giovedì - 19 settembre 2019

 

Archivio

Oggi presidio dei lavoratori davanti la prefettura

Rifiuti, ancora irrisolta la crisi dell’Ato Palermo 2 Belice Ambiente

Scendono in piazza oggi con un presidio davanti alla sede della prefettura a Palermo i lavoratori dell’Ato PA 2 Alto Belice Ambiente. Lo rendono noto i sindacati.

0 condivisioni

Bloccati i cancelli dello stabilimento a Gela

L’Eni trasferisce 5 dipendenti
nel Torinese: scatta la protesta

L’Eni trasferisce d’ufficio cinque suoi dipendenti dalla raffineria di Gela a una propria consociata che produce additivi chimici nel Torinese e scatta la protesta spontanea dei lavoratori del diretto, con il conseguente blocco dei cancelli dello stabilimento.

0 condivisioni

lavoratori in protesta contro chiusura petrolchimico

Gela, operai bloccano cancelli Eni
Il parroco: “Chiusura sarebbe follia”

Le maestranze dicono “no” al ventilato disimpegno dell’Eni, “le cui scelte, con il congelamento degli investimenti pari a 700 milioni di euro – spiegano i sindacati confederali – bloccano di fatto il processo di riqualificazione e di rilancio e mirano a ridurre la raffineria a un deposito costiero di idrocarburi”.

0 condivisioni

Gli operai hanno bloccato i cancelli

Gela, ferma la produzione della raffineria: protestano i lavoratori

Esplode la protesta spontanea dei lavoratori, al petrolchimico di Gela, dopo la decisione dell’Eni di non riavviare la produzione della raffineria, ferma dal 15 marzo per un incendio. Gruppi di operai presidiano i cancelli della fabbrica bloccando gli automezzi pesanti in entrata e in uscita.

0 condivisioni

La manifestazione si svolge davanti alla Prefettura

Palermo, protesta dei cassintegrati e dei lavoratori in mobilità

Cassaintegrati e lavoratori in mobilità stanno manifestando a Palermo davanti alla sede della prefettura. Chiedono l’accelerazione degli iter per l’emanazione dei decreti ministeriali propedeutici all’erogazione degli ammortizzatori sociali in deroga da parte dell’Inps.

0 condivisioni

La manifestazione è durata alcune ore

Gela, protestano i lavoratori dell’indotto della Raffineria

Sit-in di protesta, stamani, davanti alla raffineria Eni di Gela, da parte di un gruppo di lavoratori dell’indotto che contestano, “in un momento di crisi economica, l’eccessivo ricorso al lavoro straordinario, in contrasto con il contemporaneo, massiccio utilizzo di cassa integrazione e mobilità da parte delle imprese appaltatrici nei confronti di decine di dipendenti”.

0 condivisioni
Digitrend s.r.l.