggi pomeriggio all’ospedale San Paolo di Milano. Provenzano, 81 anni, affetto da patologie neurologiche è detenuto in regime di 41 bis.

0 condivisioni

lettera al provveditore regionale

Catania, Osapp: “Al carcere Bicocca
solo 100 guardie per 270 detenuti”

Il personale di Polizia Penitenziaria della Casa Circondariale di Catania “Bicocca” è ormai prossimo al collasso totale. L'Osapp scrive al Provveditore regionale per i penitenziari e chiede un incontro.

0 condivisioni

Il ministro all'inaugurazione anno giudiziario

Magistrati minacciati dalla mafia
Cancellieri: “Il governo li proteggerà”

Ai magistrati vittime di “minacce per la propria incolumità personale va la mia totale solidarietà e l’assicurazione che l’intero governo non mancherà di garantire loro il più adeguato livello di protezione”. Queste le parole del ministro della Giustizia, Annamaria Cancellieri, all’inaugurazione dell’anno giudiziario, dopo le intimidazioni lanciate dal carcere dal boss Totò Riina nei riguardi dei magistrati.

0 condivisioni

Il suo legale: "Si voleva costituire"

Catturato il killer siciliano evaso
Gagliano era fuggito in Francia

A comunicare la sua cattura è stata il ministro della Giustizia. Bartolomeo Gagliano, 55enne originario di Nicosia, in provincia di Enna, è stato catturato in Francia. Alfano: “Successo della Polizia italiana e del sistema di cooperazione internazionale”.

0 condivisioni

Detenuti siciliani senza difensore: "In 2 mesi 400 nuovi casi"

Caso Cancellieri, l’ex garante Fleres: “Anch’io feci scarcerare anoressico”

“Il caso Cancellieri non è un caso. Anch’io tre anni fa a Messina ho contribuito alla scarcerazione di un detenuto anoressico recluso al penitenziario Gazzi”. L’ex garante dei detenuti siciliani, Salvo Fleres, spiega così il suo punto vista sulle polemiche che hanno colpito il ministro della Giustizia, Annamaria Cancellieri, accusata di aver favorito Giulia Ligresti.

0 condivisioni

Oggi riferisce in Aula

Caso Ligresti, Cancellieri si difende:
“Se sarà necessario passo indietro”

“Non sono disposta a fare l’anatra zoppa”. E’ questo il pensiero del ministro della Giustizia Anna Maria Cancellieri , espresso in un colloquio con il Sole24Ore, sulla vicenda Ligresti. “La politica – spiega – faccia tutte le scelte che vuole, segua le strade che vuole, purchè non sulla mia pelle”.

0 condivisioni

Il capo dello Stato invia una lettera alla Corte d'Assise

Stato-mafia, Napolitano parlerà
“Pronto a testimoniare a Palermo”

Giorgio Napolitano deporrà come testimone al processo per la trattativa tra Stato e mafia. “Il presidente della Repubblica ha indirizzato una lettera al presidente della Corte d’Assise di Palermo con la quale ha sottolineato che sarebbe ben lieto di dare, ove ne fosse in grado, un utile contributo all’accertamento della verità processuale, indipendentemente dalle riserve

0 condivisioni

Il ministro della Giustizia a Palermo

Trent’anni fa moriva Rocco Chinnici
Cancellieri ricorderà il pm antimafia

Sarà il ministro della Giustizia, Anna Maria Cancellieri, a commemorare, questa mattina, a Palermo, il giudice Rocco Chinnici, in occasione del trentesimo anniversario della strage di mafia.

0 condivisioni

Sarà il ministero della Giustizia a decidere

Revoca 41 bis per Provenzano
Ok da Procure ma Dna è contraria

Le procure di Palermo, Caltanissetta e Firenze hanno dato parere favorevole alla revoca del 41 bis per il capomafia Bernardo Provenzano. Di segno opposto, invece, la Direzione Nazionale Antimafia che ha dato parere negativo alla revoca. I pareri, andranno al ministro della Giustizia, che decide sulle applicazioni del regime carcerario duro. La richiesta di revoca del regime di carcere duro per il boss era stato sollecitata dal suo legale.

0 condivisioni

il ministro della giustizia ad acireale

No a funerali per mafiosi, Cancellieri: “Decreto-Raspanti è segnale forte”

Annamaria Cancellieri sul decreto promulgato dal vescovo acese Antonino Raspanti che priva di esequie ecclesiastiche chi è stato condannato in via definitiva per reati di mafia. ” E’ molto coraggioso, significativo e importante. Importanti anche aspetti simbolici”

0 condivisioni

Il vice capogruppo del Pds-Mpa in visita all'Ucciardone

Emergenza carceri Sicilia, Figuccia:
‘Regione chieda intervento ministero’

“Proporrò un ordine del giorno all’Ars che impegni il governo regionale ad attivarsi presso il ministero per la Giustizia affinché venga attenzionata la situazione delle carceri siciliane”. Queste le parole del Il vice capogruppo del Pds-Mpa all’Ars, Vincenzo Figuccia, dopo aver visitato la struttura detentiva dell’Ucciardone di Palermo.

0 condivisioni

L'intervista al garante dei detenuti siciliani

Protesta dei detenuti al Pagliarelli
Fleres: “L’amnistia è necessaria”

“La grazia è da prendere in considerazione se si vuole davvero risolvere il problema del sovraffollamento delle carceri che come testimonia la lettera inviata oggi al ministro dai detenuti di Pagliarelli è un’emergenza”. Queste le parole di Salvo Fleres, garante dei detenuti siciliani, dopo l’iniziativa di protesta messa in atto nel carcere palermitano.

0 condivisioni

provvedimento urgente del csm

Siracusa, trasferiti d’ufficio
il procuratore Rossi e il sostituto Musco

La sezione disciplinare del Csm, accogliendo la richiesta del ministro della Giustizia Paola Severino ha disposto in via cautelare il trasferimento ad altra sede dei magistrati Ugo Rossi e Maurizio Musco, rispettivamente procuratore e sostituto procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Siracusa. I due magistrati erano accusati di intrattenere rapporti, prevalentemente di carattere economico, con un avvocato del luogo, Piero Amara e di aver violato i loro doveri in alcune inchieste in cui erano coinvolti familiari.

0 condivisioni

conferenza stampa a palazzo degli elefanti

Stancanelli: “Su di me solo fango,
mi hanno tolto l’onore”

Il sindaco di Catania Raffaele Stancanelli commenta il rinvio a giudizio per abuso d’ufficio che “denota un immotivato accanimento nei mie confronti”. “Grave danno di immagine alla mia persona, la città deve sapere che non c’entro nulla con lo scandalo dei servizi sociali. Se necessario mi rivolgerò al ministro della Giustizia e al Csm. Da lunedì non fimerò nessun atto”.

0 condivisioni

Vito lo Monaco in una lettera al ministro della Giustizia

Centro Pio La Torre:
”No alla vendita di beni confiscati a prestanomi della mafia”

«Non si vendano i beni confiscati ai boss», l’appello è stato lanciato dal presidente del Centro Pio La Torre, Vito Lo Monaco, in una lettera aperta al ministro della Giustizia Paola Severino e al direttore dell’Agenzia dei beni confiscati, Caruso.

0 condivisioni

"I magistrati devono essere indipendenti ed anche apparirlo"

Alfano su Ingroia: “Non chiederei mai le dimissioni ad un magistrato”

Dopo Vietti, vicepresidente del Csm, anche il Guardasigilli Angelino Alfano, ospite di “In mezz’ora” su Raitre, ha fatto delle dichiarazioni in merito alle polemiche sull’intervento ieri del pm Ingroia alla manifestazione per il Costituzione-Day, a Roma, contro la riforma della giustizia varata dal Governo. Inoltre oggi il quotidiano “Il Giornale”, in prima pagina, chiede le dimissioni di Ingroia.

0 condivisioni

Due lettere sono state recapitate nei giorni scorsi al dicastero di via Arenula

Minacce di morte al ministro Alfano

Due lettere con minacce di morte al ministro della Giustizia, Angelino Alfano, sono state recapitate nei giorni scorsi presso la sede del dicastero di Via Arenula.

0 condivisioni

Fra politica e giustizia: qual è il mio ruolo in questa italia?

Due Istituzioni a distanza: il ministro della Giustizia Angelino Alfano, durante un’intervista, ha detto che interverrà con investimenti “straordinari” sulla macchina della giustizia. Non si è fatta attendere la replica del Presidente dell’ANM, Luca Palamara, che ritiene il sistema giudiziario arrivato ormai al collasso.

0 condivisioni
Digitrend s.r.l.