mercoledì - 05 agosto 2020

 

Archivio

il ricordo di leoluca orlando

11 anni fa moriva Felicia Impastato
“Simbolo di integrità morale”

“Una donna di grande coraggio e integrità morale, – ha detto Orlando – che è divenuta figura di riferimento per le nuove generazioni e per tutti coloro che lottano con fermezza contro la mafia e il malaffare, in nome della verità e della speranza di riscatto per la Sicilia e l’Italia”.

0 condivisioni

la commemorazione il 7 dicembre

A Cinisi memoria e impegno
per ricordare Felicia Impastato

Il 7 dicembre, a undici anni dalla sua scomparsa, Casa Memoria Impastato ricorderà Felicia, non solo come mamma di Peppino Impastato, ma anche come donna coraggiosa e forte, capace di opporsi al potere mafioso.

0 condivisioni

previste limitazioni al traffico, ecco dove

Un film su Felicia Impastato
Palermo diventa set

Ad interpretare mamma Felicia, morta nel 2004 a 88 anni, dopo aver lottato a lungo per far arrestare i responsabili della morte di suo figlio, sarà l’attrice pugliese Lunetta Savino.

0 condivisioni

Alla presenza dei magistrati Teresi e Di Matteo

Villa Piccolo ricorda Impastato
Un giorno in memoria di Peppino

Martedì (7 luglio), a partire dalle 9, a Villa Piccolo, a Capo d’Orlando, è in programma un incontro su “Le opere e i giorni” di Peppino Impastato, ucciso dalla mafia nel 1978 a Cinisi.

0 condivisioni

a catania

Un murales per Peppino Impastato
Completata l’opera del writer Magno

E’ stato ultimato il grande murale raffigurante Peppino Impastato realizzato alla circonvallazione di Catania dal writer Vincenzo Magno nell’ambito del programma CataniaAgorà.

0 condivisioni

Piccolo grande eroe dell'antimafia

Peppino Impastato:
il coraggio di una scelta

Il coraggio di una scelta, quella di non lasciare il paese dove era nato, Cinisi, per evitare di guardare in faccia e dimenticare i problemi che soffocavano quella terra di agrumi e mare. Ma facciamo un passo indietro. Chi era Peppino Impastato?

0 condivisioni

il documentario di Ivan Vadori

La storia di Peppino vola ad Harvard
Negli Usa “La Voce di Impastato”

Peppino Impastato arriva ad Harvard. Dopo essere partito da Cinisi (Palermo) e aver conquistato in soli due anni 25.000 spettatori con più di 100 proiezioni, il documentario “La Voce di Impastato”, del giornalista e regista Ivan Vadori, approda negli States.

0 condivisioni

Rischia ora l'accusa di concorso in associazione mafiosa

Mafia, omicidio Impastato
Nuove accuse per Subranni

Dopo la decisione del gip di Palermo di ordinare alla Procura nuove indagini sui depistaggi nell’inchiesta per la morte di Peppino Impastato, il militante di Dp ucciso nel 1978, i pm, che avevano chiesto l’archiviazione del caso, si apprestano a modificare il reato contestato al principale indagato, l’ex generale del Ros Antonio Subranni.

0 condivisioni

le iniziative di casa memoria

10 anni fa moriva Felicia Impastato, la coraggiosa mamma di Peppino

Il 7 Dicembre 2014 ricorre il decimo anniversario della scomparsa di Felicia Bartolotta Impastato, madre di Peppino. Dalla morte del figlio Felicia ha speso la sua vita con grande dedizione nel perseguire la strada della giustizia e della verità contro la cultura dell'omertà e della sopraffazione mafiosa.

0 condivisioni

avrà sede a palermo, in corso la petizione

Un Memoriale della lotta alla mafia
L’idea del Centro Impastato

Il Memoriale-Laboratorio della lotta alla mafia sarà struttura polivalente, che metterà cioè a disposizione della collettività un percorso museale su mafia ed antimafia, un itinerario didattico, un istituto di ricerca, e i materiali raccolti nei lunghi anni di attività, disponibili alla consultazione nella biblioteca e cineteca che si intende realizzare.

0 condivisioni

Si trova alla stazione di Isola delle Femmine

Intitolata a Peppino Impastato la nuova sede di Addiopizzo Travel

La nuova sede legale di Addiopizzo Travel, agenzia di viaggi per strutture pizzo-free, al primo piano della stazione ferroviaria di Isola delle Femmine, è stata intitolata a Peppino Impastato, il giovane militante di Democrazia Proletaria assassinato dalla mafia nel 1978 a Cinisi, proprio su quella linea ferrata che da Palermo conduce a Trapani.

0 condivisioni

protestano gli aderenti al comitato No Muos

Crocetta contestato a Cinisi
Nel giorno del ricordo di Impastato

Attimi di tensione stamani all’arrivo del presidente della regione Rosario Crocetta per intervenire a Cinisi alla manifestazione “I Cento passi dei Sindaci” in memoria di Peppino Impastato, ucciso dalla mafia il 9 maggio del 1978. Crocetta è stato contestato dagli attivisti No Muos presenti alla giornata del ricordo. E’ dovuto intervenire Giovanni Impastato, fratello di Peppino,

0 condivisioni

domenica la commemorazione di rete 100 passi

“Buon compleanno Peppino”
Palermo ricorda Impastato

Per dare una inversione di tendenza rispetto alle solite commemorazioni, Rete 100 passi ha scelto sin dall’inizio della sua attività di ricordare le vittime di mafia non nel giorno del loro assassinio ma in quello della nascita. Oggi Peppino Impastato avrebbe compiuto 66 anni. Verrà ricordato con una diretta video e radio dalla libreria Feltrinelli di Palermo a partire dalle 15,30 e per tutto il pomeriggio.

0 condivisioni

L'iniziativa all'Università di Palermo

Pupi siciliani raccontano
le storie degli eroi antimafia

Hanno potuto manipolare un pupo siciliano e, soprattutto, hanno potuto ascoltare la storia di Placido Rizzotto, Pio La Torre, Peppino Impastato, Falcone e Borsellino e Pino Puglisi. Gli studenti cinesi della Sichuan International Studies University di Chongqing, giapponesi e belgi della Scuola di Lingua italiana per stranieri dell’Ateneo palermitano e che frequentano il corso avanzato

0 condivisioni

domani a capaci

Legalità, al “Lido Sconzajuoco”
una serata per Peppino Impastato

Si parte con la presentazione del libro “Il Vurricatore” di I.M.D., edito dalla Leima. A intervistarlo sarà la giornalista Gilda Sciortino, della redazione di “100 Passi Journal”, le cui domande saranno intervallate dalle letture di alcuni passi del libro, a cura di Gualtiero Sanfilippo.

0 condivisioni

Oggi l'inaugurazione con documenti e materiali inediti

Nasce il museo di Peppino Impastato
Sarà ospitato a Casa memoria a Cinisi

Dai libri preferiti ai dischi in vinile, dai documenti utilizzati a ‘Radio Aut’ all’ultimo testo letto prima di essere ucciso dalla mafia. Il mondo di Peppino Impastato, l’attivista assassinato da Cosa nostra a Cinisi nel 1978, sarà mostrato al pubblico da oggi pomeriggio nella sede della storica Casa Memoria in corso Umberto 220.

0 condivisioni

L'inaugurazione sarà giovedì prossimo alle 18

Un museo in onore
di Peppino Impastato

Sarà inaugurata giovedì prossimo alle 18 la Casa-Museo, dedicata a Peppino Impastato, nella sede di Casa Memoria in corso Umberto 220 a Cinisi. Quella che era l’abitazione di famiglia, infatti, è stata trasformata in una struttura adatta ad accogliere i numerosi visitatori che ogni anno raggiungono Cinisi per conoscere la storia e i luoghi di Peppino Impastato.

0 condivisioni

le iniziative del centro servizi per il volontariato etneo

Legalità e solidarietà: l’impegno
dei volontari di “Fammi Largu”

Una quarantina di giovani volontari ha visitato alcuni luoghi simbolo della Sicilia: il memoriale di Portella della Ginestra e a Cinisi la casa di Peppino Impastato. Il 27 luglio in piazza Lincoln mobilitazione  per l’emergenza abitativa catanese.

0 condivisioni

La visita a Casa memoria Impastato

Commissione antimafia a Cinisi
Musumeci: “In ritardo di 22 anni”

Arriviamo in ritardo di 22 anni ma siamo qui“. Queste le parole di Nello Musumeci, presidente della Commissione antimafia dell’Ars, a Cinisi per visitare Casa memoria Peppino Impastato e omaggiare la memoria del giornalista e militante di Democrazia proletaria ucciso 35 anni fa dietro ordine del boss mafioso Tano Badalamenti.

0 condivisioni

Oggi alle 10 i quindici componenti saranno a Cinisi

Antimafia e politica si incontrano
Commissione Ars a Casa Impastato

Tra poche ore l’ingresso di uno dei luoghi simbolo dell’Antimafia, la Casa memoria Peppino Impastato, sarà varcato dai componenti della Commissione speciale dell’Assemblea regionale siciliana che dal 1991, anno della sua istituzione, ha come obiettivo di indagare e vigilare su Cosa nostra. Un atto simbolico, il primo dal suo insediamento, che avviene a trentacinque anni dall’omicidio del giornalista e militante di Democrazia proletaria, ordinato dal boss mafioso Tano Badalamenti.

0 condivisioni
Digitrend s.r.l.