Archivio

La Corte d'Assise deciderà il 25 settembre

Stato-mafia, la Procura di Palermo:
“Sentire Napolitano è ancora utile”

La Corte d’Assise di Palermo, presieduta da Alfredo Montalto, scioglierà il 25 settembre, alla ripresa del processo sulla trattativa Stato-mafia, la riserva in ordine alla richiesta di sentire il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. E’ stato annunciato al termine della deposizione di Vitaliano Esposito, dopo che il procuratore aggiunto Vittorio Teresi aveva manifestato “l’opportunità di dare corso

0 condivisioni

la procura di palermo dispone autopsia

Trovato agonizzante dal badante,
si indaga su morte reduce Cefalonia

La procura di Palermo indaga sulla morte di Giorgio Lo Jacono, 92 anni, avvenuta lo scorso 18 maggio nella sua abitazione in via Val di Noto.  L’uomo, uno dei pochissimi sopravvissuti all'eccidio di Cefalonia nel 1943 compiuto dai tedeschi sui soldati italiani.

0 condivisioni

l'inchiesta è filone di quella sulla trattativa stato-mafia

Servizi segreti e mafia, il generale Mori: “Contro me assurde illazioni”

Mori rimane sotto processo in Corte d’assise, per i presunti accordi con i boss nel periodo delle stragi del ’92-’93, ma il concorso esterno non può essergli addebitato. Perlomeno in questa fase, visto che sono scaduti i termini per indagare.

0 condivisioni

nascerà un albo formatori per i giovani laureati

Formazione, Crocetta: “Una battaglia e presto ci sarà la rivoluzione”

“L'accreditamento sara' rigido – annuncia il governatore -. Potranno lavorare solo gli enti che dimostreranno di avere i locali, i computer, le attrezzatura necessarie”. Il personale inserito nell'albo dei formatori “sara' al servizio del sistema e non degli enti”. “A noi interessa creare una formazione vera – conclude – non ci interessano i problemi degli enti, sono loro a dover farsene carico”.

0 condivisioni

Il calcolo del cumulo delle condanne inflitte

Provenzano condannato a 20 ergastoli, Leoluca Bagarella a tredici

La Procura di Palermo ha emesso un ordine di esecuzione pena a carico dei boss di Cosa nostra, Bernardo Provenzano e Leoluca Bagarella. Il provvedimento è stato disposto dopo il calcolo del cumulo delle condanne inflitte ai due mafiosi.

0 condivisioni

Dopo le denunce del governatore Cfrocetta

Ex Pip, la Procura apre un’inchiesta
su casi di precari milionari e detenuti

La Procura di Palermo ha aperto un’inchiesta sulla gestione degli ex Pip di Emergenza Palermo. Dopo le segnalazioni del governatore siciliano Rosario Crocetta, che ha girato ai pubblico ministero l’elenco dei lavoratori che per anni hanno percepito, prima un sussidio mensile, poi uno stipendio, dalla Regione, i magistrati hanno aperto un’inchiesta per capire se nell’ammissione

0 condivisioni

chiusa la prima parte delle indagini

Spese pazze Ars, il “rivoluzionario”
Cateno De Luca in Procura

Cateno De Luca, ex deputato regionale del suo partito personale “Rivoluzione siciliana” e attuale sindaco di Santa Teresa Riva, in provincia di Messina, viene interrogato in Procura a Palermo.

0 condivisioni

il deputato questore dai pm

Spese pazze all’Ars, Ruggirello:
“Non ho acquistato borse né caffè”

“Risponderò ai magistrati. E’ il minimo che si possa fare. Anche per fornire alcune delucidazioni ed elementi in merito alle norme e alle regole”. Così Paolo Ruggirello, deputato Mpa all’Assemblea regionale siciliana nella scorsa legislatura e oggi di Articolo 4, poco prima di essere interrogato dai magistrati Sergio Demontis, Maurizio Agnello e Luca Battinieri che conducono l’inchiesta sull’utilizzo dei fondi dei gruppi parlamentari dell’Ars.

0 condivisioni

l'ex dirigente del Pid

Ciapi, 2 anni e 8 mesi per Di Carlo
Prima condanna a Palermo

La sentenza accoglie la richiesta della Procura e infligge due anni e otto mesi a Domenico Di Carlo, 62 anni, che rispondeva di corruzione, turbativa d’asta e violazione delle regole sul finanziamento dei partiti. Dopo il patteggiamento di Gianmaria Sparma, ex assessore regionale al Territorio condannato a un anno e sei mesi, si tratta della prima decisione adottata a seguito di un processo.

0 condivisioni

I due si avvalgono della facoltà di non rispondere

Spese pazze Ars, Marrocco e Fiorenza
non si presentano dai magistrati

L’ex capogruppo di Fli, Livio Marrocco, e l’ex deputato Mpa Cataldo Fiorenza, coinvolti nell’inchiesta sulle spese dei gruppi parlamentari dell’Assemblea regionale siciliana, hanno entrambi deciso di avvalersi della facoltà di non rispondere e di non presentarsi davanti ai magistrati.

0 condivisioni

le intercettazioni suggeriscono una ipotesi inquietante

Una nuova talpa negli uffici giudiziari
Preoccupati i magistrati di Palermo

Potrebbe esserci una nuova talpa negli ambienti giudiziari palermitani. Una talpa in grado di legge le mail interne della procura e che, in qualche modo, farebbe giungere le notizie che i magistrati si scambiano con questo mezzo fino ai detenuti.

0 condivisioni

Sette i magitsrati in lizza

Procura di Palermo, Lari e Lo Forte
candidati a succedere a Messineo

Sono sette i candidati alla guida della Procura di Palermo: il ruolo di procuratore capo, infatti, sarà vacante dal 1 agosto prossimo, quando Francesco Messineo raggiungerà il limite di 8 anni previsto per gli incarichi direttivi.

0 condivisioni

la giornata siciliana in 2 minuti

BlogSicilia Video News,
Oggi in Sicilia in 2 minuti

La giornata siciliana in 2 minuti. E’ on line l’edizione odierna (29 novembre) dello smart Tg di Blog Sicilia Tv. Il riassunto delle principali notizie siciliane è disponibile ogni sera dal lunedì al venerdì

0 condivisioni

La vittima è il palermitano Mario Biondo

Cameraman morto a Madrid: per la famiglia è omicidio premeditato

“Mario è stato ammazzato. E’ stato tutto premeditato e mio fratello ha scoperto sicuramente qualche cosa”. Così Emanuela Biondo, sorella di Mario Biondo, cameraman palermitano trovato morto il 30 maggio scorso a Madrid, città dove viveva con la moglie Raquel Sanchez Silva, nota conduttrice spagnola.

0 condivisioni

Un uomo di 33 anni ricoverato all'ospedale Cervello

Palermo, muore dopo tracheotomia
La Procura dispone l’autopsia

La Procura di Palermo ha disposto l’autopsia sul corpo di un ragazzo di 33 anni, Samir Albanese, morto all’ospedale Cervello per un presunto caso di malasanità denunciato dai familiari. Il giovane era stato sottoposto ad un intervento alla gola al Cervello dopo essere stato ricoverato per tre giorni in un’altra struttura ospedaliera della città, l’Ingrassia.

0 condivisioni

Restano ai loro posti gli aggiunti Agueci, Teresi e Scalia

Procura di Palermo, il Csm decide: “Corselli sarà il vice di Messineo”

Claudio Corselli, 62 anni, già procuratore aggiunto ad Agrigento e a Siracusa, è il nuovo vice del procuratore di Palermo, Francesco Messineo.

0 condivisioni

In un'intervista a Repubblica

Caso Di Matteo, vertice in Procura
Il pm: “Resto, non temo Riina”

“Io ci sono. E continuo a fare il mio lavoro“. Lo afferma Nino Di Matteo, il magistrato minacciato da Totò Riina per le sue indagini che vive da vent’anni sotto scorta.

0 condivisioni

Lo rivela il quotidiano la Repubblica

Stato mafia, l’ordine di Riina:
“Uccidete il pm Di Matteo”

Dal carcere milanese di Opera il boss corleonese Toto’ Riina si sarebbe lasciato andare a uno sfogo con un detenuto.

0 condivisioni

Stefania Craxi: "Onorato è un vergognoso mentitore"

Omicidio Dalla Chiesa, Bobo Craxi:
“E’ una calunnia contro mio padre”

Bobo Craxi, in un’intervista a Clandestinoweb, attacca i magistrati e difende il padre parlando anche dei rapporti fra il leader socialista e il generale Carlo Alberto Dalla Chiesa.

0 condivisioni

Non esistono partiti degli onesti e partiti dei disonesti

Agueci alla Regione. “No a denunce usate come alibi per non fare”

Bisogna smetterla di dividere il mondo in partiti degli onesti e partiti dei disonesti perché la corruzione è ovunque. Sul fronte giudiziario c’è in corso una inchiesta sulle spese dei gruppi all’Ars mentre il fronte caldo è certamente quello della formazione

0 condivisioni
Digitrend s.r.l.
Leggi le ultime notizie di blogsicilia.it qui