Archivio

è accaduto a caltanissetta

Scappa dai domiciliari e chiede asilo, arrestato sudanese

Il ragazzo, già arrestato a Palermo per rapina e con precedenti penali per reati contro il patrimonio, era irreperibile da mesi perché evaso dagli arresti domiciliari.

0 condivisioni

l'esponente di fdi a catania

Meloni bacchetta il Governo:
“Incapace su immigrazione”

E’ iniziato ieri il tour siciliano di Giorgia Meloni, leader di Fratelli d’Italia-Alleanza nazionale, che sulla questione migranti non risparmia critiche all’esecutivo nazionale.

0 condivisioni

bocche cucite per protesta anche a Ponte galeria

Immigrazione, la protesta dei migranti dalla Sicilia arriva a Roma

Avrebbero appreso dell’uscita dal Cie di Caltanissetta di alcuni loro connazionali ai quali sarebbero stati dati 7 giorni per lasciare il Paese. Sarebbe stata questa la motivazione scatenante della protesta di alcuni extracomunitari che attualmente si trovano nel Cie di Ponte Galeria e che si sono cuciti le labbra così come avvenuto giorni fa in

0 condivisioni

oggi la manifestazione del coordinamento per la pace

14 anni fa il rogo del Cie Vulpitta
Trapani ricorda i migranti morti

Nella notte tra il 28 ed il 29 dicembre del 1999, a Trapani, all’interno del centro di permanenza temporanea per extracomunitari “Serraino Vulpitta” 6 immigrati morirono durante un rogo. Un anniversario che alimenta l’indignazione già scaturita dal video shock di Tg2 sui migranti ‘disinfettati’ a Lampedusa. Intanto i profughi ospitati al Palanebiolo di Messina sono in sciopero della fame.

0 condivisioni

la posizione del presidente del consorzio e del direttore

Migranti Cara risorsa per Mineo:
manifestare, ma isolare i violenti

Il presidente del Consorzio Cara di Mineo Paolo Ragusa e il direttore del Cara Sebastaino Maccarrone sono concordi nel condannare gli episodi di violenza che sono seguiti alla manifestazione di ieri.

0 condivisioni

i motivi della protesta davanti al cara di mineo

Asilo politico e bonus permesso
di soggiorno: le richieste dei migranti

Cosa rivendicano gli ospiti del Cara? Da un lato vogliono conoscere le decisioni prese dalla Commissione che prende in esame le richieste di asilo politico, dall’altro lamentano i tempi lunghi della burocrazia per la concessione dei permessi. A questo si aggiunge la richiesta della proroga del bonus da 500 euro pere gli immigrati che hanno già ottenuto il permesso di soggiorno.

0 condivisioni

Sono scappati sabato sera

Tre tunisini in fuga dal Cie di Trapani

Tre tunisini sono fuggiti, sabato sera, ma la notizia si è appresa solo oggi, dal Cie di Trapani Milo. Un quarto immigrato, nel tentativo di fuga, si è fratturato una gamba mentre scavalcava la recinzione e si trova ricoverato all’ospedale Sant’Antonio Abate di Trapani.

0 condivisioni

martedì visita del sottosegretario alla difesa

Consorzio Sol.Calatino chiede intervento Governo al Cara di Mineo

“C’è la necessità di un intervento da parte del Governo centrale che in aggiunta alla Commissioni di nuova istituzione garantisca una Commissione dedicata al Cara di Mineo, per far fronte a una maggiore sicurezza”. E’ la richiesta del Consorzio Sol.Calatino e del Consorzio Cara Mineo, la struttura che ospita in provincia di Catania, i richiedenti asilo.

0 condivisioni

protestano per i tempi lunghi dei permessi

Protesta al Cara di Mineo, immigrati lanciano pietre contro auto polizia

Sale la tensione davanti il Cara di Mineo, la struttura in provincia di Catania, che ospita i migranti richiedenti asilo politico. Un gruppo di immigrati ha bloccato la strada statale 417 che porta a Caltagirone. Alcuni dei più facinorosi si sono scagliati contro la polizia e rotto il vetro di una volante. GUARDA LE FOTO 

0 condivisioni

la 'notte bianca delle culture'

Trasformare i richiedenti asilo in risorsa, la sfida del Cara di Mineo

I migranti sbarcati sulle coste siciliane e i richiedenti asilo che diventano risorsa. E’ la sfida lanciata dal Cara di Mineo, la struttura di accoglienza in provincia di Catania. Domani è in programma la ‘Notte bianca delle culture’, momento di accoglienza e integrazione.

0 condivisioni

il centro di accoglienza di mineo

Il direttore del Cara: “Tempi lunghi non dipendono da noi”

“L’eventuale correttezza delle motivazioni di una sparuta minoranza non può essere una giustificazione all’esplosione della violenza nelle proteste di venerdì scorso”. E’ il commento del direttore del Cara di Mineo, Sebastiano Maccarrone. Il centro di accoglienza per i richiedenti asilo, in provincia di Catania, è stato al centro dell’attenzione dopo i nuovi scontri e il ferimento di sei poliziotti.

0 condivisioni

fino alle 22 chiusa al traffico la statale 417

Alta tensione al Cara di Mineo
Migranti in marcia sulla Catania-Gela

Dopo gli scontri di un paio di giorni fa con le forze dell’ordine, nuova protesta contro i ritardi nella concessione dei permessi di soggiorno di un centinaio di etiopi ospiti della Centro di accoglienza.

0 condivisioni

La struttura ospita 2 mila migranti

Protesta immigrati a Mineo, occupata statale Catania-Gela

A Mineo un centinaio di migranti ospiti del Villaggio della Solidarietà hanno occupato le due carreggiate della strada statale Catania-Gela per protestare contro presunti ritardi nell’insediamento delle commissioni che dovranno riconoscere lo status di rifugiato politico ai richiedenti asilo.

0 condivisioni

Al via anche la tendopoli a Lampedusa

Venerdì apre a Mineo il “villaggio della solidarietà”

“Venerdì sarà operativo a Mineo il centro d’accoglienza per richiedenti asilo”. Lo ha annunciato il prefetto Giuseppe Caruso, commissario straordinario per l’emergenza immigrazione.

0 condivisioni
Digitrend s.r.l.
Leggi le ultime notizie di blogsicilia.it qui