martedì - 23 luglio 2019

 

Archivio

A parlare Maria Rosaria Maiorino

Criminalità, questore di Palermo:
“No a silenzi assordanti”

“Ci sono alcune aree di Palermo e della provincia dove ancora l’unica lingua parlata continua ad essere il silenzio, un silenzio colpevole ed assordante”. Lo ha detto il questore Maria Rosaria Maiorino alla celebrazione del 162esimo anniversario della fondazione della Polizia svoltasi nella caserma Lungaro.

0 condivisioni

Iniziativa del gruppo 'Popap'

Street art antimafia multata a Catania

A Catania, la polizia municipale ha multato i ragazzi del gruppo
‘Popap’ che ieri hanno posto cartelli in cartone con scritte contro la
mafia e l’omertà in altrettanti pali vuoti nel centro cittadino.

0 condivisioni

Il silenzio sull'omicidio di Giuseppe Cusumano

Partinico omertosa

Giuseppe Cusumano, il pregiudicato 34enne di Partinico, è stato ucciso venerdì mattina, in pieno giorno. Ma, nessuno ha sentito, nè visto niente. Stupisce questo dal momento che la zona in cui si è consumato l’omicidio è molto frequentata. Cè anche una scuola lì vicino. Ma nessuno si è accorto di nulla.

0 condivisioni

Le riflessioni a tutto campo del prof. Pietro Barcellona

Mafia, Catania, Impresa: due, tre cose non dette da Lo Bello

L’autore parte da un distinguo importante: un imprenditore che avvia la sua attività ed è costretto a subire pressioni economiche dalla mafia è ben altra cosa da quell’altro che opera riciclando

0 condivisioni

La lettera: “C’è del marcio a casa nostra, scusateci”

“In questi giorni si celebra il diciottesimo anniversario della morte di Paolo Borsellino e decidiamo di onorare la sua memoria, quali figli di un imputato per mafia, testimoniando la nostra indignazione per lo scempio

0 condivisioni

Le donne vittime di violenze e abusi sessuali

Prevenzione e contrasto a un fenomeno dal “numero di casi oscuro”.

0 condivisioni

Gianni Palagonia, la storia di un poliziotto vero nelle “mani di nessuno”

La prima cosa che bisogna sapere di Gianni Palagonia è che questo non è il suo vero nome, ma uno pseudonimo che un poliziotto vecchio stampo si è dovuto dare per proteggere se stesso e la propria famiglia.

0 condivisioni
Digitrend s.r.l.