Archivio

domani al baglio di stefano

Orestiadi di Gibellina
Gran finale con David Riondino

L’artista fiorentino presenta, in prima nazionale “Achille e Priamo” (Libro XXIV). Un gran finale per un festival che si conferma come uno dei più interessanti e importanti della scena teatrale italiana.

0 condivisioni

il programma del week end

Orestiadi, gran finale con l’Iliade:
Sandrelli, Riondino e Solenghi

“Iliade – Un racconto mediterraneo” è il titolo del progetto che comprende i tre spettacoli (due dei quali in prima nazionale), progettati e diretti da Sergio Maifredi e prodotti da Teatro Pubblico Ligure, con interpreti, rispettivamente, Tullio Solenghi, Amanda Sandrelli e David Riondino.

0 condivisioni

domani sera

Orestiadi di Gibellina
In scena “Aldo morto” di Timpano

Un attore nato negli anni ‘70, che di quegli anni non ha alcun ricordo personale, partendo dalla vicenda del sequestro di Aldo Moro, trauma epocale che ha segnato la storia della Repubblica italiana, si confronta con l’impatto che questo evento ha avuto nell’immaginario collettivo.

0 condivisioni

in scena domani

Alle Orestiadi di Gibellina
la desolazione di “Garbage Girls”

Garbage Girls è un viaggio poetico tra i rifiuti, tra immanente e trascendente, tra coloro che sono costretti a vivere “nella desolazione, testimoni della crudeltà della vita e dei suoi mille misteri”.

0 condivisioni

domani "massa e potere" di claudio collovà

Il Teatro Mediterraneo Occupato sbarca alle Orestiadi

Questa prima produzione indipendente del Teatro Mediterraneo Occupato è il risultato di un laboratorio teatrale curato da Collovà, regista e autore palermitano, che ha visto al lavoro 24 giovani attori e attrici.

0 condivisioni

domani al baglio di stefano

Al via le Orestiadi di Gibellina
con la prima di “Addio Roma”

Un mese di rappresentazioni con un cartellone di altissimo livello: tredici gli spettacoli in programma, fra cui quattro prime nazionali.

0 condivisioni

Inizia il 26 giugno con 13 gruppi teatrali e 4 prime nazionali

Orestiadi di Gibellina, presentata
la 34sima edizione del Festival

Si svolgerà dal 26 giugno al 26 luglio la 34sima edizione delle Orestiadi di Gibellina, promosse dalla Fondazione Orestiadi. Il Festival è stato presentato oggi in conferenza stampa.

0 condivisioni

dal 18 al 26 luglio

Orestiadi di Gibellina, XXXIII edizione nel segno di Omero

La XXXIII edizione delle Orestiadi di Gibellina continua il suo percorso di approfondimento e di indagine sulla scena contemporanea in Italia. Le Orestiadi oggi sono il festival di teatro contemporaneo di più antica nascita in Sicilia e in gran parte dell’Italia.

0 condivisioni

per la rassegna "orestiadi nel segno contemporaneo"

Gibellina ricorda Franco Scaldati
In scena “Indovina Ventura”

“Indovina ventura”, scritto e rappresentato per la prima volta nel 1979, nasce come spettacolo per ragazzi e si sviluppa per apparizioni e dissolvenze incrociate, che danno voce a figure emblematiche dei vecchi quartieri di Palermo. Frammenti di vita, di miserie e di incantamenti rivelati con gli strumenti del teatro e della poesia.

0 condivisioni

sabato 7 giugno

Crisi Fondazione Orestiadi,
a Gibellina la “Marcia per la Cultura”

A causa dei tagli nel bilancio della Regione, la Fondazione Orestiadi, che anno dopo anno ha visto il proprio contributo ridursi sempre di più, non avrà alcun sostegno e finanziamento. Questo porterà inevitabilmente alla sua crisi, con la probabile prospettiva della chiusura e/o del suo fallimento.

0 condivisioni

si inizia con il teatro il 5 e 6 giugno

Gibellina, tutto pronto per le “Orestiadi nel segno contemporaneo”

In prima nazionale “Ogni qualvolta levo gli occhi dal libro” di Claudio Collovà. All’origine dello spettacolo un dipinto di Magritte, Il mese delle vendemmie. Un’immagine cara all’Autore. La finestra si è poco alla volta svuotata dei suoi abitanti che sono usciti dall’apparente fissità del dipinto.

0 condivisioni

L’assessore: prestiti agevolati per ripianare i bilanci

Teatri, pronta la riforma Stancheris
Stop ai finanziamenti a pioggia

La riforma dei teatri siciliani dell’assessore regionale Michela Stancheris è pronta. Basta contributi a pioggia dalla Regione, premi per gli enti che collaborano tra loro e non esternalizzano le produzioni e per chi investe in nuovi allestimenti. Una vera e propria rivoluzione per il mondo dei teatri lirici, di prosa e delle istituzioni musicali della Sicilia che ricevono finanziamenti dalla Regione.

0 condivisioni

sabato 5 ottobre

La Fondazione Orestiadi aderisce
alla Giornata del Contemporaneo

Protagonisti dell'evento saranno Sergio Tumminello con la personale “Tanit Terra Madre” a cura di Achille Bonito Oliva, alcuni artisti calabresi di nascita o di adozione con la collettiva “Oltre il ponte: artisti dalla Calabria” a cura di Fabio De Chirico e Carlo La Monica con la mostra di gioielli “Arcaica”.

0 condivisioni

La giornata siciliana in pillole

BlogSicilia Video News,
oggi in Sicilia in 2 minuti

La giornata siciliana in 2 minuti. E’ on line l’edizione odierna (5 giugno) dello smart Tg di Blog Sicilia Tv. Il riassunto delle principali notizie siciliane è disponibile ogni sera dal lunedì al venerdì

0 condivisioni

dal 26 giugno al 23 luglio

XXXII Orestiadi di Gibellina
nel ricordo di Franco Scaldati

Fitto di appuntamenti il cartellone della rassegna con la direzione artistica di Claudio Collovà che ricorda: “Le Orestiadi sono uno dei festival più longevi di Europa. Negli anni sono stati centinaia gli artisti internazionali passati da qui, il riscontro del pubblico sempre sorprendente. Qui l'arte contemporanea trova la sua dimensione reale”.

0 condivisioni

il direttore collovà: "corrao ne sarebbe felice"

Alle Orestiadi di Gibellina
il Premio della Critica 2012

Riconoscimento importante per una rassegna artistica made in Sicily che nel corso degli anni ha saputo ritagliarsi un posto di rilievo nel panorama culturale internazionale. Il Festival delle Orestiadi di Gibellina, diretto da Claudio Collovà, ha ricevuto il Premio della critica 2012, attribuito ogni anno dall’Associazione Nazionale dei Critici di Teatro. Un ulteriore prestigioso traguardo per la rassegna promossa dalla Fondazione Orestiadi, istituita dal compianto senatore Ludovico Corrao, il ‘padre’ della nuova Gibellina.

0 condivisioni

il direttore collovà: "corrao ne sarebbe felice"

Alle Orestiadi di Gibellina
il Premio della Critica 2012

Riconoscimento importante per una rassegna artistica made in Sicily che nel corso degli anni ha saputo ritagliarsi un posto di rilievo nel panorama culturale internazionale. Il Festival delle Orestiadi di Gibellina, diretto da Claudio Collovà, ha ricevuto il Premio della critica 2012, attribuito ogni anno dall’Associazione Nazionale dei Critici di Teatro. Un ulteriore prestigioso traguardo per la rassegna promossa dalla Fondazione Orestiadi, istituita dal compianto senatore Ludovico Corrao, il ‘padre’ della nuova Gibellina.

0 condivisioni

mercoledì 1° agosto l'inaugurazione della mostra

L’arte per nutrire sogno e speranza
Gibellina ricorda Ludovico Corrao

Ci sono persone che lasciano il segno, che riscrivono la storia dei luoghi, che infondono speranza, che diventano certezza nella desolazione, e che verranno ricordate per sempre. Gibellina rende omaggio a Ludovico Corrao, il padre della rinascita della cittadina trapanese.

0 condivisioni

dal 3 al 28 luglio

XXXI Orestiadi di Gibellina,
nel ricordo di Ludovico Corrao

Per la prima volta, seduto in prima fila ad assistere agli spettacoli, non ci sarà il senatore Ludovico Corrao, il padre delle Orestiadi e della nuova Gibellina, colui che nel Belìce devastato dal sisma prima e dal malaffare dopo, chiamò a raccolta gli artisti affinché attraverso le loro creazioni ricostruissero l’identità di una valle che sembrava essere stata spazzata via per sempre.

0 condivisioni

A Gibellina i funerali del senatore. L'omelia del vescovo di Mazara del Vallo

Mogavero su Corrao:
“Fautore di pace e progresso”

Non si stancava mai il vecchio senatore di adoperarsi per portare cultura e bellezza nella sua Sicilia. Le sue molte esperienze personali e professionali, gli avevano insegnato che insieme si è più forti e che il potere rigeneratore della solidarietà tra i popoli è la strada maestra da perseguire.
Corrao aveva capito – essendo in questo un precursore dei tempi – che un’unica anima accomuna il Mediterraneo.

0 condivisioni
Digitrend s.r.l.
Leggi le ultime notizie di blogsicilia.it qui