Archivio

Reggente del mandamento dell'Acquasanta

Mafia, domani l’udienza di convalida del fermo di Vincenzo Graziano

Si terrà domattina, davanti al gip, l’udienza di convalida del fermo di Vincenzo Graziano, finito in manette ieri su ordine della Dda di Palermo con l’accusa di essere il reggente del mandamento mafioso dell’Acquasanta.

0 condivisioni

Oggi la quattordicesima udienza

Stato-mafia, depone Messina
“Cosa nostra voleva Lega del Sud”

In Cosa nostra, durante il maxiprocesso veniva detto che tutto si sarebbe ridotto in una bolla di sapone. Non ci sarebbero state grandi condanne e tutto sarebbe andato bene“. Queste le parole del collaboratore di giustizia Leonardo Messina, rispondendo al pm Nino Di Matteo nell’aula bunker del carcere Ucciardone di Palermo.

0 condivisioni

Ripreso il processo all'aula bunker

Stato-mafia, il pentito Nino Giuffré:
“Carte covo Riina a Messina Denaro”

Credo che parte dei documenti presi a casa di Totò Riina siano finiti a Messina Denaro“. Questa la clamorosa rivelazione del pentito Nino Giuffré nel corso della sua deposizione al processo sulla trattativa Stato-mafia. Il collaboratore di giustizia sta rispondendo alle domande dell’avvocato Basilio Milio, legale degli ufficiali dell’Arma, Mario Mori e Antonio Subranni.

0 condivisioni

Dopo avere respinto richiesta di archiviazione

Mafia, gip Palermo: “Prorogate
di due mesi le indagini su Schifani”

Il gip di Palermo Piergiorgio Morosini ha concesso altri due mesi alla Procura per completare le indagini sul senatore del Nuovo Centrodestra Renato Schifani. Il giudice aveva respinto l’iniziale richiesta di archiviazione dell’inchiesta per concorso esterno fatta dai pm e, dopo avere fissato un’udienza in cui aveva sentito le parti, aveva dato loro quattro mesi per ulteriori approfondimenti.

0 condivisioni

Nella foto il pentito Nino Giuffrè

Mafia, Giuffrè: “Mannino era
un traditore di Cosa nostra”

“L’ex ministro Mannino era al secondo posto nella lista dei politici da eliminare fatta da Totò Riina, subito dopo Salvo Lima. Era ritenuto un traditore”. Lo ha detto, deponendo al processo per la strage di via D’Amelio, il pentito Nino Giuffrè.

0 condivisioni

Riguardano gli omicidi di Levatino e Pecoraro

Nuove rivelazioni del pentito Nino Giuffrè, riaperte due inchieste

Riaperte dai carabinieri le indagini sugli omicidi di Salvatore Levatino, pastore di Vicari, ucciso a colpi d’arma da fuoco a maggio del 2002, e del macellaio di Lercara Friddi Rosolino Pecoraro, trovato carbonizzato nella sua auto il 14 giugno del 1996.

0 condivisioni

Caputo (Pdl) chiede ispezioni a Termini Imerese

“Mi chiedo come mai una cooperativa subisce a Palermo la revoca di una assegnazione di un bene confiscato in quanto la Prefettura di Palermo ne ritiene inopportuna la assegnazione , e invece a Termini Imerese continua a gestire appalti assegnati dalla Amministrazione comunale”.

0 condivisioni
Digitrend s.r.l.
Leggi le ultime notizie di blogsicilia.it qui