martedì - 16 luglio 2019

 

Archivio

colto in flagrante ad erice

Ruba carburante in un cantiere
In manette 39enne di Paceco

Ad insospettire i militari e’ stata un’auto notata nei pressi di un cantiere dove si trovavano dei mezzi pesanti impiegati per il movimento terra. E’ stato cosi’ che i carabinieri hanno sorpreso l’uomo mentre era intento a travasare e rubare gasolio.

0 condivisioni

il 7 febbraio

Arti figurative, musica e letteratura
A Pizzolungo il premio Calliope

La regione più rappresentata è stata la Sicilia con oltre trentacinque partecipanti seguita da Piemonte e Toscana in ex-aequo sopra, di poco, a Lazio e Lombardia. Arte, insomma, a 360 gradi intesa non solo come attività creativa ma, piuttosto, come volontà e capacità di trasmettere emozioni e “messaggi”.

0 condivisioni

E' successo ad Erice

Rischiava di annegare: tratto in salvo bagnante nel Trapanese

Un giovane bagnante in difficoltà, che stava rischiando di annegare, è stato tratto in salvo dal personale della Capitaneria di porto di Trapani. E’ accaduto nello specchio d’acqua antistante la frazione di Pizzolungo, ad Erice.

0 condivisioni

Bloccati in una segheria di marmi dismessa

Trapani, sorpresi a rubare rame
da una cabina: arrestati

I Carabinieri della Compagnia di Trapani hanno arrestato M.G., 32 anni, e A.C., 30 anni, per furto. I due si sono introdotti in una segheria di marmi dismessa a Pizzolungo e hanno cominciato ad asportare cavi elettrici da una cabina per ricavarne rame.

0 condivisioni

Nella foto le immagini di 28 anni fa

Trapani; strage di Pizzolungo:
ricordate oggi le vittime

Sono stati ricordati questa mattina a Trapani sul litorale di Pizzolungo Barbara Rizzo Asta e i suoi due figli, i gemelli di 6 anni Giuseppe Salvatore Asta, uccisi 28 anni da una bomba piazzata dalla mafia per colpire il giudice istruttore Carlo Palermo, che rimase illeso.

0 condivisioni

27 ANNI FA LA STRAGE

Mafia, strage di Pizzolungo
Oggi il giorno del ricordo

Oggi è il giorno del ricordo. Ricorre infatti il 27^ anniversario della strage di Pizzolungo, ad Erice, dove il 2 aprile del 1985, persero la vita tre vittime innocenti: Barbara Rizzo e i suoi due figlioletti di 6 anni, i gemelli Giuseppe e Salvatore Asta, coinvolti nell’attentato mafioso in realtà destinato a colpire il giudice Carlo Palermo

0 condivisioni
Digitrend s.r.l.