Archivio

tutte le disfunzioni dalla loro abolizione

Care, vecchie e mostruose Province:
simbolo di sprechi o indispensabili?

‘A cosa servono?!?’ E’ stato come un mantra volato di bocca in bocca ed entrato nella testa molti che, magari pur non credendoci, alla fine – sfiancati – ammettevano ‘l’inutilità delle Province’ divenute l’esempio degli sprechi della ‘casta’. Eppure le ragioni rappresentate oggi in Sicilia, dove ancora gli enti intermedi vivacchiano nel limbo del commissariamento

0 condivisioni

I PRELIEVI FORZOSI PIù ELEVATI IN SICILIA

Ex Province, tagli e prelievi a Catania
Rischio chiusura per scuole e strade

A Catania, rischio di chiusura per gli istituti scolastici superiori, dato che molte strade non saranno più transitabili e i disabili sensoriali (audio e videolesi) resteranno senza servizi. Sono state le organizzazioni sindacali, assieme al coordinamento delle Rsu di tutte le ex Province siciliane, a denunciare la situazione.

0 condivisioni

assemblee nei 9 futuri consorzi

Province siciliane al defualt
Lavoratori pronti alla mobilitazione

“I lavoratori delle Province sono fortemente preoccupati per il loro futuro occupazionale e la tenuta dei servizi a causa del vuoto normativo e dei tagli ai trasferimenti da parte dello Stato e della Regione, per questo sarà avviata subito la mobilitazione regionale”. È il grido unanime che viene ripetuto nelle nove assemblee che contemporaneamente si sono tenute oggi, nel giorno

0 condivisioni

l'attacco del M5S

Riforma Province: “Vergognosa vincita della lobby dei sindaci”

E’ una bocciatura senza appello quella che arriva dai parlamentari del Movimento 5 Stelle all’Ars al ddl del governo che ridisegna completamente la riforma delle ex Province, con “una assurda pianificazione di tre grandi aree metropolitane, che ricalcano i confini delle ex province di Palermo, Catania e Messina”.

0 condivisioni

i contenuti del ddl composto da 55 articoli

Province, come funzioneranno
Liberi consorzi e città metropolitane

Col disegno di legge di riforma delle Province adottato stamani in commissione Affari istituzionali dell’Ars vengono archiviate alcune delle norme contenute nella legge approvata l’anno scorso che ha abolito l’elezione di primo livello, istituendo i Liberi Consorzi.

0 condivisioni

il sit in di sindacati e lavoratori

Le ex Province scricchiolano:
“Solo in Sicilia a rischio 3mila posti”

Se anche in Sicilia si dovesse recepire la linea politica del Governo in discussione in Parlamento, circa 3000 lavoratori, che rappresentano più la metà del personale delle province siciliane, dovranno essere posti in mobilità, con il concreto rischio di non percepire  gli stipendi.

0 condivisioni

sit-in dei dipendenti in tutta l'isola

Province, domani la mobilitazione “contro i tagli del governo nazionale”

Sit in dei dipendenti delle ex province domani in tutta la Sicilia presso le sedi di appartenenza. Aderendo alla mobilitazione lanciata dai segretari nazionali di categoria, le segreterie regionali di FP CGIL – CISL FP – UIL FPL hanno indetto assemblee per manifestare contro la politica del governo nazionale.

0 condivisioni

la richiesta dei sindacati

Province: “Paralisi dei palazzi, Crocetta approvi nuove nomine”

I tre sindacati del pubblico impiego lanciano un grido dall’allarme al governatore Crocetta: «La legge di proroga dei Commissari delle ex Province è stata approvata e regolarmente pubblicata sulla Gazzetta ufficiale di venerdì scorso. Perché dunque non si nominano i nuovi Commissari?»

0 condivisioni

sono i lavoratori delle partecipate provinciali

Province, in 600 domani in piazza per difendere il proprio lavoro

Sono preoccupati per l’assenza di garanzie riguardo l’attività dei dipendenti precari delle società partecipate delle ex province siciliane

0 condivisioni

Stanziati complessivamente 3.000.000 euro

Alunni disabili, in arrivo le risorse per le province siciliane

Le province avranno i finanziamenti  da parte dell’Assessorato regionale alla Famiglia ed alle Politiche Sociali, per garantire l’avvio del servizio igienico personale nelle scuole, così da riconoscere agli alunni disabili parità di trattamento.

0 condivisioni

la riforma delle province in sicilia

Un mese per aderire a Liberi consorzi
Musumeci: “Incertezza nei Comuni”

“Ad un mese esatto dalla scadenza fissata dalla legge, il novanta per cento dei Comuni siciliani non ha ancora deliberato l’adesione ad alcun Libero Consorzio”. Lo segnala in una nota il leader siciliano de La Destra, Nello Musumeci, uno dei parlamentari regionali più critici sulla riforma, che presenta un ddl.

0 condivisioni

Dopo l'esito del referendum a Gela

Province, Musumeci attacca Crocetta
“La sua riforma resterà inapplicata”

Il deludente esito del referendum di domenica a Gela conferma quello che diciamo ormai da mesi: la legge di riforma delle Province, voluta dal governo Crocetta, resterà inapplicata per manifesta mostruosità genetica”. Così Nello Musumeci, presidente della Commissione regionale Antimafia, attacca la legge che istituisce i liberi consorzi di comuni.

0 condivisioni

L'idea del "comitato per lo sviluppo dell'area gelese"

Province, la provocazione di Gela:
“Capofila libero consorzio di Catania”

L’annuncio a sorpresa, di una iniziativa definita da molti “provocatoria”, è stato dato, stamani, da Filippo Franzone, presidente del “comitato per lo sviluppo dell’area gelese” durante un vertice nel municipio di Gela, convocato, d’intesa con il sindaco, Angelo Fasulo, per esaminare le residue possibilità della nascita di un “libero consorzio di comuni” con Gela ente-capofila.

0 condivisioni

occhi puntati sul rimpasto

Province, è il giorno della riforma
Oggi all’Ars previsto il voto finale

Dopo aver approvato tutte le norme del disegno di legge, oggi voto finale all’Ars sulle province. Una riforma tanto attesa quanto ostacolata. Adesso gli occhi sono puntati sul rimpasto. La partita da giocare con i partiti della maggioranza è il riequilibrio all’interno del governo. Ma il presidente Crocetta mette subito le carte in tavola.

0 condivisioni

Presentato da Girolamo fazio Fazio e Baldo Gucciardi

Province, ordine del giorno all’Ars
contro recesso da enti e associazioni

Un ordine del giorno perché sia revocato il recesso delle Province da enti culturali, partecipate e associazioni nelle more che con apposita legge vengano individuati le funzioni da attribuire ai Liberi Consorzi dei Comuni è stato presentato all'Ars dal deputato Girolamo Fazio, da Baldo Gucciardi del Pd, e sottoscritto da altri 40 parlamentari.

0 condivisioni

Il presidente della commissione Affari istituzionali all'Ars

Cracolici avverte Crocetta:
“Rimpasto? Serve nuovo esecutivo”

Antonello Cracolici, parlamentare regionale del Pd e presidente della commissione Affari istituzionali all’Ars, intervenendo oggi come ospite in studio nel corso del tg di Trm, commenta il possibile rimpasto del governo Crocetta.

0 condivisioni

il neo segretario Pd Sicilia

Raciti incontra il gruppo Pd all’Ars
“Sulle province dialogo con Ncd”

L’incontro di oggi con il gruppo parlamentare del Pd all’Ars, ha spiegato, è legato all’intenzione “di presentare il nuovo Partito democratico, di rappresentare una reciprocità di rapporti tra il Pd siciliano e i deputati dell’Ars

0 condivisioni

L'attacco del vice segretario del Pd siciliano

Spicola: “La riforma province non discussa e non condivisa coi siciliani”

“Con la riforma delle Province ci sono in ballo i servizi, le viabilità e tante altre cose che vanno a incidere sulla vita quotidiana delle persone. Ebbene, proprio le persone, sono state completamente tenute all’oscuro”. Lo ha detto il vice segretario del Pd siciliano, Mila Spicola, a margine dell’incontro regionale del partito a San Biagio Platani, con le realtà territoriali agrigentine.

0 condivisioni

Superato lo scoglio della pregiudiziale

La riforma delle Province va avanti
Entro oggi tutti i sub emendamenti

Fra uno slittamento e l’altro superato il primo scoglio ma la discussione slitta ancora. Termine per i sub emendamenti fissato alle 12

0 condivisioni

Bernava: "Fermate tutto", Pagliaro: "limitate i consorzi"

Sulle province solo un “pastrocchio”
Sindacati siciliani contro la riforma

“Un pastrocchio, che rischia di portare a un vero pateracchio con effetti deleteri sul piano economico e sociale”. Pertanto, “si fermi tutto. Si trovi un accordo politico sulla proroga dei commissari. E si vada verso un disegno coerente, organico, funzionale, sulla base del confronto con l’Anci, con l’università, con le forze economiche e sociali”. La

0 condivisioni
Digitrend s.r.l.
Leggi le ultime notizie di blogsicilia.it qui