lunedì - 06 luglio 2020

 

Archivio

sgominata la cosca di santa maria di gesù

Antichi riti alla “Torre dei Diavoli”
Mafia, ecco gli arrestati

In manette Giuseppe Greco, 53 anni, Natale Giuseppe Gambino, 57 anni, Gabriele Pedalino, 19 anni, Domenico Ilardi, 19 anni, Lorenzo Scarantino, 21 anni, Francesco Urso, 32 anni. Sono accusati a vario titolo di omicidio, tentato omicidio, associazione mafiosa e reati in materia di armi. GUARDA LE FOTO

0 condivisioni

Nel messinese arrestate otto persone

Pizzo ai locali e servizi turistici
Blitz contro clan dei barcellonesi

Secondo gli inquirenti si tratta di una banda specializzata nel racket delle estorsioni ai locali notturni della riviera tirrenica e alle compagnie di navigazione turistica nell’arcipelago delle Eolie.

0 condivisioni

L'operazione dei Ros e dei Carabinieri

Trapani, in manette 4 fiancheggiatori di Matteo Messina Denaro

Sono finiti in carcere quattro esponenti di Cosa Nostra di Trapani che avrebbero favorito al latitanza del boss Matteo Messina Denaro.

0 condivisioni

non è stata una rapina finita nel sangue

Omicidio Biancavilla,”ucciso con il legno adoperato per le percosse”

Quella rapina nella villetta, immersa nella campagna di Biancavilla, non è mai avvenuta e a commettere l’omicidio è stata proprio Vicenzina Ingrassia, 64 anni, coniuge della vittima assassinata a colpi di bastone. Nell’abitazione scoperte armi e marijuana.

0 condivisioni

è stata aggiornata al 14 ottobre

Mario Ciancio davanti al Gup
Anche i giornalisti parte civile

Sono state avanzate le richieste di costituzione di parte civile nell’eventuale processo a carico dell’editore . Oltre all’Ordine dei giornalisti ed ai familiari del commissario Beppe Montana oggi anche Sos Imprese ha formalizzato l’istanza.

0 condivisioni

Nessuna telecamera ‘trova’ Loris
Il delitto di S. Croce Camerina è un mistero

Di Loris non c’è traccia. Nei filmati di videosorveglianza, acquisiti dagli investigatori che stanno cercando di fare luce sulla tragica morte del bimbo di Santa Croce Camerina, il piccolo ucciso e trovato in un canale a quattro chilometri dal centro abitato non c’è.

0 condivisioni

un gruppo di specialisti del ros dei carabineri

A Santa Croce Camerina
anche i detective del caso di Yara

A Santa Croce Camerina sono arrrivati anche un gruppo di ufficiali e marescialli del Ros dei carabinieri che in passato si sono occupati di crimini violenti come il famoso e triste caso di Yara Gambirasio.

0 condivisioni

gli slip davanti la scuola non sono di loris

Immagini telecamere Santa Croce
Audizione madre non chiarisce dubbi

Gli investigatori ascoltando la madre di Loris si attendevano elementi utili per chiarire i dubbi sulle immagini delle circa 40 telecamere di sicurezza sparse per Santa Croce Camerina.

0 condivisioni

la procura di catania apre inchiesta per fuga di notizie

Cosa nostra chiuse la bocca a Ilardo
Aveva iniziato a collaborare

La procura di Catania ha aperto un fascicolo sulla fuga di notizie del pentimento di Luigi Ilardo assassinato a catania nel 1996. Otto giorni prima del delitto aveva incontrato a Roma Caselli, Tinebra, la Principato e i vcertici del Ros per avviare la collaborazione con la giustizia.

0 condivisioni

operazione antimafia dei carabinieri

Patto elettorale tra il clan mafioso
di Bagheria e il sindaco di Alimena

Dalle indagini è emerso un patto tra alcuni mafiosi e il sindaco di Alimena, Giuseppe Scrivano, candidato alle scorse elezioni regionali, con la promessa di voti in cambio di danaro. Gli arrestati sono accusati, a vario titolo, di associazione mafiosa, scambio elettorale politico mafioso, traffico internazionale di stupefacenti, estorsioni, rapine, detenzione di armi da fuoco. Manette anche i capi delle famiglie mafiose di Villabate, Ficarazzi e Altavilla Milicia.

0 condivisioni

La requisitoria al processo Mori

Mafia, per il pm Di Matteo il Ros
non volle catturare Provenzano

“Plurime omissioni” e una “deliberata strategia di inerzia”contraddistinsero l’azione dei carabinieri del Ros nelle indagini sulla ricerca del boss Bernardo Provenzano.

0 condivisioni

"Agenda rossa di Borsellino presa da un uomo dell'Arma"

Stato-mafia, ‘corvo’ forse carabiniere: “Prelevate carte dal covo di Riina”

Quando Totò Riina, fu arrestato, i carabinieri, di nascosto agli inquirenti, sarebbero entrati nel covo del boss e lo smantellarono, prelevando carte scottanti che rivelavano nomi e verità importanti sulla trattativa Stato-mafia. Lo rivela l’anonimo che potrebbe essere un carabiniere.

0 condivisioni

la caccia al boss di castelvetrano

Mafia: “Matteo Messina Denaro
è protetto ad alti livelli”

“Matteo Messina Denaro è sicuramente protetto da qualcuno a buon livello. Su queste coperture ci sono indagini in corso, ma purtroppo altro non posso rivelarle”. Con queste parole il magistrato Teresa Principato, annuncia le ultime importantissime novità sullo stato d’avanzamento delle operazioni antimafia.

0 condivisioni

Parla a BloSicilia il generale Parente

Comandante Ros: “La caccia a
Messina Denaro continua”

Il generale Parente smentisce a BlogSicilia che il Ros abbia interrotto le ricerche del boss mafioso Matteo Messina Denaro: “Smentisco categoricamente l’interru
zione delle ricerche. Non capisco come si possa esser diffusa una voce in tal senso. Noi continuiamo ad avere le deleghe p
er ricercare il latitante. Le nostre forze sono concentrate sulla sua cattura”

0 condivisioni

operazione gotha III

Mafia, quindici arresti nel Messinese

Nuovo duro colpo alla famiglia mafiosa di Barcellona Pozzo di Gotto. I carabinieri del Ros e del Comando provinciale di Messina hanno eseguito 15 ordinanze di custodia cautelare in carcere per associazione mafiosa, omicidio, estorsioni, intestazione fittizia di beni ed altri reati. Sequestrati anche beni per un valore di oltre 15 milioni di euro.

0 condivisioni

Il nuovo comandante ha operato per tanti anni in Sicilia

Cambio della guardia al Ros,
Parente prende il posto di Ganzer

Il generale Mario Parente è il nuovo comandante del Raggruppamento operativo speciale (Ros) dei carabinieri. Prende il posto del generale Giampaolo Ganzer, che lascia il servizio per raggiunti limiti d’età.

0 condivisioni

Parla il presidente della commissione antimafia ue

Alfano attacca nuovo comandante Ros
“Negli anni ’90 non arrestò Santapaola”

“Ritengo la nomina di Mario Parente alla guida del Ros dei carabinieri sbagliata e inopportuna, perché è coinvolto nella mancata cattura, negli anni ’80, del boss catanese Benedetto Santapaola”. Queste le dure parole di Sonia Alfano, presidente della Commissione Antimafia europea, sul cambio della guardia al Raggruppamento operativo speciale dell’Arma.

0 condivisioni

La smentita è di Carmelo Canale ufficiale dell'Arma

Smentito ex pm al processo Mori
sui rapporti tra Borsellino e i Ros

”Non ho mai detto alla dottoressa Camassa di sconsigliare Borsellino di frequentare i carabinieri del Ros e in particolare i vertici del Raggruppamento”. Carmelo Canale, ufficiale dell’Arma che per anni ha lavorato a fianco del giudice Paolo Borsellino, ha smentito il racconto fatto in aula al processo Mori dal magistrato Alessandra Camassa.

0 condivisioni

La Procura chiede l'archiviazione

“Subranni non è punciutu
e non tradì Borsellino”

Non sarebbero stati trovati riscontri – secondo quanto scrive il Giornale di Sicilia – alle parole di Agnese Piraino Leto, la vedova del procuratore aggiunto Paolo Borsellino, che aveva detto che ”Subranni era punciuto”. Questa rivelazione, disse la donna, le fu fatta dal marito. Subranni ha sempre respinto le accuse.

0 condivisioni

all'alba a catania

Mafia, arrestato il
figlio di Nitto Santapaola

Vincenzo Santapaola, figlio maggiore del capo della famiglia catanese di Cosa Nostra, è stato arrestato dai carabinieri del Ros che hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare che era stata emessa nell’ambito dell’operazione Iblis. Il giovane lo scorso mese di novembre era sfuggito alla cattura dopo essersi dato alla latitanza: era accusato di associazione mafiosa e di guidare la famiglia un tempo capeggiata dal padre.

0 condivisioni
Digitrend s.r.l.